17 Feb 2020

Arredi ecologici per le città: l’efficienza energetica cambia gli spazi urbani

Scritto da: Redazione

Coniugando design ed efficienza energetica, gli arredi ecologici possono contribuire a rendere le città più sostenibili, favorendo al contempo l'aggregazione sociale. In questa direzione si muovono le proposte di BioStile, azienda di Bologna che realizza nuovi arredi intelligenti per abbellire in modo funzionale quartieri e frazioni cittadine.

Da alcuni anni il modello di sviluppo nelle città è cambiato, accelerando su nuove forme di aggregazione ispirate alla sostenibilità. I quartieri puntano a diventare “smart” sia sul piano delle infrastrutture sia dei processi, con una gestione intelligente delle risorse, degli arredi e degli spazi. Proprio l’arredo diventa elemento chiave di una città intelligente. Non un oggetto qualunque ma un oggetto intelligente che nasce da un’attenta ricerca, che fa bene all’ambiente e infonde benessere tra le persone.

I centri urbani hanno imboccato la strada dell’innovazione, con l’obiettivo graduale di diventare sostenibili cioè autosufficienti sul piano energetico, abbattendo così i grandi sprechi. La strada è lunga ma l’Italia, soprattutto le regioni del Nord, stanno dimostrando tutto il coraggio di progettare una bellezza intelligente che renda i luoghi all’altezza di sogni e bisogni delle nuove generazioni.

In Italia esistono già diversi esempi di Smart City ed è l’Emilia-Romagna la regione a detenere il primato: ben 4 città emiliane infatti rientrano nella classifica di ICity Rank 2019. A Bologna, in particolare, ogni anno cresce il numero di imprese e StartUp che investono sulle tecnologie green per soddisfare le esigenze di relazione e comunicazione delle nuove generazioni. Tra queste vi è BioStile, realtà che coniuga ingegneria, creatività e sostenibilità. Una realtà guidata da Roberto Ghisellini che attraverso la ricerca, realizza arredi ecologici per le Smart City con un ponte di fiducia e collaborazione verso i millennials.

Ne sono testimoni gli adolescenti di RadioImmaginaria che da tempo notiamo in giro per l’Italia accanto e dentro le postazioni radio realizzate da BioStile come StreetLab per i grandi eventi in piazza.

biostile radio immaginaria

Puntando sul design e l’efficienza energetica, Biostile vuole aumentare i livelli di benessere e aggregazione sociale. Fin dall’inizio, Biostile ha infatti creduto nel cambiamento sostenibile attraverso lo sviluppo di arredi eco-urban. Il 2019 ha visto la nascita di due arredi che non inquinano.

Il primo è Surfà (da tavola da surf e sofa), panca intelligente concepita per vivere gli spazi esterni (piazze, parchi..) rispettando la filosofia di città “intelligente”. L’arredo, realizzato in collaborazione con – Sunergy, azienda produttrice di moduli fotovoltaici – si caratterizza principalmente per due funzioni: illuminazione notturna e ricarica wireless di giorno e di notte per i dispositivi mobile (smartphone, tablet ..), sfruttando l’energia rinnovabile che si accumula sul grande pannello fotovoltaico. Nella panca è installata una centralina meteo e monitoraggio inquinanti per rilevare i livelli di qualità dell’aria intorno.

L’altra novità proposta da Biostile è Spikkio, un pannello fotovoltaico ispirato alla natura che permette di ricaricare i dispositivi mobili direttamente da sotto l’ombrellone. Si tratta di un modulo disegnato a mano, dove ciascuna cella è orientata in modo da catturare la maggior quantità di luce nell’arco della giornata.

arredi ecologici biostile

Entrambi gli eco-arredi coniugano il design made in Italy alle nuove tecnologie e all’efficienza energetica. «Stiamo ora lavorando alla linea completa “urban & smart” e quest’anno presenteremo alla città e alla regione Emilia Romagna nuovi arredi intelligenti da proporre alle pubbliche amministrazioni per abbellire in modo funzionale quartieri e frazioni cittadine», annuncia Roberto Ghisellini ideatore di BioStile.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente
énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

Accademia, lo spazio recuperato e restituito alla città dove studiare e far fiorire nuove idee d’impresa
Accademia, lo spazio recuperato e restituito alla città dove studiare e far fiorire nuove idee d’impresa

Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”