16 Mar 2020

Arrivano i Tour sospesi: un (bi)sogno delle imprese sociali contro la crisi

Scritto da: Redazione

In difficoltà economica con il diffondersi dell’emergenza coronavirus ed a seguito delle misure di contenimento, alcune imprese sociali di Palermo hanno deciso di unirsi e lanciare l'iniziativa dei “Tour sospesi”: esperienze culturali e turistiche che chi vuole potrà comprare e che verranno poi offerte ai giovani dell'isola per continuare a far conoscere ai giovani siciliani il territorio attraverso una lettura etica e sostenibile.

Sicilia - Un (bi)sogno contro la crisi. Questa l’idea intorno alla quale si sono unite alcune imprese sociali siciliane: un’iniziativa che coniuga solidarietà ed economia per compensare eticamente i mancati incassi causati dal coronavirus.

Promotrici dell’iniziativa sono imprese sociali con base a Palermo, attive nel turismo e nella cultura. 65 tra dipendenti e collaboratori con un’età media sotto i 40 anni. Due tour operator di turismo etico, Palma Nana e Addiopizzo Travel, Moltivolti, un ristorante multietnico e co-working, l’Ecomuseo urbano Mare Memoria Viva e Libera il g(i)usto di viaggiare, turismo responsabile che valorizza i beni confiscati alle mafie.

addipizzo tour
Foto di Addio Pizzo Travel

Si tratta di piccole realtà indipendenti che lavorano prevalentemente con le scuole. In queste ultime settimane, con il diffondersi dell’emergenza Covid-19 ed a seguito dei legittimi provvedimenti di contenimento, hanno ricevuto la disdetta di un’intera stagione di lavoro che mette seriamente a rischio l’esistenza stessa delle organizzazioni, che si basa su servizi che mettono al centro la socialità.

Come dice Cristina Alga co-fondatrice del Museo del Mare Memoria Viva, «i musei, le biblioteche, gli spazi pubblici, il patrimonio storico e naturalistico sono i luoghi della conoscenza, delle relazioni, della cittadinanza. Speriamo di tornare presto ad accogliere perché è nella dimensione dello scambio e della presenza che il nostro lavoro meglio si compie».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Nella crisi, non sono rimasti a guardare ma si sono uniti, decidendo di aiutarsi a vicenda, scommettendo sui propri valori e sulle comunità, su tutti coloro che sceglieranno di sostenerne la possibilità di esistenza. Senza elemosine, ma con un meccanismo che permette di continuare a lavorare per sé e per gli altri.

tour sospesi crisi 1

“Abbiamo un (bi)sogno” è il nome della campagna di crowdfunding ideata e lanciata sulla piattaforma di Produzioni dal basso dove sarà possibile donare uno dei “tour sospesi”: esperienze culturali, civiche e culinarie che normalmente le organizzazioni propongono alle scuole e ai viaggiatori.

In questo modo, chi avrà voglia di offrire il proprio sostegno, potrà comprare una di queste esperienze che verranno poi a loro volta offerte a chi è qui: bambini e ragazzi del territorio palermitano, per esempio, che magari non potrebbero permetterselo e che della crisi potranno fare tesoro.

Dario Riccobono e Fabrizio Giacalone fondatori dei tour operator di turismo responsabile Addio Pizzo Travel e Palma Nana, sottolineano l’importanza di tali esperienze: «Un tour sospeso, per continuare a far conoscere ai giovani il nostro territorio attraverso una lettura etica e sostenibile. Un dono per giovani sconosciuti per rafforzare il loro senso di appartenenza alla propria città, al proprio territorio alla ricerca di una nuova crescita sociale, economica e culturale e, perché no, vivere un vero viaggio nella propria città da turisti ovvero con la meraviglia nello sguardo».

«Il nostro è un gesto di speranza – aggiunge Claudio Arestivo co-fondatore di Moltivolti – ma anche di ottimismo. Sappiamo che in questo momento tantissime realtà imprenditoriali in Italia stanno vivendo il dramma dei licenziamenti e del rischio chiusura. A loro, così come anche ai nostri collaboratori vorremmo dire di non arrendersi, di non mollare e di ricercare nella cooperazione e nella solidarietà gli ingredienti per superare questo brutto momento».

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Nascono le “ciclovie rosa” per valorizzare il turismo rurale e le tradizioni locali
Nascono le “ciclovie rosa” per valorizzare il turismo rurale e le tradizioni locali

Destinazione Casentino

Zaino in spalla: il 2019 è l’anno del…turismo lento

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il crollo della natalità è davvero un problema? – #530

|

Erbe storne, la rassegna organizzata da un gruppo di teatranti per rendere omaggio alla comunità che li ha accolti

|

Seminare comunità: ecco la ricetta formativa che unisce agricoltura e abitare collaborativo

|

La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa

|

Malìa Lab: la sartoria artigianale etica di Flavia, tornata in Calabria per restare

|

Spazzamondo: anche quest’anno tornano i cittadini attivi per l’ambiente

|

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

|

Emergency: “Ecco come aiutiamo la Moldavia ad accogliere i profughi ucraini”