31 Mar 2020

Tamara, la scollocata che consegna in bici le verdure dell’orto

Scritto da: Jessica Prati

Tamara lavorava in un grande supermercato: un impiego che non rispettava affatto la sua sensibilità e il suo stile di vita. Per questo motivo si è licenziata e ha iniziato ad aiutare i contadini locali consegnando i loro prodotti con una cargo bike. Oggi questo è diventato il suo lavoro!

Veneto - Avete mai visto per strada una tricicletta con una cassa di legno posta sulla parte anteriore, guidata da una donna? Normalmente si aggira tra le zone di Portogruaro, Fossalta e Concordia. Se vi è capitato non si trattava di una visione, ma di Tamara Marchese, che con il suo progetto Orti a pedali ha totalmente rivoluzionato la sua vita sia personalmente che professionalmente.

Fino a pochi anni fa Tamara lavorava in un ipermercato della grande distribuzione che dopo un quarto di secolo ha iniziato a dare segni di cedimento; piuttosto che aspettare la chiusura dell’attività e rimanere in balia di una situazione poco promettente e poco chiara, Tamara ha deciso di uscirne e lasciare definitivamente la grande distribuzione. Già prima di intraprendere la sua nuova attività, seguiva una serie di principi e di valori che la portavano a preferire la frutta e la verdura del contadino e in generale tutti i prodotti che si potevano trovare a km 0.

orti a pedali social

Lo starter vero e proprio dell’attività è nato un po’ casualmente: parlando con la Fattoria di Sara e Giulia, dalla quale Tamara si riforniva, le è stato proposto di consegnare dei prodotti nei pressi di Venezia. Aveva tempo, era senza lavoro, conosceva i fornitori e di conseguenza i prodotti che avrebbe consegnato. Perché non espandere il raggio di una fattoria a lei cara e non farne un’attività che si sposava con i suoi principi, i suoi valori e il suo stile di vita?

È iniziata così questa fantastica e indipendente avventura chiamata Orti a Pedali. Come prima cosa Tamara ha cercato la tricicletta, il suo segno distintivo per le consegne; il passaparola è stato il primo mezzo con il quale ha iniziato a farsi conoscere per creare poi il suo sito, nel quale potete trovare tutti i dettagli della sua attività.

Per riuscire a ottimizzare il suo servizio e coprire una fascia più estesa di territorio ha diviso le giornate di consegna per zone: il lunedì e il giovedì consegna frutta e verdura a Portogruaro e il mercoledì e venerdì Concordia, Sagittaria e Fossalta. Il sabato è la giornata dedicata alla consegna del pane (fatto al forno a legna con il lievito madre) e della pasta.

Le fattorie dalle quali si rifornisce usano la metodologia della lotta integrata, ovvero una coltivazione che mira a ridurre se non a eliminare l’uso di pesticidi chimici; per Tamara è importante sottolineare che quello che consegna è quello che mangia la sua famiglia, motivo per il quale tutti i prodotti sono freschi ed assolutamente certificati nel rispetto di una procedura di coltivazione il più sana ed ecosostenibile possibile.

orti a pedali 5

Ormai la sua attività è attiva da novembre e nel corso di questi mesi il suo giro di clienti è in costante aumento. Con sua piacevole sorpresa si sta accorgendo che c’è tantissima gente aperta e ricettiva rispetto a una scelta di vita diversa da quella che ci viene imposta e pubblicizzata: la differenza si può farla scegliendo più consapevolmente i prodotti che ogni giorno mettiamo sulla nostra tavola e nel nostro corpo.

Con il tempo il suo desiderio è ampliare l’offerta dei suoi prodotti ed estendere la consegna anche dei detergenti sfusi, prodotti naturalmente, per trasmettere chiaro e forte un messaggio che di questi tempi più che mai è necessario: «Vorrei che la persone comprendessero che si può vivere consumando meno, più consapevolmente: a Km 0 e impatto 0», dice.

È vero che per questo stile di vita ci vuole del tempo e un vero ricambio di abitudini. Ora il tempo ce l’abbiamo, anche solo per informarci, guardare altrove, cucinare, andare dal contadino e scegliere altro. Siamo obbligati ora ad avvicinarci a uno stile di vita che per molti è sconosciuto e quasi soffocante, eppure più lento, più rispettoso dei nostri tempi e dei nostri bisogni e sicuramente più ecosostenibile. Chissà cosa può succedere una volta che lo si sperimenta…

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Da libraia ad autrice di libri per l’infanzia, dalla città alle colline: la storia di Mariapaola
Da libraia ad autrice di libri per l’infanzia, dalla città alle colline: la storia di Mariapaola

La nuova vita di Ilaria, da erborista a travel coach in giro per il mondo
La nuova vita di Ilaria, da erborista a travel coach in giro per il mondo

La storia di Davide, da Milano a Lerici: “La mia nuova vita tra fumetti e barca a vela”
La storia di Davide, da Milano a Lerici: “La mia nuova vita tra fumetti e barca a vela”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”