11 Mar 2020

Tutela multirischi per il volontariato: la nuova proposta di CAES per il Terzo Settore

Scritto da: Daniela Bartolini

Proteggere i volontari degli Enti del Terzo Settore. Nasce per questo Tutela multirischi per il volontariato, il prodotto a marchio Eticapro proposto da CAES.

Nasce dall’impegno sociale di CAES, il Consorzio Assicurativo Etico e Solidale, per il quale uno degli obiettivi fondanti è l’adozione dei principi dell’Economia Solidale all’interno del fare assicurazione, “Tutela multirischi per il volontariato”, un nuovo prodotto specifico volto a proteggere i volontari degli Enti del Terzo Settore.

Come abbiamo raccontato nella nostra video storia e approfondito attraverso la nostra ultima campagna tematica, CAES riporta al centro del mondo assicurativo la persona e l’assicurazione come servizio sociale, come strumento di equità e di sostegno di fronte al disagio, andando a coprire quei vuoti, quelle necessità particolari che hanno bisogno di essere tutelate.

“Tutela multirischi per il volontariato” nasce anche dal constante dialogo con altre realtà e con gli enti del terzo settore, come evidenziato nell’ultimo bilancio sociale. Questo nuovo prodotto è a marchio EticaPro, progetto assicurativo dedicato al Terzo settore e al consumo critico nato dalla collaborazione tra Gruppo Assicurativo Assimoco, Banca Etica e CAES, unendo le migliori competenze professionali e i servizi assicurativi e dedicato a chi vuol migliorare il mondo in una logica di economia circolare e di bene comune.

caes terzo settore

Oggetto della tutela sono i volontari degli enti del terzo settore ed è composta da Responsabilità civile verso terzi, Infortunio e Malattia, nelle attività previste dallo statuto dell’ETS e quelle non previste, purché svolte in maniera occasionale e non continuativa. Per responsabilità civile verso terzi si intende la garanzia di risarcimento in caso di danni involontariamente causati a terzi, per morte, per lesioni personali e per danneggiamenti a cose, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione ai rischi per i quali è stipulata l’assicurazione.

L’infortunio garantisce invece un capitale nel caso l’assicurato subisca un infortunio nello svolgimento dell’attività per la quale è stipulata l’assicurazione, compreso il rischio in itinere. È considerato infortunio l’evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna che produca lesioni fisiche obiettivamente constatabili le quali abbiano per conseguenza la morte, un’invalidità permanente, un ricovero ospedaliero, l’immobilizzazione/gessatura o l’esborso di spese medico-sanitarie.

Infine l’assicurato è tutelato nel caso in cui contragga, durante l’attività di volontariato, una malattia che abbia come conseguenza un ricovero ospedaliero o l’esborso di spese medico-sanitarie. È considerata malattia una qualunque alterazione clinicamente diagnosticabile dello stato di salute non dipendente da infortunio e che non sia una malformazione o un difetto fisico. La copertura malattia decorre dal 60° giorno successivo a quello in cui ha effetto l’assicurazione. “Tutela Multirischi per il Volontariato” è stipulabile con durata annuale, inferiore o superiore all’anno.

Per ulteriori dettagli clicca qui

Caes BannerICC 2021 Animato

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Articoli simili
Le banche etiche rendono tre volte più di quelle tradizionali

Investimenti sostenibili e responsabili

Come sopravvivere alla finanza, Terranave ne parla con Daniel Tarozzi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”