11 Mar 2020

Tutela multirischi per il volontariato: la nuova proposta di CAES per il Terzo Settore

Scritto da: Daniela Bartolini

Proteggere i volontari degli Enti del Terzo Settore. Nasce per questo Tutela multirischi per il volontariato, il prodotto a marchio Eticapro proposto da CAES.

Nasce dall’impegno sociale di CAES, il Consorzio Assicurativo Etico e Solidale, per il quale uno degli obiettivi fondanti è l’adozione dei principi dell’Economia Solidale all’interno del fare assicurazione, “Tutela multirischi per il volontariato”, un nuovo prodotto specifico volto a proteggere i volontari degli Enti del Terzo Settore.

Come abbiamo raccontato nella nostra video storia e approfondito attraverso la nostra ultima campagna tematica, CAES riporta al centro del mondo assicurativo la persona e l’assicurazione come servizio sociale, come strumento di equità e di sostegno di fronte al disagio, andando a coprire quei vuoti, quelle necessità particolari che hanno bisogno di essere tutelate.

“Tutela multirischi per il volontariato” nasce anche dal constante dialogo con altre realtà e con gli enti del terzo settore, come evidenziato nell’ultimo bilancio sociale. Questo nuovo prodotto è a marchio EticaPro, progetto assicurativo dedicato al Terzo settore e al consumo critico nato dalla collaborazione tra Gruppo Assicurativo Assimoco, Banca Etica e CAES, unendo le migliori competenze professionali e i servizi assicurativi e dedicato a chi vuol migliorare il mondo in una logica di economia circolare e di bene comune.

caes terzo settore

Oggetto della tutela sono i volontari degli enti del terzo settore ed è composta da Responsabilità civile verso terzi, Infortunio e Malattia, nelle attività previste dallo statuto dell’ETS e quelle non previste, purché svolte in maniera occasionale e non continuativa. Per responsabilità civile verso terzi si intende la garanzia di risarcimento in caso di danni involontariamente causati a terzi, per morte, per lesioni personali e per danneggiamenti a cose, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione ai rischi per i quali è stipulata l’assicurazione.

L’infortunio garantisce invece un capitale nel caso l’assicurato subisca un infortunio nello svolgimento dell’attività per la quale è stipulata l’assicurazione, compreso il rischio in itinere. È considerato infortunio l’evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna che produca lesioni fisiche obiettivamente constatabili le quali abbiano per conseguenza la morte, un’invalidità permanente, un ricovero ospedaliero, l’immobilizzazione/gessatura o l’esborso di spese medico-sanitarie.

Infine l’assicurato è tutelato nel caso in cui contragga, durante l’attività di volontariato, una malattia che abbia come conseguenza un ricovero ospedaliero o l’esborso di spese medico-sanitarie. È considerata malattia una qualunque alterazione clinicamente diagnosticabile dello stato di salute non dipendente da infortunio e che non sia una malformazione o un difetto fisico. La copertura malattia decorre dal 60° giorno successivo a quello in cui ha effetto l’assicurazione. “Tutela Multirischi per il Volontariato” è stipulabile con durata annuale, inferiore o superiore all’anno.

Per ulteriori dettagli clicca qui

Caes BannerICC 2021 Animato

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Etica Sgr: sfatiamo il mito che gli investimenti finanziari sono tutti “cattivi”
Etica Sgr: sfatiamo il mito che gli investimenti finanziari sono tutti “cattivi”

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…
La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

Anna Fasano di Banca Etica: “La finanza etica è incompatibile con gli investimenti nell’industria delle armi”
Anna Fasano di Banca Etica: “La finanza etica è incompatibile con gli investimenti nell’industria delle armi”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk