Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
11 Mar 2020

Tutela multirischi per il volontariato: la nuova proposta di CAES per il Terzo Settore

Scritto da: Daniela Bartolini

Proteggere i volontari degli Enti del Terzo Settore. Nasce per questo Tutela multirischi per il volontariato, il prodotto a marchio Eticapro proposto da CAES.

Nasce dall’impegno sociale di CAES, il Consorzio Assicurativo Etico e Solidale, per il quale uno degli obiettivi fondanti è l’adozione dei principi dell’Economia Solidale all’interno del fare assicurazione, “Tutela multirischi per il volontariato”, un nuovo prodotto specifico volto a proteggere i volontari degli Enti del Terzo Settore.

Come abbiamo raccontato nella nostra video storia e approfondito attraverso la nostra ultima campagna tematica, CAES riporta al centro del mondo assicurativo la persona e l’assicurazione come servizio sociale, come strumento di equità e di sostegno di fronte al disagio, andando a coprire quei vuoti, quelle necessità particolari che hanno bisogno di essere tutelate.

“Tutela multirischi per il volontariato” nasce anche dal constante dialogo con altre realtà e con gli enti del terzo settore, come evidenziato nell’ultimo bilancio sociale. Questo nuovo prodotto è a marchio EticaPro, progetto assicurativo dedicato al Terzo settore e al consumo critico nato dalla collaborazione tra Gruppo Assicurativo Assimoco, Banca Etica e CAES, unendo le migliori competenze professionali e i servizi assicurativi e dedicato a chi vuol migliorare il mondo in una logica di economia circolare e di bene comune.

Oggetto della tutela sono i volontari degli enti del terzo settore ed è composta da Responsabilità civile verso terzi, Infortunio e Malattia, nelle attività previste dallo statuto dell’ETS e quelle non previste, purché svolte in maniera occasionale e non continuativa. Per responsabilità civile verso terzi si intende la garanzia di risarcimento in caso di danni involontariamente causati a terzi, per morte, per lesioni personali e per danneggiamenti a cose, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione ai rischi per i quali è stipulata l’assicurazione.

L’infortunio garantisce invece un capitale nel caso l’assicurato subisca un infortunio nello svolgimento dell’attività per la quale è stipulata l’assicurazione, compreso il rischio in itinere. È considerato infortunio l’evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna che produca lesioni fisiche obiettivamente constatabili le quali abbiano per conseguenza la morte, un’invalidità permanente, un ricovero ospedaliero, l’immobilizzazione/gessatura o l’esborso di spese medico-sanitarie.

Infine l’assicurato è tutelato nel caso in cui contragga, durante l’attività di volontariato, una malattia che abbia come conseguenza un ricovero ospedaliero o l’esborso di spese medico-sanitarie. È considerata malattia una qualunque alterazione clinicamente diagnosticabile dello stato di salute non dipendente da infortunio e che non sia una malformazione o un difetto fisico. La copertura malattia decorre dal 60° giorno successivo a quello in cui ha effetto l’assicurazione. “Tutela Multirischi per il Volontariato” è stipulabile con durata annuale, inferiore o superiore all’anno.

Per ulteriori dettagli clicca qui

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

ATTIVATI

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La repressione cinese degli Uiguri – Io Non Mi Rassegno #217

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

In Italia si mappano i borghi per chi vuole vivere e lavorare in montagna

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente