14 Apr 2020

Cleaning for a reason: le volontarie che puliscono gratis le case delle donne malate di cancro

Nato negli Stati Uniti una quindicina di anni fa e recentemente adottato anche in Italia, questo progetto crea una rete solidale di imprese di pulizie che si occupano gratuitamente della cura delle case di donne malate di cancro.

“Non posso permettermelo adesso, mi sto curando da un cancro”. Questa è stata la risposta di una donna che Debbie Sardone, proprietaria di un’impresa di pulizie del Texas, si è sentita dare dopo aver mandato un preventivo a una potenziale cliente.

Era il 2005 e la sanità privatizzata americana – i cui limiti stanno drammaticamente emergendo proprio in questi giorni – non consentiva a questa donna malata di tumore di affrontare anche una spesa contenuta come può essere quella di un servizio di pulizia domestica, poiché tutti i suoi risparmi servivano per le costose terapie anti-cancro.

cleaning for a reason

Tuttavia Debbie, che conosceva bene quella situazione avendo avuto anche la madre malata di cancro, ha deciso di attivarsi in prima persona per sostenere tutte le donne che avevano bisogno di supporto, trovandosi in quella condizione economicamente e psicologicamente critica. Ha condiviso il suo desiderio di sostenere le pazienti oncologiche con i colleghi e le colleghe dell’associazione di categoria, che hanno appoggiato l’idea e da qualche anno l’hanno anche arricchita, fino a includere raccolte fondi e giornate di volontariato, il tutto rivolto a qualsiasi famiglia con donne, uomini o bambini malati di tumore.

È nato così Cleaning for a reason, un programma di portata nazionale che mette in contatto donne malate di tumore con domestiche di professione che possono occuparsi gratuitamente della cura della loro casa. Sino a oggi, il progetto ha messo in rete 1200 agenzie di pulizia e 40000 ammalate bisognose di sostengo su tutto il territorio americano, erogando prestazioni gratuite per un valore di più di tredici milioni di dollari.

Addirittura alcune aziende fornitrici di prodotti per le pulizie hanno deciso di sostenere la causa, contribuendo anche a farla conoscere, come ad esempio Swiffer, che ha realizzato e commercializzato in tutto il paese uno spazzolone rosa dedicato a Cleaning for a reason. Questo sostegno è stato molto importante poiché, come confessa la stessa Debbie, il problema principale del progetto è che troppe donne non ne sono a conoscenza e non sanno come usufruirne.

cleaning for a reason 5

Dopo essersi diffusa anche in Canada e Nuova Zelanda, qualche mese fa l’iniziativa è sbarcata anche in Italia grazie eventi organizzati a Roma e Milano e all’iniziativa di un gruppo di donne di Benevento, a cui nel giro di pochi giorni hanno aderito decine di volontarie. «Quando una donna si ammala di cancro cambia tutto, anche a livello famigliare. Dal punto di vista fisico e psicologico si sta male. È importante cercare di mantenere la propria routine quotidiana, ma spesso non ci si riesce», ha commentato una delle promotrici dell’iniziativa, anche lei con una sorella paziente oncologica.

Articoli simili
HelloPet!: in ospedale, al fianco del proprio cane
HelloPet!: in ospedale, al fianco del proprio cane

Elena Sardo: “Vi racconto come l’aromaterapia mi ha cambiato la vita”
Elena Sardo: “Vi racconto come l’aromaterapia mi ha cambiato la vita”

Endometriosi: ecco perché è arrivato il momento di parlarne
Endometriosi: ecco perché è arrivato il momento di parlarne

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento