Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Apr 2020

La Rete Museale Biellese, un territorio in divenire – VIDEO

La Rete Museale Biellese si racconta attraverso un filmato: sito dopo sito, la narrazione mette in luce, tra immagini e parole, le meraviglie dei siti del territorio laniero. Tra i "protagonisti" figura anche Cittadellarte, con una ripresa alla sede permanente del Terzo Paradiso.

Immaginate una rete, colorata di cultura, che unisce metaforicamente realtà differenti tra loro per storia e settore. Ma se l’ambito differisce, il luogo unisce. Non ci riferiamo solo al contesto, il Biellese, provincia ricca di patrimoni artistici e città recentemente inserità tra le Unesco Creative Cities. Quello che lega ciò che stiamo per presentare è la ricchezza storica, culturale e sociale che un sito può rappresentare per la propria comunità di riferimento.

Ecco, parliamo della Rete Museale Biellese, un progetto territoriale – proposto e coordinato dall’Ecomuseo Valle Elvo e Serra in collaborazione con l’Ecomuseo del Biellese, di cui è parte – che si rinnova ogni anno dal 2012, intrecciando gradualmente un nuovo tessuto di relazioni tra molti attori culturali, pubblici e privati, e favorendo la condivisione di risorse per la valorizzazione dei patrimoni degli ecomusei, dei musei, dei castelli, dei palazzi, delle aree naturalistiche e di altri siti d’interesse del territorio biellese.

Anche il processo di crescita è considerevole: dal 2012 al 2019 la Rete ha coinvolto 44 differenti realtà museali situate in 32 comuni, arrivando a registrare circa 97.600 visitatori.
Anche quest’anno, nonostante le criticità date dal Covid-19, la Rete è in attesa di riaprire i siti che faranno parte della nuova stagione.

E mentre si aspetta l’edizione 2020, è stato realizzato e proposto un video attraverso Facebook e YouTube – realizzato con il contributo della Compagnia di San Paolo nell’ambito del progetto Ri(e)voluzioni Culturali – intitolato Rete Museale Biellese – Un territorio in divenire: un racconto aperto e in evoluzione delle ricchezze e differenze ambientali e culturali sedimentate nel biellese. Chi c’è nel dietro le quinte dell’opera? Il coordinamento e la regia sono di Giuseppe Pidello, le riprese video e il montaggio di Maurizio Pellegrini, l’audio e la colonna sonora di Ted Martin Consoli e le riprese con drone di Oliver Migliore.

Il filmato si concetra sui 37 siti aderenti nel 2019 alla Rete e continuerà nei prossimi anni integrando nuovi elementi che lo manterranno attuale. Le immagini e i suoni, i rumori e le parole che lo compongono nascono in presa diretta dai paesaggi e dai luoghi peculiari del Biellese, intrecciando le attività che li hanno plasmati nel tempo a quelle che li mantengono vivi oggi, conservandoli e rigenerandoli.

Il video, nonostante sia lungo poco più di 10 minuti, riesce a raccontare in pochi frangenti l’essenza e l’identità dei presidi, delle aree naturalistiche e di tutte le strutture d’interesse. Tra questi, figura anche Cittadellarte, che compare nel filmato con un ripresa della sede permamente del Terzo Paradiso; con lo scorrere dei secondi, la voce fuori campo sintetizza il significato del segno-simbolo di Michelangelo Pistoletto.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sidney 100% rinnovabili? – Io Non Mi Rassegno #213

|

L’erboristeria intuitiva, un approccio che coniuga le erbe con la scoperta di sé

|

mOOve: piste ciclabili hi-tech prodotte da plastica riciclata

|

Una famiglia in viaggio per riscoprire la bellezza dell’apprendimento

|

A Borgo! Un viaggio lento tra le comunità delle aree interne

|

Funghi mangia-sigarette e alghe che assorbono Co2, così Montemero ripulisce il Mediterraneo

|

Sardaigne en Liberté: viaggiare in Sardegna valorizzando i territori e le esperienze – Io faccio così #299

|

In una borgata recuperata nasce il Museo dei Racconti sulla vita contadina