28 Apr 2020

La Rete Museale Biellese, un territorio in divenire – VIDEO

La Rete Museale Biellese si racconta attraverso un filmato: sito dopo sito, la narrazione mette in luce, tra immagini e parole, le meraviglie dei siti del territorio laniero. Tra i "protagonisti" figura anche Cittadellarte, con una ripresa alla sede permanente del Terzo Paradiso.

Biella - Immaginate una rete, colorata di cultura, che unisce metaforicamente realtà differenti tra loro per storia e settore. Ma se l’ambito differisce, il luogo unisce. Non ci riferiamo solo al contesto, il Biellese, provincia ricca di patrimoni artistici e città recentemente inserità tra le Unesco Creative Cities. Quello che lega ciò che stiamo per presentare è la ricchezza storica, culturale e sociale che un sito può rappresentare per la propria comunità di riferimento.

Ecco, parliamo della Rete Museale Biellese, un progetto territoriale – proposto e coordinato dall’Ecomuseo Valle Elvo e Serra in collaborazione con l’Ecomuseo del Biellese, di cui è parte – che si rinnova ogni anno dal 2012, intrecciando gradualmente un nuovo tessuto di relazioni tra molti attori culturali, pubblici e privati, e favorendo la condivisione di risorse per la valorizzazione dei patrimoni degli ecomusei, dei musei, dei castelli, dei palazzi, delle aree naturalistiche e di altri siti d’interesse del territorio biellese.

Rete Museale Biellese

Anche il processo di crescita è considerevole: dal 2012 al 2019 la Rete ha coinvolto 44 differenti realtà museali situate in 32 comuni, arrivando a registrare circa 97.600 visitatori.
Anche quest’anno, nonostante le criticità date dal Covid-19, la Rete è in attesa di riaprire i siti che faranno parte della nuova stagione.

E mentre si aspetta l’edizione 2020, è stato realizzato e proposto un video attraverso Facebook e YouTube – realizzato con il contributo della Compagnia di San Paolo nell’ambito del progetto Ri(e)voluzioni Culturali – intitolato Rete Museale Biellese – Un territorio in divenire: un racconto aperto e in evoluzione delle ricchezze e differenze ambientali e culturali sedimentate nel biellese. Chi c’è nel dietro le quinte dell’opera? Il coordinamento e la regia sono di Giuseppe Pidello, le riprese video e il montaggio di Maurizio Pellegrini, l’audio e la colonna sonora di Ted Martin Consoli e le riprese con drone di Oliver Migliore.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il filmato si concetra sui 37 siti aderenti nel 2019 alla Rete e continuerà nei prossimi anni integrando nuovi elementi che lo manterranno attuale. Le immagini e i suoni, i rumori e le parole che lo compongono nascono in presa diretta dai paesaggi e dai luoghi peculiari del Biellese, intrecciando le attività che li hanno plasmati nel tempo a quelle che li mantengono vivi oggi, conservandoli e rigenerandoli.

Il video, nonostante sia lungo poco più di 10 minuti, riesce a raccontare in pochi frangenti l’essenza e l’identità dei presidi, delle aree naturalistiche e di tutte le strutture d’interesse. Tra questi, figura anche Cittadellarte, che compare nel filmato con un ripresa della sede permamente del Terzo Paradiso; con lo scorrere dei secondi, la voce fuori campo sintetizza il significato del segno-simbolo di Michelangelo Pistoletto.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Articoli simili
Quando l’arte crea comunità, svela la bellezza delle periferie e promuove la trasformazione sociale
Quando l’arte crea comunità, svela la bellezza delle periferie e promuove la trasformazione sociale

Il Museo Meina si rinnova e diventa il Borgo Ideale

Il 2015 di Italia Che Cambia: tante storie di cambiamento e sostenibilità!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone