10 Apr 2020

Dalle spese solidali all’assistenza agli anziani: l’impegno di Libera

Scritto da: Lorena Di Maria

Sono tante le storie di assistenza agli anziani, di spese solidali, di sportelli di supporto psicologico ma anche sostegno alla didattica o lavori di sartoria portati avanti dai gruppi di Libera per fornire un supporto indispensabile durante l'emergenza. Attraverso iniziative di mutualismo e cittadinanza attiva hanno creato una rete di solidarietà in tutt'Italia. Vi raccontiamo alcune esperienze in Piemonte.

È una rete solida e interconnessa quella di Libera che, in tutt’Italia, si affianca agli aiuti organizzati dai sindaci declinandosi in mille forme per fare in modo che, insieme all’emergenza sanitaria, non esploda anche l’emergenza sociale provocata dalla crisi economica. Tra le numerose iniziative vi raccontiamo quelle attive in Piemonte raccontate sul sito di Libera, per sostenere e accompagnare persone fragili, anziani e famiglie che necessitano tutti i giorni di un aiuto.

Libera2

Pasti alle famiglie in quarantena

A Cascina Caccia, bene confiscato a San Sebastiano da Po’, in provincia di Torino, gestito dal Gruppo Abele e dall’Associazione Acmos. Qui i ragazzi che vivono in Cascina hanno preso accordi con il Comune per mettersi al servizio del territorio: ogni giorno portano i pasti alle famiglie in quarantena, permettendo loro di ricevere gli aiuti necessari senza dover lasciare le mura di casa e restare in sicurezza.

Trasformare la solitudine

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il Performing Media Lab, bene confiscato a Torino, gestito dall’associazione Acmos, uno spazio creativo ed espositivo, ha lanciato una call per artisti per creare una mostra virtuale visitabile a tutti, attraverso i canali social del Performinmedialab, di Libera Piemonte e di Acmos. L’idea è quella di è spingere a trasformare solitudine e noia in creazione e ad analizzare questo momento storico e sociale attraverso tutti i mezzi di comunicazione disponibili.

La spesa a domicilio

Nella provincia di Verbano-Cusio-Ossola, è stato attivato un servizio gratuito di spesa a domicilio, destinato agli over 65. Questo il contributo che Libera VerbanoCusioOssola, in collaborazione con realtà amiche come l’Associazione 21 Marzo, attiva nel Verbano e l’ Associazione 20.01, con base a Domodossola, prova a dare in questi giorni difficili.

Con il supporto di Novacoop, i volontari del Verbano e del Cusio gesticono un servizio di centralino per la raccolta degli ordini, mentre i volontari ossolani garantiscono anche la consegna a domicilio. Con una particolarità: le mascherine che indossano sono state confezionate da due giovani richiedenti asilo del Mali, che da giorni lavorano incessantemente per garantire la disponibilità di questi introvabili dispositivi di protezione individuale.

Libera3

Valorizzare il senso di prossimità

A Torino, i giovani delle Coabitazioni Giovanili Solidali, progetto del Comune di Torino e di Atc, l’ente gestore delle case di edilizia residenziale pubblica in Piemonte, in queste settimane di emergenza sono attivi per offrire assistenza a chi trova difficoltà ad accedere ai beni di prima necessità e ai servizi socio assistenziali. L’obiettivo è quello di mantenere un clima di prossimità tra le persone, di non lasciare nessuno indietro. Non solo consegna della spesa, ma anche tante attività per rafforzare la prossimità: edizioni speciali del giornale di condominio scritto da coabitanti e inquilini e l’appuntamento giornaliero sul balcone per mettere musica, cantare e chiacchierare insieme.

Articoli simili
La Fabbrichetta: una  vecchia fabbrica rigenerata diventa un centro per i più fragili
La Fabbrichetta: una vecchia fabbrica rigenerata diventa un centro per i più fragili

Kenya, la denuncia dei Sengwer: i finanziamenti occidentali alla conservazione porteranno a un “genocidio”
Kenya, la denuncia dei Sengwer: i finanziamenti occidentali alla conservazione porteranno a un “genocidio”

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13
Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi