Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
4 Giu 2020

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

Scritto da: Roberto Vietti

Un nuovo e innovativo modo di acquistare verdure è quello proposto da Dario de "L'Orto di Sole". Grazie a questa proposta gli interessati possono adottare un orto famigliare, decidendo quali verdure seminare, per poi vedersele recapitate direttamente a casa, fresche e genuine.

È l’una e un quarto. Forse non il miglior momento per chiamare per la prima volta e intervistare Dario, giovane agricoltore e architetto paesaggista de L’Orto di Sole, che prende il nome di sua figlia nata da poco. E invece mi dice che per lui è il miglior momento della giornata per sentirci, in quanto è appena tornato dal suo campo, per fare una meritata pausa pranzo.

Così parliamo del suo nuovo progetto, chiamato “Adotta il tuo Orto”. Fin da subito noto con piacere il suo entusiasmo nel presentarlo. Si tratta di un nuovo modo di acquistare verdure per avvicinare i consumatori direttamente ai produttori. Grazie a questa proposta, infatti, gli interessati possono adottare un orto famigliare, decidendo quali verdure seminare, per poi vedersele recapitate direttamente a casa, fresche e genuine. Ed il costo è di 300 euro per un orto estivo o invernale.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Dario e il suo Orto di Sole

Il progetto nasce alle porte di Torino, per la precisione a Rivalta. In pochi giorni, da quando ha aperto le pagine Facebook e Instagram dell’Orto di Sole, ha ricevuto tanti messaggi di apprezzamento e richieste per avere in adozione un orto. «Mi ha sorpreso questa reazione – ammette Dario – e mi dà tanta energia per continuare in questo progetto».

Dall’idea alla realizzazione, quanto tempo è passato? «È un’idea che avevo in testa da circa un anno, ma le giornate erano sempre molto impegnate e per questo l’avevo accantonata». E così la quarantena diventa un momento importante per strutturarsi e organizzarsi per iniziare questa nuova avventura. “«La quarantena mi ha obbligato a rallentare. E lì ho pensato: se non lo faccio adesso, quando? Dato che sono più tranquillo e ho un’età (33 anni, ndr) per la quale posso portare avanti questo progetto». Attività che richiede tanta fatica, ma che viene compensata dalla grande soddisfazione di veder concretizzato un suo piccolo grande sogno. Anche a costo di diversi sacrifici, come arrivare a casa la sera alle nove, e non poter cenare con la sua piccola Sole.

Le persone interessate possono scegliere fino a 10 tra le varietà di verdura disponibili, nonché la dimensione dell’orto (20, 40 o 60 mq) e contare sull’esperienza di agricoltori professionisti ed esperti del settore. «Le diverse specie sono consociate tra loro seguendo i principi dell’agricoltura biologica e sinergica – ci dice Massimo Pugliese, docente in Agraria all’Università di Torino nonché fondatore di altre startup nel settore (AgriNewTech) – così come la difesa delle piante da attacchi di patogeni e fitofagi è svolta con metodi naturali e rispettosi dell’ambiente. Progetti come questo intendono recuperare le tradizioni agricole, facendo presente al consumatore che ogni verdura ha il suo periodo di semina e raccolta».

Una volta seminato, il proprietario può seguire l’evolversi dell’orto a distanza attraverso foto e video, oppure recarsi di persona in azienda il sabato mattina. Sempre in azienda è possibile anche fare semplicemente la spesa, attingendo ai prodotti che l’azienda produce.

Ad oggi la capacità è di 50 orti, ma il prossimo obiettivo è di dare spazio ad oltre 500 famiglie entro 2 anni, espandendo l’area adibita a coltivazione, installando tunnel e sistemi automatizzati per l’irrigazione, oltre che digitalizzando completamente i processi produttivi e prevedendo forme alternative di partecipazione al progetto, quali ad esempio la possibilità di regalare un orto a qualcuno oppure ancora di dare l’opportunità alle aziende di utilizzare l’Orto di Sole come benefit per i propri dipendenti. Insomma, molte cose bollono in pentola, non resta altro che provare anche voi, le prenotazioni per gli orti invernali sono aperte.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Il borgo di Biccari diventa la prima comunità energetica rinnovabile

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio