Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Lug 2020

Aprire le porte per sviluppare comunità

Scritto da: Alessandro Guidi
Illustrazioni di: MELANIA BIGI

Aprire le porte, stabilire relazioni, suscitare sentimenti, generare esperienze positive. Anche – a volte soprattutto – questi sono aspetti importanti nella conduzione di un'impresa. Ne parliamo in questa puntata della rubrica “Verso le im-prese del futuro”, a cura di TARA facilitazione, Piano Bis e Italia che Cambia.

L’articolo della scorsa settimana si è chiuso con un invito ad “Aprire la porta della propria impresa significa contaminarsi, contaminarsi significa fare innovazione”. Aprire le porte, una bella metafora!

Oggi vogliamo analizzare un’altra conseguenza virtuosa derivante dall’atto di aprire le porte: stabilire RELAZIONI di qualità tra gli stakeholder della nostra organizzazione. Perché questo elemento è così importante nello sviluppo del business della nostra impresa?

Siamo circondati da persone, professionisti o imprese che parlano ad alta voce con la speranza di far sentire, tra le altre, la loro voce. Quante di queste voci si preoccupano realmente di stabilire una RELAZIONE con le persone a cui vogliono parlare? RELAZIONE? E perché dovrei mettermi in relazione? Qualcuno potrebbe obiettare: io devo vendere un prodotto mica me li devo sposare i miei clienti! Proviamo a entrare più a fondo in questo concetto.

Facciamo finta di aver descritto il nostro modello di Business. Ipotizziamo anche di aver focalizzato la nostra proposta di valore: abbiamo quindi chiari i vantaggi che portiamo all’attività del nostro cliente. A questo punto dobbiamo pensare al modo: con quali canali (e-commerce, negozio fisico, rete di agenti…) e in che modo (attraverso un forum, con assistenza personale dedicata) raggiungiamo i nostri clienti.

Ed eccoci al punto! Se sommiamo il valore del nostro prodotto o servizio e la relazione che stabiliamo con i nostri potenziali clienti abbiamo un risultato: un’ESPERIENZA di RELAZIONE!

A questo punto altre domande: che tipo di emozioni, sentimenti generiamo quando siamo in RELAZIONE con i nostri clienti? Che tipo di RICORDO lasciamo ogni volta che un cliente entra in contatto con noi? Sappiamo che il ricordo si STAMPA, si fissa nella nostra mente con le EMOZIONI. Quando siamo in contatto con il nostro cliente, le esperienze che procuriamo devono generare emozioni positive per fissare ricordi positivi e stabilire quindi relazioni di lungo periodo.

Avete mai provato a pensare chi trae il maggior vantaggio da queste condizioni? Sono proprio le nostre PMI che spesso fanno fatica a essere “uniche” nelle caratteristiche dei loro prodotti servizi. La qualità del prodotto spesso non è un elemento sufficiente per renderci unici. E se riuscissimo, in tutte le occasioni di contatto, non solo a risolvere un problema o rispondere al bisogno del nostro cliente ma anche a stabilire una RELAZIONE, emozionalmente positiva, saremo in grado di fare la differenza?

Noi crediamo di sì, come crediamo che per imparare a costruire relazioni di qualità servano tutta una serie di competenze (ascolto attivo, empatia, capacità di dare e ricevere feedback, sguardo apprezzativo…) che si allenano innanzitutto all’interno dell’azienda stessa. I primi luoghi dove sperimentare relazioni efficaci, emozionalmente coinvolgenti e fonti di ben-essere sono dunque i nostri team, luoghi da cui partire per poi trasferire questa qualità nell’universo dei nostri stakeholder.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Quali sono le misure più efficaci per contenere il covid? – Io Non Mi Rassegno #238

|

Una rete di famiglie genovesi condivide oggetti, vestiti e buone pratiche per bimbi “a basso impatto”

|

Murales, sartoria sociale, turismo e orti urbani: così rinasce la periferia degradata di Lecce

|

Altro denaro, molto altro denaro

|

Cifa in Etiopia: “Promuoviamo microimpresa e lavoro in alternativa alla migrazione irregolare”

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti