10 Lug 2020

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”

Scritto da: Gabriele Giannetto

Per iniziativa dell'associazione Refugees Welcome, impegna da anni nell'accoglienza attiva e nell'integrazione dei migranti, è stato avviato a Palermo il progetto “Fianco a fianco”, che prevede l'accompagnamento dei ragazzi stranieri nel loro percorso di inserimento e realizzazione in Italia.

Sicilia - Refugees Welcome, di cui vi abbiamo parlato in precedenza, è una piattaforma nata nel 2014 a Berlino con l’obiettivo di far incontrare persone disponibili ad aprire le porte della propria casa a giovani rifugiati o richiedenti asilo che hanno necessità di averne una.

Refugees Welcome oggi è attivo in 15 Paesi nel mondo, compresa l’Italia, e promuove un nuovo modello di accoglienza basato sullo scambio, l’incontro e la conoscenza reciproca fra rifugiati e cittadini italiani.

Una pratica di accoglienza diffusa, attraverso l’ospitalità in famiglia, per facilitare l’inclusione sociale dei rifugiati nel nostro Paese e per combattere pregiudizi e paure.

Foto 4

Il primo contatto avviene iscrivendosi alla piattaforma associativa sul web, seguono poi gli incontri di selezione di idoneità sia per le persone ospitanti che per i cittadini/e stranieri/e. Un tutor poi li accompagna nel percorso di reciproca conoscenza: assiste chi decide di accogliere, valuta l’andamento della ospitalità, segue i progressi del rifugiato nel realizzare il suo progetto individuale di autonomia.

Refugees Welcome non si limita però all’accoglienza: assieme ad una rete di solidarietà civile assai partecipe, promuove incontri, dibattiti, seminari di formazione, festival delle culture e da circa otto mesi ha avviato a Palermo un progetto pilota di mentoring: Fianco a Fianco.

Il progetto sostenuto da UNICEF in collaborazione con il Comune di Palermo promuove la cittadinanza attiva e si rivolge a tutti coloro che desiderano mettere a disposizione le proprie risorse, sociali, relazionali, professionali, e un po’ del proprio tempo per aiutare ragazzi stranieri, arrivati in Italia da soli, a realizzare il proprio progetto di vita nel nostro Paese.

Un mentore è, quindi, un cittadino che, gratuitamente, sceglie di accompagnare un giovane migrante nel suo percorso di crescita personale e di integrazione sociale, creando una relazione di fiducia. Prezioso il lavoro svolto dalle coordinatrici del progetto: Roberta Giunta, referente per Refugees Welcome Palermo e Francesca Citarrella facilitatrice del progetto.

Foto 5

Grazie infatti al loro servizio di coaching hanno avviato percorsi di formazione necessari per diventare mentore e verificato le possibilità di abbinamento, incrociando le caratteristiche personali con quelle dei ragazzi coinvolti, per ottenere una maggiore compatibilità tra le persone aderenti al progetto. Roberta e Francesca, durante una piacevole intervista, ci raccontano come Palermo abbia sempre risposto bene alle iniziative proposte da Refugees e anche questa volta le aspettative non sono andate deluse.

Il progetto, infatti, giunto al termine e dopo il successo riscontrato in questi mesi, verrà riproposto in una seconda edizione con tante novità.
Vi lasciamo i link nel caso voleste iscrivervi alla piattaforma: clicca qui.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Articoli simili
Aia Santa, una comunità di famiglie che convive e accoglie

Le scuole per migranti Penny Wirton, un modello di umanità e accoglienza
Le scuole per migranti Penny Wirton, un modello di umanità e accoglienza

Parte la seconda Carovana dei Migranti: prima tappa Mondeggi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare