8 Lug 2020

Imprese e no profit si uniscono per educare contro la violenza di genere

Giovani, aziende, associazioni: una intera comunità educante ed “educata” anche dai più piccoli può contribuire a creare una nuova cultura libera dalla violenza di genere. Nasce da qui la campagna A Safe and Normal Day che coinvolgerà 4 scuole, 100 studenti, 1 regista, 4 reti di imprese e tanti altri. La staffetta è partita ieri da Torino.

Torino - Ieri, 7 luglio, è partito da Torino, con una staffetta che attraverserà tutte le regioni italiane, la prima campagna di crowdfunding completamente dedicata alle imprese.
Dopo un lockdown dove abbiamo visto le grandi imprese sostenere il sociale con grandi donazioni, ora la piccola e media impresa lancia una sfida di cui è assoluta protagonista: raccogliere fondi per finanziare l’educazione contro la violenza di genere, perché solo grazie alla prevenzione si scongiura l’emergenza.

Promotrici della Campagna sono APID Torino, CONFAPID e CAFID, di cui fanno parte AIDDA, Confartigianato Donne Impresa Torino e Confagricoltura Donna.

safe2

I fondi saranno destinati a un originale progetto di SAFE, la prima agenzia di foundraising italiana che ha fatto della valorizzazione del lavoro educativo la propria mission.

A safe and normal day” è dedicato alle scuole secondarie di primo grado. Adele Tulli e Laura Romano, la regista e la produttrice di Normal, presentato in prima mondiale al Festival di Berlino e nominato da Wired tra i 10 migliori film del 2019, entreranno, insieme a educatrici ed educatori specializzati nell’educazione contro la violenza di genere, in 4 classi di quattro regioni italiane.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Da gennaio 2021 a giugno 2022 saranno coinvolte:
• 1 rete nazionale dedicata all’educazione contro la violenza
• 4 reti di imprese con le loro sedi su tutto il territorio nazionale
• 1 regista vincitrice di numerosi festival, Adele Tulli
• 1 casa di produzione Film Affair
4 scuole di 4 diverse regioni italiane
100 studenti di scuola secondaria di primo grado (le medie)
25 formatrici/ori professionisti
• 70 ore di formazione in presenza sull’emersione di stereotipi e discriminazioni
• 5 laboratori tecnici di regia e ripresa
• 100 ore di tutoraggio
• 60 ore di postproduzione
4 docufilm realizzati dalle ragazze e dai ragazzi
• Eventi e presentazioni ai festival di settore

L’obiettivo è un percorso di elaborazione critica di pregiudizi, tradizioni e pratiche basate sull’idea di normalità dei ruoli stereotipati di donne e uomini nella vita quotidiana delle/gli studenti. I quattro docu-film saranno presentati ai festival di settore e diventeranno uno strumento educativo a disposizione delle 22 associazioni e organizzazioni della Rete Safe per promuovere il contrasto alla violenza di genere.

safe1

Contro la violenza la soluzione di SAFE è l’educazione e ora lo fa con titolari e dirigenti di piccole e medie aziende, che sanno quanto sia importante programmare, valutare i fattori di rischio, calcolare l’impatto delle proprie strategie, e che la vulnerabilità verso l’emergenza deve essere diminuita il più possibile. Protagoniste sono la responsabilità sociale di impresa e le correlazioni possibili tra innovazione sociale, innovazione di impresa e innovazione didattica. Giovani, aziende, associazioni, una intera comunità educante ed “educata” anche dai più piccoli, possono contribuire a creare una nuova cultura libera dalla violenza di genere.

La campagna A Safe and Normal Day è ospitata da Produzioni dal basso.

Articoli simili
Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita
Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

Chiara Grasso: “Il dolore che ho attraversato mi ha spinto ad aiutare le coppie che affrontano gravidanze arcobaleno”
Chiara Grasso: “Il dolore che ho attraversato mi ha spinto ad aiutare le coppie che affrontano gravidanze arcobaleno”

PorTO Sicuro: a Torino nasce il primo centro contro le discriminazioni LGBTQIA+
PorTO Sicuro: a Torino nasce il primo centro contro le discriminazioni LGBTQIA+

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi