4 Ago 2020

Il castello ritrovato: quando arte e cultura aiutano a ricominciare

Scritto da: Valentina D'Amora

Due castelli, simboli di un’Italia meno nota, ma ricca di bellezze straordinarie, per un mese diventano protagonisti di un cartellone ricco di eventi, per bambini e adulti. Un modo per scoprire le meraviglie che abbiamo dietro l'angolo.

La Spezia - Fino al 6 settembre “Il castello ritrovato” anima l’estate del comune di Calice al Cornoviglio (SP), con visite dei vari musei, accompagnati da guide turistiche, concerti, presentazioni di libri e laboratori per bambini, all’interno dei castelli di Calice e Madrignano.

«Abbiamo pianificato un programma variegato per accontentare tutti, a prescindere dall’età», racconta Stefano Franceschini, assessore alla cultura del comune di Calice al Cornoviglio. Da quest’anno si è aggiunta una nuova location, il castello di Calice, che ha già visto la prima serata di sold-out per entrambi i turni del concerto paganiniano, domenica 2 agosto.

Il festival, giunto alla sua terza edizione, è nato dopo la conclusione, del restauro del castello di Madrignano, nel 2016, proprio con l’idea di aprire le porte di un luogo speciale, con incontri culturali e concerti. E così è stato, dal 2017.

Castello Madrignano
Il castello di Madrignano

In ottemperanza alle attuali normative, la capienza massima per gli eventi all’interno dei castelli è di 25 persone, per cui sono stati predisposti diversi turni per i singoli eventi. Rispetto alle scorse edizioni però, che hanno visto oltre 700 ingressi, la prenotazione obbligatoria e la misurazione della temperatura in loco pare stiano scoraggiando i visitatori, ma l’assessore resta fiducioso: «Il castello ritrovato per noi è un modo per ricominciare: in qualche modo dovevamo dare un segnale di svolta a questo periodo di stasi e ci auguriamo che sempre più persone decidano di unirsi a noi».

Castello
Il castello di Calice al Cornoviglio

Il cartellone prevede anche incontri per i bambini, divisi in piccoli gruppi, nei cortili dei due castelli: «I più piccoli sono sempre stati i protagonisti di feste di Halloween e Carnevale, non potevamo dimenticarci di loro proprio ora». E mentre i bambini si divertono ai laboratori creativi, parallelamente i genitori potranno partecipare a visite guidate a spasso per i borghi.

Ogni giornata prevede una cena (su prenotazione) nei vari punti ristoro, per proseguire la serata in compagnia e ritrovare un po’ di sana convivialità. Ritrovarsi al castello per ricominciare.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi
Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

Creature fantastiche e dove trovarle. Gabriele Pino ci racconta (e disegna) quelle della val Borbera
Creature fantastiche e dove trovarle. Gabriele Pino ci racconta (e disegna) quelle della val Borbera

Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere
Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Manovre a confronto: in Spagna si tassano le banche – #628

|

Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

|

Parlami dentro. Anche una lettera può alleviare la solitudine di chi è detenuto

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

|

Abbiamo ribaltato l’Italia!

|

Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6