Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Set 2020

Una scuola per tramandare saperi e mestieri della comunità

Mappare, custodire e tramandare la memoria delle comunità affinché il saper fare dei maestri artigiani non vada perduto ma, coniugato a creatività e innovazione, ispiri la rinascita dei territori e il futuro delle nuove generazioni. È questo l'obiettivo della Scuola dei Saperi di Comunità, nuovo progetto avviato a Matera da Casa Netural.

Recuperare il saper fare del passato per offrire nuove opportunità di valorizzazione dei territori e delle comunità. È questa l’idea ispiratrice dell’ultimo progetto di Casa Netural, coworking e coliving di Matera che da anni propone iniziative volte alla rigenerazione e all’innovazione sociale dei luoghi. Ne abbiamo parlato con i responsabili, Andrea Paoletti e Samuele Biagioni.

Andrea Paoletti e Mariella Stella, fondatori di Casa Netural

Che cos’è la Scuola dei Saperi di Comunità?
La Scuola dei Saperi di Comunità è una scuola per tramandare e custodire saperi e mestieri di un’intera comunità. La Scuola ha l’obiettivo di creare un luogo fisico di conoscenza, scambio e crescita collettiva in cui nascano e si sviluppino nuove opportunità tra la comunità del quartiere San Pardo a Matera, i maestri artigiani locali e stranieri e i cittadini temporanei provenienti da tutto il mondo. È un progetto di comunità per la comunità e il territorio.

Come nasce l’idea e quali gli obiettivi?
La Scuola dei Saperi nasce dal lavoro svolto in questi anni da Casa Netural a Matera all’interno dei quartieri e dalla consapevolezza che ci sia un patrimonio di saperi ed esperienze destinato ad esaurirsi senza un passaggio di testimone. Nasce, perciò, dalla voglia di valorizzare, tramandandoli, tanti piccoli saperi e mestieri che nei quartieri sono ancora vivi, ma che rischiano di scomparire con il tempo. Innanzitutto si mapperanno questi saperi e gli interessi delle persone coinvolte e si “disegneranno” insieme percorsi di formazione orizzontale da attivare nello spazio.

La Scuola avrà l’obiettivo di valorizzare il patrimonio della memoria custodito dagli anziani e il patrimonio di innovazione in mano ai giovani e ai nuovi cittadini per generare momenti di scambio di saperi. Grazie alla Scuola sarà possibile creare workshop esperienziali per viaggiatori e cittadini temporanei così da favorire la scoperta del prezioso patrimonio culturale immateriale presente nelle nostre comunità.

Dove verrà avviato il progetto?
La scuola avrà sede nel piano accessibile di Casa Netural, quello sul piano “quartiere” e utilizzerà alcune delle funzionalità della casa, che, proprio grazie al crowdfunding, potranno essere potenziate (renderemo accessibili gli ambienti, il bagno, acquisteremo macchinari per la produzione e materiali) .

A chi si rivolge e come sarà articolato?
La comunità da coinvolgere sarà multietnica e intergenerazionale, affinché l’idea di patrimonio di saperi e competenze sia ancora più allargato e universale. Si rivolge a cittadini di tutte le età da ogni parte del mondo, che potranno proporsi come allievi o docenti. Sarà articolata in workshop e incontri formativi che si svolgeranno nello spazio dedicato, ma anche in incontri più informali tra le persone, lo scambio di saperi e mestieri sarà innanzitutto un pretesto per socializzare e dar vita ad una nuova comunità.

Perché pensate sia importante per il futuro il recupero della memoria custodita dagli anziani?
La memoria degli anziani è un patrimonio inestimabile di vita ed esperienze ed è fondamentale che il futuro ne sia impregnato per essere solido nelle sue visioni e nelle sue azioni. Ci affascina, ad esempio, pensare che i giovani, con le competenze digitali di cui sono portatori, possano declinare al futuro i saperi trasmessi dagli anziani, e che questo passi anche da un approccio internazionale e multiculturale. A tal proposito abbiamo attivato una partnership con CNA Basilicata per creerà un ponte importante tra “mondi diversi” e coinvolgere gli artigiani pensionati, così da riattivare il loro “saper fare” e generare nuovi opportunità.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Quando i leader battono i partiti – Io Non Mi Rassegno #215

|

Glori: The Place To be, il borgo dove rinasce la comunità e si recuperano le terre – Io faccio così #300

|

La Bargazzina, l’azienda dei contadini scienziati che promuovono la cultura delle piante – Piccoli produttori #5

|

Officina del Fare e del Sapere: la scuola che punta su esperienza diretta ed educazione diffusa

|

Rientro a scuola: come stanno i bambini? L’opinione della pedagogista

|

Abito: scambiare gli indumenti per ricreare vestiti e comunità

|

Linda Maggiori: “Una vita a impatto (quasi) zero con la mia famiglia? Ecco come ho fatto!”

|

Un albergo e museo d’arte contemporanea sul mare in un piccolo borgo della Sicilia