4 Set 2020

“Usiamo cortili e giardini scolastici come aule all’aperto”

Scritto da: WWF

Utilizzare al meglio giardini e cortili scolastici prevedendo lezioni all'aperto può comportare notevoli benefici, oltre a quello sanitario. È quanto afferma il WWF che, in vista dell'imminente riapertura delle scuole, ricorda i benefici dell'outdoor education per bambini e ragazzi.

In questa situazione di emergenza legata al COVID-19, in cui per garantire un ritorno a scuola in sicurezza degli studenti appare una corsa contro il tempo, oltre che ad un serio problema logistico, una soluzione potrebbe venire dagli spazi esterni degli istituti scolastici. Cortili e giardini potrebbero rappresentare, infatti, spazi ulteriori rispetto alle aule, in cui studenti e docenti potrebbero riunirsi nella maggiore sicurezza data dall’aria aperta.

cortile scuola

Secondo i dati UNESCO sono 190 i Paesi del mondo che hanno chiuso le scuole e 1,57 miliardi gli studenti coinvolti, circa il 90% della popolazione studentesca. E se la didattica a distanza è stata in grado di tamponare il rischio di far saltare un intero anno scolastico, l’aggregazione resta un elemento caratteristico della scuola, come riconoscono gli stessi documenti emessi dal Comitato Tecnico Scientifico: “La sospensione delle attività scolastiche e il successivo isolamento hanno determinato una significativa alterazione della vita sociale e relazionale dei bambini e ragazzi, determinando al contempo una interruzione dei processi di crescita in autonomia, di acquisizione di competenze e conoscenze, con conseguenze educative, psicologiche e di salute che non possono essere sottovalutate” (dal verbale n. 82 della riunione del CTS del 28 maggio 2020).

Inoltre, il lockdown ha spesso amplificato disuguaglianze sociali del nostro paese, dato che dei “9.700.000 soggetti in età compresa tra 0 e 18 anni, 1.600.000 sono in condizioni di povertà. Inoltre circa 1.000.000 di soggetti in età evolutiva hanno necessità assistenziali complesse, tra questi il 20% circa con problemi neuropsichiatrici” (dal verbale n. 82 della riunione del CTS del 28 maggio 2020).

Per questo il WWF, in vista delle riaperture del 14 settembre, plaude alle ipotesi di sfruttare maggiormente gli spazi aperti di competenza delle scuole: giardini e cortili. Sebbene non se ne conoscano nel dettaglio distribuzione e metratura, solo sommando le superfici degli spazi verdi degli istituti scolastici di Roma si ottiene una superficie equivalente a quella di villa Borghese, circa 80 ettari. “Metrature” quindi interessanti se moltiplicate per tutti i 58.842 edifici scolastici presenti in Italia (dati MIUR).

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

ucla 4151522 1920

Ma questi spazi non aiuterebbero solo a garantire il distanziamento, limitando quindi il rischio di contagio, ma sarebbero volano di maggiore benessere dei più giovani e qualità dell’offerta educativa. L’outdoor education è infatti al centro dell’attenzione degli educatori moderni tanto quanto la nostra tradizione pedagogica, da Maria Montessori a Giuseppina Pizzigoni, riconosceva come gli esterni spazi della scuola e il contatto con la natura fossero parte integrante dei progetti educativi.

Tanto più al giorno d’oggi, in cui è sempre più diffusa in bambini e ragazzi la “sindrome da deficit di natura” e in cui è necessario valorizzare e stimolare sempre nei più giovani la cura del territorio di vita e dell’intero Pianeta nelle complesse connessioni tra i fenomeni globali in corso. Appare quindi un paradosso che giardini, cortili e spazi aperti delle scuole siano dei luoghi “fantasma” sia per gli amministratori che per gli educatori: se da un lato viene riconosciuto il valore educativo della mensa, quello del cortile ancora no, nemmeno per il gioco e l’educazione motoria.

Per questo, il WWF sollecita comitati tecnici, ministero dell’educazione, scuole e amministrazioni locali a sfruttare sempre più l’opportunità offerta da giardini e cortili scolastici, affinché diventino vere e proprie aule all’aperto. A breve, l’associazione del panda lancerà una campagna affinché in un momento di diffusa attenzione, riflessione e di investimenti economici sulla scuola si colga finalmente l’occasione per pensare in modo integrato anche gli spazi esterni alle scuole, valorizzandoli, riqualificandoli e utilizzandoli a beneficio degli studenti e dell’intera società.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Un parco giochi diffuso può valorizzare i centri storici? In val Borbera sì, è GioCabella!
Un parco giochi diffuso può valorizzare i centri storici? In val Borbera sì, è GioCabella!

Tre donne prendono in gestione il parco Barontini e lo trasformano in uno spazio di socialità
Tre donne prendono in gestione il parco Barontini e lo trasformano in uno spazio di socialità

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli
Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi