16 Nov 2020

Ecosistema urbano, Biella tra le dieci città più green d’Italia

Nell'ultimo rapporto di Legambiente e Ambiente Italia - basato sullo studio di 18 parametri suddivisi in 5 macroaree (aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente) - la provincia laniera è inserita nella top 10 delle città virtuose sul fronte sostenibilità. Il Sole 24 Ore ha pubblicato la ricerca inserendo l'analisi completa: ecco tutti i dati del Biellese.

Biella - La Città di Biella è fra i 10 capoluoghi di provincia considerati più green della nostra penisola: ha reso nota la classifica integrale Il Sole 24 Ore lunedì 9 novembre, sulla base dello studio Ecosistema Urbano promosso da Legambiente. Si trova infatti al nono posto nella graduatoria generale, in testa tra le città piemontesi, e fa registrare una scalata di 10 posizioni rispetto al 2019.

L’analisi – elaborata sui dati dello scorso anno e basata su 18 parametri* divisi nelle macroaree di aria, acqua, rifiuti, mobilità e ambiente – dimostra che Biella è particolarmente virtuosa sul tema ambientale, di qualità dell’aria e sullo smaltimento della spazzatura. Uno dei fiori all’occhiello della città laniera è proprio la raccolta differenziata: stando ai numeri del rapporto è all’11° posto con un dato dichiarato del 75,1%, ancora in miglioramento negli ultimi mesi.

Il comune di Biella, in quest’ottica, ha emesso un comunicato per riportare i dettagli del rapporto, evidenziando anche altre statistiche positive: «Va bene la voce “solare termico e fotovoltaico” – si legge nella nota – dove il capoluogo laniero si piazza al dodicesimo posto con 10,6 Kw medi per abitante. Biella è al 18esimo posto per “Isole pedonali” con 0,588 metri quadrati per abitante. Anche per produzione media di rifiuti urbani pro capite Biella è in una posizione confortante, al ventitreesimo posto con 460 chilogrammi prodotti da abitante in un anno».

Buoni anche altri dati: 26esimo posto per dispersione della rete idrica (25%); 27esimo per la qualità dell’aria nel Pm10 con un 20,1 di concentrazione media in Ug/Mc; 28esimo per consumi idrici domestici con 126 litri di media per abitante al giorno. I punti di debolezza, invece, riguardano la mobilità: Biella è addirittura al 94esimo posto per offerta del trasporto pubblico con appena 10,8 chilometri percorsi annualmente dal complesso delle vetture divise per abitanti, mentre alla voce ‘tasso di motorizzazione’ Biella chiude all’89esimo posto con 71,7 automobili circolanti ogni 100 abitanti.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

«Il dato diffuso da Il Sole 24 Ore – ha affermato il sindaco di Biella Claudio Corradino – ci spinge a dire che stiamo andando nella giusta direzione, sapevamo di avere una buona qualità dell’aria e di essere stati attenti in termini di ambiente, questi dati ci confortano. Non mi stupiscono e mi ritrovo invece nei dati, migliorabili, relativi alla mobilità in quanto il nostro è un territorio molto frammentato in frazioni, spesso si rende indispensabile l’utilizzo dell’automobile e purtroppo non c’è la cultura dell’utilizzo dei mezzi pubblici».

Se si volge lo sguardo fuori dal Biellese, sul podio delle città green del rapporto figurano Trento, Mantova e Pordenone, rispettivamente prima, seconda e terza, a cui seguono Bolzano, Reggio Emilia e Belluno. Per visionare nel dettaglio il rapporto e tutti i dati per macro-area cliccare qui.

* I 18 parametri sono: isole pedonali, alberi, verde urbano, solare termico e fotovoltaico, uso efficiente del suolo, biossido di azoto, Pm 10, ozono, consumi idrici domestici, dispersione della rete idrica, capacità di depurazione, passeggeri del trasporto pubblico, offerta del trasporto pubblico, tasso di motorizzazione, incidenti stradali, piste ciclabili, produzione di rifiuti urbani pro capite, raccolta differenziata.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Articoli simili
Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?
Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

Le abitudini che salvano la vita, anche (soprattutto) su un letto d’ospedale
Le abitudini che salvano la vita, anche (soprattutto) su un letto d’ospedale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri

|

Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

|

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

|

Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane

|

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?