6 Nov 2020

“La pandemia non fermi la cultura”. Il Museo Archeologico del Casentino aperto a distanza

Scritto da: Redazione

Il Museo Archeologico del Casentino ha deciso di portare attraverso il web le iniziative direttamente nelle case dei cittadini proponendo una programmazione di iniziative a distanza.

Dopo la chiusura di teatri, cinema e sale da concerto, con lo stop a musei e mostre su tutto il territorio nazionale il lockdown della cultura può dirsi ora totale, con tutte le conseguenze che ne derivano per un intero settore in ginocchio. Eppure c’è chi non si ferma e malgrado le difficoltà prova a resistere ripensando le proprie attività.

Considerata la pandemia e le misure adottate per contrastarle, il Museo Archeologico del Casentino ha deciso di portare attraverso il web le iniziative direttamente nelle case dei cittadini proponendo una programmazione di iniziative a distanza.

museo archeologico casentino 2

Il Museo archeologico ogni sabato permetterà di conoscere meglio i reperti ospitati nella struttura o fare dei laboratori creativi guidati da esperti. Il programma di iniziative è partito sabato 31 ottobre con un approfondimento sulle sepolture in Casentino e continuerà ogni sabato sui profili Facebook e Instagram del Museo Archeologico del Casentino.

L’Archeologo Riccardo Bargiacchi ci accompagnerà dentro le varie sale del Museo alla scoperta del nostro passato. Serena Braccini si occuperà dei laboratori creativi per i bambini che, da casa, potranno comunque divertirsi e realizzare qualcosa con le loro mani ed il loro ingegno, accompagnati dalle indicazioni della formatrice.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

museo archeologico casentino

«La decisione è stata dolorosa, ma necessaria – ha commentato il direttore scientifico del Museo Francesco Trenti – Il momento è delicato ma non ci siamo arresi e soprattutto non abbiamo voluto sacrificare la cultura perché crediamo che questa possa essere un messaggio di speranza in questo momento così duro per tutti. Per questo i sabati al museo diventano Mad, ovvero il museo a distanza».

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5