6 Nov 2020

“La pandemia non fermi la cultura”. Il Museo Archeologico del Casentino aperto a distanza

Scritto da: Redazione

Il Museo Archeologico del Casentino ha deciso di portare attraverso il web le iniziative direttamente nelle case dei cittadini proponendo una programmazione di iniziative a distanza.

Dopo la chiusura di teatri, cinema e sale da concerto, con lo stop a musei e mostre su tutto il territorio nazionale il lockdown della cultura può dirsi ora totale, con tutte le conseguenze che ne derivano per un intero settore in ginocchio. Eppure c’è chi non si ferma e malgrado le difficoltà prova a resistere ripensando le proprie attività.

Considerata la pandemia e le misure adottate per contrastarle, il Museo Archeologico del Casentino ha deciso di portare attraverso il web le iniziative direttamente nelle case dei cittadini proponendo una programmazione di iniziative a distanza.

museo archeologico casentino 2

Il Museo archeologico ogni sabato permetterà di conoscere meglio i reperti ospitati nella struttura o fare dei laboratori creativi guidati da esperti. Il programma di iniziative è partito sabato 31 ottobre con un approfondimento sulle sepolture in Casentino e continuerà ogni sabato sui profili Facebook e Instagram del Museo Archeologico del Casentino.

L’Archeologo Riccardo Bargiacchi ci accompagnerà dentro le varie sale del Museo alla scoperta del nostro passato. Serena Braccini si occuperà dei laboratori creativi per i bambini che, da casa, potranno comunque divertirsi e realizzare qualcosa con le loro mani ed il loro ingegno, accompagnati dalle indicazioni della formatrice.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

museo archeologico casentino

«La decisione è stata dolorosa, ma necessaria – ha commentato il direttore scientifico del Museo Francesco Trenti – Il momento è delicato ma non ci siamo arresi e soprattutto non abbiamo voluto sacrificare la cultura perché crediamo che questa possa essere un messaggio di speranza in questo momento così duro per tutti. Per questo i sabati al museo diventano Mad, ovvero il museo a distanza».

Articoli simili
Una valle di risate con RidiCasentino

Caravanserraglio, a Biella un incontro tra carcere e comunità
Caravanserraglio, a Biella un incontro tra carcere e comunità

E i Ringraziamenti? Dove li vogliamo mettere? Qui!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il crollo della natalità è davvero un problema? – #530

|

Erbe storne, la rassegna organizzata da un gruppo di teatranti per rendere omaggio alla comunità che li ha accolti

|

Seminare comunità: ecco la ricetta formativa che unisce agricoltura e abitare collaborativo

|

La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa

|

Malìa Lab: la sartoria artigianale etica di Flavia, tornata in Calabria per restare

|

Spazzamondo: anche quest’anno tornano i cittadini attivi per l’ambiente

|

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

|

Emergency: “Ecco come aiutiamo la Moldavia ad accogliere i profughi ucraini”