Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Dic 2020

La Casa delle Capre: “Abbiamo creato un’oasi bucolica dove far crescere i nostri figli”

Scritto da: Lorena Di Maria

La Casa delle Capre nasce dal progetto di una famiglia che ha deciso di “cambiare vita” e di creare dalla propria passione per gli animali, e soprattutto per le capre, il proprio futuro. Così a Sala Biellese Daniela e Massimo hanno dato vita a un’azienda agricola immersa nella natura dove producono formaggi, garantendo ai loro figli di crescere in un ambiente libero e sviluppando un grande rispetto per gli animali.

I protagonisti della nostra storia sono Massimo Sernagiotto e Daniela Leone, che un giorno hanno deciso di cambiare lavoro e di spostarsi in campagna, dando vita al sogno di crescere i loro figli nella natura e circondati da animali. Come ci racconta Daniela, «la nostra storia si basa su un radicale cambio di vita: mio marito ha lavorato per 25 anni come elettricista mentre io ho frequentato una scuola alberghiera e ho lavorato diversi anni in strutture ricettive.

Tutto è cambiato otto anni fa, con l’arrivo dei nostri bimbi. Volevamo per loro un futuro più libero e lontano dalle città, così abbiamo venduto la casa dove abitavamo e ci siamo trasferiti nel biellese, per cominciare una nuova avventura. Ci piaceva l’idea di vivere in una piccola realtà, senza tante pretese. Un paesino che non doveva avere necessariamente tanti servizi ma dove i bambini sarebbero potuti crescere nel verde».

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Così Daniela e Massimo hanno comprato una casa adatta a loro, con una stalla come quelle di una volta e circondata da un ampio spazio aperto. Qui hanno aperto la loro azienda agricola che hanno chiamato “La Casa delle Capre”, che sono così diventate parte integrante della loro famiglia. In questo modo hanno trasformato loro passione per gli animali nel lavoro della loro vita. Come ci racconta Daniela, «Nella “casa” le capre hanno a disposizione spazi al chiuso e un grande prato all’aperto. Per noi è di fondamentale importanza sapere che vivono in un modo pulito, controllato e il più naturale possibile».

Potremmo definirla una piccola “oasi bucolica” dove produrre e assaporare il gusto di prodotti genuini e realizzati secondo le tradizioni delle valli. All’interno dell’azienda è presente un laboratorio per la produzione dei formaggi freschi e stagionati, degli yogurt e del latte, oltre che un punto vendita dove questi vengono distribuiti. Una parte del latte prodotto viene venduto a un caseificio della zona e hanno attivato una collaborazione per la realizzazione di saponi derivanti dal latte di capra.

All’interno dell’azienda l’impegno quotidiano non manca e, come ci raccontano «con il lavoro che facciamo non ci sono giorni liberi ma questo stile di vita ci piace perché ci lascia il tempo di crescere i bambini e vivere nella consapevolezza che è essenziale il rispetto della natura e degli animali».

In particolare, questo momento di emergenza sanitaria non ha reso vita facile ai piccoli produttori che, però, dimostrano con forza la loro capacità di reinventarsi. Proprio come ci viene raccontato, «nei mesi di lockdown abbiamo rischiato di perdere molti clienti, soprattutto all’inizio, quando ci siamo trovati a produrre molto più formaggio di quanto riuscissimo a venderne. Per una piccola realtà come la nostra non riuscire più a vendere i propri prodotti avrebbe conseguenze durissime, allora abbiamo cominciato con le consegne a domicilio, andando in contro alle richieste delle persone».

Ma la vera forza, come ci viene raccontato, è il rapporto con i produttori locali della zona che, nello stesso modo, stanno vivendo le medesime difficoltà dettate dalla pandemia e insieme cercano di creare una filiera in modo da valorizzare i rispettivi prodotti. Un esempio concreto sono i cesti natalizi che realizzano insieme ad altre realtà della zona e che contengono varie le specialità.

«Nei paesi accanto al nostro ci sono produttori che realizzano buonissime marmellate, c’è chi fa il miele, c’è una vasaia che produce portasaponi e chi altre particolarità del territorio, tutti prodotti che fanno parte del cesto di Natale. In questo momento di emergenza sanitaria siamo infatti disponibili a collaborare con tutti. Insieme cerchiamo di creare una filiera per farci conoscere e aiutarci a vicenda».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi umanitaria dei profughi in Bosnia – Io Non Mi Rassegno #294

|

Jean e Sabin, i maestri che camminano quattro ore al giorno per fare lezione ai loro alunni

|

Il ritorno all’agricoltura degli under 35

|

Il cammino che ai tempi del Covid trasforma il turismo lento in nuova economia

|

Temporary cohousing, nasce un nuovo modello di vita in condivisione

|

Da La Spezia alla Svezia: quando un viaggio a piedi cambia la vita

|

Officine Recycle: una nuova vita per uomini e biciclette – Io faccio così #315

|

Ritrovare il contatto con la natura per vivere bene e in salute