9 Dic 2020

La Casa delle Capre: “Abbiamo creato un’oasi bucolica dove far crescere i nostri figli”

Scritto da: Lorena Di Maria

La Casa delle Capre nasce dal progetto di una famiglia che ha deciso di “cambiare vita” e di creare dalla propria passione per gli animali, e soprattutto per le capre, il proprio futuro. Così a Sala Biellese Daniela e Massimo hanno dato vita a un’azienda agricola immersa nella natura dove producono formaggi, garantendo ai loro figli di crescere in un ambiente libero e sviluppando un grande rispetto per gli animali.

Biella - I protagonisti della nostra storia sono Massimo Sernagiotto e Daniela Leone, che un giorno hanno deciso di cambiare lavoro e di spostarsi in campagna, dando vita al sogno di crescere i loro figli nella natura e circondati da animali. Come ci racconta Daniela, «la nostra storia si basa su un radicale cambio di vita: mio marito ha lavorato per 25 anni come elettricista mentre io ho frequentato una scuola alberghiera e ho lavorato diversi anni in strutture ricettive.

Tutto è cambiato otto anni fa, con l’arrivo dei nostri bimbi. Volevamo per loro un futuro più libero e lontano dalle città, così abbiamo venduto la casa dove abitavamo e ci siamo trasferiti nel biellese, per cominciare una nuova avventura. Ci piaceva l’idea di vivere in una piccola realtà, senza tante pretese. Un paesino che non doveva avere necessariamente tanti servizi ma dove i bambini sarebbero potuti crescere nel verde».

Così Daniela e Massimo hanno comprato una casa adatta a loro, con una stalla come quelle di una volta e circondata da un ampio spazio aperto. Qui hanno aperto la loro azienda agricola che hanno chiamato “La Casa delle Capre”, che sono così diventate parte integrante della loro famiglia. In questo modo hanno trasformato loro passione per gli animali nel lavoro della loro vita. Come ci racconta Daniela, «Nella “casa” le capre hanno a disposizione spazi al chiuso e un grande prato all’aperto. Per noi è di fondamentale importanza sapere che vivono in un modo pulito, controllato e il più naturale possibile».

Potremmo definirla una piccola “oasi bucolica” dove produrre e assaporare il gusto di prodotti genuini e realizzati secondo le tradizioni delle valli. All’interno dell’azienda è presente un laboratorio per la produzione dei formaggi freschi e stagionati, degli yogurt e del latte, oltre che un punto vendita dove questi vengono distribuiti. Una parte del latte prodotto viene venduto a un caseificio della zona e hanno attivato una collaborazione per la realizzazione di saponi derivanti dal latte di capra.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

All’interno dell’azienda l’impegno quotidiano non manca e, come ci raccontano «con il lavoro che facciamo non ci sono giorni liberi ma questo stile di vita ci piace perché ci lascia il tempo di crescere i bambini e vivere nella consapevolezza che è essenziale il rispetto della natura e degli animali».

In particolare, questo momento di emergenza sanitaria non ha reso vita facile ai piccoli produttori che, però, dimostrano con forza la loro capacità di reinventarsi. Proprio come ci viene raccontato, «nei mesi di lockdown abbiamo rischiato di perdere molti clienti, soprattutto all’inizio, quando ci siamo trovati a produrre molto più formaggio di quanto riuscissimo a venderne. Per una piccola realtà come la nostra non riuscire più a vendere i propri prodotti avrebbe conseguenze durissime, allora abbiamo cominciato con le consegne a domicilio, andando in contro alle richieste delle persone».

Ma la vera forza, come ci viene raccontato, è il rapporto con i produttori locali della zona che, nello stesso modo, stanno vivendo le medesime difficoltà dettate dalla pandemia e insieme cercano di creare una filiera in modo da valorizzare i rispettivi prodotti. Un esempio concreto sono i cesti natalizi che realizzano insieme ad altre realtà della zona e che contengono varie le specialità.

«Nei paesi accanto al nostro ci sono produttori che realizzano buonissime marmellate, c’è chi fa il miele, c’è una vasaia che produce portasaponi e chi altre particolarità del territorio, tutti prodotti che fanno parte del cesto di Natale. In questo momento di emergenza sanitaria siamo infatti disponibili a collaborare con tutti. Insieme cerchiamo di creare una filiera per farci conoscere e aiutarci a vicenda».

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Terre ai giovani: una nuova proposta dalla Campania

Al via la prima edizione del Mercato in Cascina a Ca’ Mariuccia

A settembre torna Terra Madre!
A settembre torna Terra Madre!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti