4 Dic 2020

Ricomincia la Guardia medica pediatrica nel Tigullio: un servizio gratuito e nato dal basso

Scritto da: Valentina D'Amora

Dall’8 dicembre riprende la guardia medica pediatrica nella zona del Tigullio occidentale: un servizio prezioso, sostenuto dalla Croce Bianca rapallese e molto amato dalle famiglie del territorio, che si riattiva, anche e soprattutto, in questo momento.

Genova - Pesche di beneficenza, tombole, giri in elicottero e cene solidali sono solo alcune delle numerose iniziative di raccolte fondi di successo portate avanti dal 2015. «Quello che c’è dietro al Comitato Guardia Medica Pediatrica Tigullio Occidentale è un’organizzazione dal basso, efficace e ricca da tutti i punti di vista: nel Comitato ognuno porta le proprie idee, vero valore aggiunto del gruppo, che si rivelano indispensabili per aiutare chi opera per garantire il benessere dei cittadini, anche i più piccoli». Così Lina Angiolani, infermiera e presidente del Comitato, mi descrive l’entusiasmo con cui tutti i volontari, da anni, si adoperano per realizzare un servizio vitale, sia per le famiglie che per i medici dell’Ospedale di Lavagna. Lo scopo è proprio quello di assicurare anche ai bambini da 0 a 14 anni un servizio di assistenza medica nei giorni festivi e prefestivi.

Pesca Lina Angiolani

LE ORIGINI DEL PROGETTO

«La Guardia Medica pediatrica era attiva già da tempo nel distretto 15, quello di Chiavari, mentre l’area che comprende Rapallo, Santa Margherita, Portofino e Zoagli, invece, era rimasta scoperta». Così, nel 2015, Lina ha deciso di mobilitarsi per fornire un servizio “in più” alle famiglie, dando vita al Comitato insieme tutta una serie di persone, non tutte operanti nell’ambito sanitario, perché «dove non arrivano le istituzioni, arriva il volontariato». Ed è proprio grazie ai volontari e al forte sostegno di famiglie, associazioni e aziende locali che oggi il servizio riesce a operare in tre momenti dell’anno: nel periodo invernale, dall’8 dicembre fino al 1 gennaio, durante le vacanze pasquali e in estate. Ora, però, oltre a reperire i fondi per coprire i turni dei pediatri, come era fino a prima del Covid, c’è anche la necessità di fornire i DPI per medici, pazienti e famiglie. Un’ulteriore difficoltà, soprattutto in questo momento, in cui è anche meno facile raccogliere fondi da commercianti e negozianti locali.

Guardia medica LINA

LO SVILUPPO DEL PROGETTO FINO A OGGI

«Non possiamo che ringraziare Fabio Mustorgi, presidente della Croce Bianca rapallese, che ci ha reso operativi a tutti gli effetti, mettendoci a disposizione l’ambulatorio e un’ambulanza, guidata da un volontario che porta i pediatri al domicilio dei bambini impossibilitati a raggiungere l’ambulatorio».

guardia medica tigullio

Ed è la soddisfazione dei genitori a stimolare Lina e tutto il Comitato ad andare avanti: «In queste ore di pre-servizio, stiamo convogliando tutte le nostre energie sulla messa in sicurezza dell’ambulatorio, ma siamo sereni perché siamo stati recentemente dotati di un potente sanificatore, che stiamo usando per mettere in sicurezza persone, ambienti e ambulanze».

Impegno e dedizione per un progetto importante e amato dalle famiglie, emerso da un bisogno concreto e quanto mai attuale.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Giù le mani dal punto nascite del Villa Scassi: scatta la mobilitazione a Genova
Giù le mani dal punto nascite del Villa Scassi: scatta la mobilitazione a Genova

Leila: l’amore, il dolore e la speranza dietro a un trapianto storico per la medicina
Leila: l’amore, il dolore e la speranza dietro a un trapianto storico per la medicina

L’appello del personale sanitario: “Salviamo la sanità lombarda”
L’appello del personale sanitario: “Salviamo la sanità lombarda”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”