25 Gen 2021

La petizione per chiedere all’UE di tassare i prodotti in base a quanto inquinano

Scritto da: Redazione

Fridays For Future lancia una petizione per chiedere ufficialmente alla Commissione Europea di istituire un meccanismo per regolare le emissioni delle grandi industrie denominato “border carbon adjustment”. La campagna ha l'obiettivo di raccogliere un milione di firme entro il 23 giugno 2021.

Oggi la produzione di beni implica inevitabilmente l’emissione in atmosfera di enormi quantità di gas serra, che dovranno essere tagliate ed azzerate nei prossimi anni. Per rendere l’industria europea competitiva durante la transizione ecologica è necessario istituire un border carbon adjustment, ossia un meccanismo di regolamentazione dei prodotti importati nell’UE che tenga conto delle emissioni climalteranti.

In questo modo i prodotti verrebbero tassati in base alla quantità di gas serra emessi per la loro produzione, rendendo così economicamente vantaggioso l’acquisto di beni più sostenibili. Con l’inserimento di questi dazi vi sarebbero anche dei limiti economici alla delocalizzazione e verrebbero scoraggiati l’importazione e l’acquisto di beni prodotti a minor costo in paesi dove non vengono rispettate le norme ambientali, oltre che di tutela dei lavoratori.

crescita economica 3 1

Ecco ciò che si chiede con questa iniziativa:

  • L’UE deve adeguare i suoi obiettivi secondo l’accordo di Parigi a una riduzione dell’80% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 per azzerare le emissioni nette entro il 2035, e deve adeguare di conseguenza la legislazione europea in materia di clima
  • Deve essere istituito un meccanismo di adeguamento delle emissioni di CO2 alle frontiere dell’UE
  • Nessun trattato di libero scambio dovrebbe essere firmato con paesi partner che non seguono un percorso compatibile per preservare la temperatura mondiale sotto l’1,5°, in conformità con il Climate Action Tracker
  • L’UE deve produrre materiale didattico gratuito sugli effetti del cambiamento climatico per tutti i programmi di studio degli Stati membri

Questa campagna è una ICE, ovvero una Iniziativa dei Cittadini Europei, che permette ai cittadini dell’Unione Europea di rivolgersi direttamente alla Commissione Europea per proporre un atto legislativo o delle richieste concrete in un campo di competenza dell’UE. Nel nostro caso vogliamo che il Parlamento Europeo dia priorità a ogni questione riguardante la crisi climatica e che agisca sull’emergenza in corso.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Se la nostra ICE riuscisse a ottenere 1 milione di firme di cittadini europei, appartenenti ad almeno un quarto degli stati membri, il comitato di questa ICE presenterà l’iniziativa di fronte alla Commissione Europea; la Commissione pubblicherà poi un comunicato con le proprie conclusioni legali e politiche riguardo l’iniziativa, spiegando cosa intende fare o non fare a riguardo e perché.

L’obiettivo quindi è raggiungere 1 milione di firme entro il 23 giugno 2021; attualmente la petizione ha superato da poco la quota di 85000 sottoscrizioni. Se volete aderire anche voi all’iniziativa potete farlo cliccando qui.

Articoli simili
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

Alluvioni in Germania: quanto siamo vicini al punto di non ritorno?
Alluvioni in Germania: quanto siamo vicini al punto di non ritorno?

End the Cage Age: l’Europa accoglie l’appello contro le gabbie di 1,4 milioni di cittadini
End the Cage Age: l’Europa accoglie l’appello contro le gabbie di 1,4 milioni di cittadini

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”