2 Mar 2021

Eticar, la polizza auto si fa etica

La RC auto è uno dei prodotti assicurativi più richiesti, ma anche uno di quelli che subiscono di più le storture di un sistema che ha davvero bisogno di una svolta etica. CAES ha studiato un modello che va in questa direzione, coinvolgendo il mondo dell'economia solidale, della solidarietà e del mutuo aiuto. Approfondiamo la conoscenza di Eticar, la polizza di Responsabilità Civile Auto, attraverso questa video intervista a Gianni Fortunati, presidente di CAES.

Alzi la mano chi è a conoscenza del fatto che per l’RC auto ogni compagnia assicurativa italiana ha mediamente 109 tariffe differenti, studiate sulla base del profilo degli assicurati – per esempio in base alla città di residenza. Eticar al contrario, la polizza di CAES, ne ha solo 12, proprio per eliminare le inaccettabili differenze di premio praticate delle altre compagnie.

D’altra parte il nome svela già l’obiettivo di questo innovativo prodotto assicurativo: Eticar, proprio perché è rivolto al mondo dell’economia etica e solidale. Il fine: ripristinare il principio di mutualità, iniziativa che sinora non ha eguali nel panorama assicurativo italiano.

eticar
Gianni Fortunati, presidente di CAES

Chi può accedere a questo servizio? Non tutti possono avere una polizza Eticar, ma solo i gasisti aderenti a GAS censiti sul sito della Rete di Economia Solidale, ma anche i soci di Banca Etica, Amnesty International e dell’Associazione Nazionale Banche del Tempo.

Ma non è tutto. CAES rinuncia anche a parte dei proventi, reinvestendoli proprio nel mondo dell’economia solidale. Il ristorno provvigionale che spetterebbe al Consorzio infatti viene girato all’Associazione RIES (Rete Italiana per l’Economia Solidale) che rappresenta tutti gli esperimenti di economia solidale in Italia. Infine, per garantire la massima trasparenza, Eticar è l’unico progetto che invita assicurato e assicuratore a un confronto diretto, usufruendo anche dei dati tecnici messi a disposizione da parte dell’assicuratore nella massima trasparenza.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Per approfondire tutti questi aspetti “lasciamo la parola” a Gianni Fortunati, presidente di CAES.

banner caes

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Azionariato critico: le imprese cattive si cambiano da dentro

Cosa ha fatto Banca Etica con i nostri soldi nel 2019
Cosa ha fatto Banca Etica con i nostri soldi nel 2019

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria
Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora