2 Mar 2021

Eticar, la polizza auto si fa etica

La RC auto è uno dei prodotti assicurativi più richiesti, ma anche uno di quelli che subiscono di più le storture di un sistema che ha davvero bisogno di una svolta etica. CAES ha studiato un modello che va in questa direzione, coinvolgendo il mondo dell'economia solidale, della solidarietà e del mutuo aiuto. Approfondiamo la conoscenza di Eticar, la polizza di Responsabilità Civile Auto, attraverso questa video intervista a Gianni Fortunati, presidente di CAES.

Alzi la mano chi è a conoscenza del fatto che per l’RC auto ogni compagnia assicurativa italiana ha mediamente 109 tariffe differenti, studiate sulla base del profilo degli assicurati – per esempio in base alla città di residenza. Eticar al contrario, la polizza di CAES, ne ha solo 12, proprio per eliminare le inaccettabili differenze di premio praticate delle altre compagnie.

D’altra parte il nome svela già l’obiettivo di questo innovativo prodotto assicurativo: Eticar, proprio perché è rivolto al mondo dell’economia etica e solidale. Il fine: ripristinare il principio di mutualità, iniziativa che sinora non ha eguali nel panorama assicurativo italiano.

eticar
Gianni Fortunati, presidente di CAES

Chi può accedere a questo servizio? Non tutti possono avere una polizza Eticar, ma solo i gasisti aderenti a GAS censiti sul sito della Rete di Economia Solidale, ma anche i soci di Banca Etica, Amnesty International e dell’Associazione Nazionale Banche del Tempo.

Ma non è tutto. CAES rinuncia anche a parte dei proventi, reinvestendoli proprio nel mondo dell’economia solidale. Il ristorno provvigionale che spetterebbe al Consorzio infatti viene girato all’Associazione RIES (Rete Italiana per l’Economia Solidale) che rappresenta tutti gli esperimenti di economia solidale in Italia. Infine, per garantire la massima trasparenza, Eticar è l’unico progetto che invita assicurato e assicuratore a un confronto diretto, usufruendo anche dei dati tecnici messi a disposizione da parte dell’assicuratore nella massima trasparenza.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Per approfondire tutti questi aspetti “lasciamo la parola” a Gianni Fortunati, presidente di CAES.

banner caes

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Tassonomia europea: i dubbi di Etica SGR su finanza, carbone e nucleare
Tassonomia europea: i dubbi di Etica SGR su finanza, carbone e nucleare

Dallo scontrino del supermercato alla banca: quali sono i costi nascosti ma che paghiamo lo stesso?
Dallo scontrino del supermercato alla banca: quali sono i costi nascosti ma che paghiamo lo stesso?

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario
Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi