4 Mar 2021

Un garante del verde per difendere gli alberi delle città italiane

Scritto da: Redazione

Il gruppo Difensori della Natura e Giacomo Castana di Prospettive vegetali lanciano una campagna per promuovere il Garante del verde, del suolo e degli alberi, una figura indipendente da istituire a livello comunale al fine di proteggere il verde pubblico e promuovere la cultura ambientale.

Gli esseri umani sono le sole creature sulla terra che tagliano degli alberi per fare della carta su cui scrivere “salvate gli alberi” (anonimo).

Vieste, Riccione, Bresso, Peschiera Borromeo,.. sono solo alcuni. Ogni giorno leggiamo di abbattimenti incontrollati – spesso giustificati da patologie degli alberi e dal solito criterio della pericolosità –, capitozzature estreme, mancata manutenzione, potature drastiche, scelte ingiustificate delle Amministrazioni pubbliche nella gestione degli alberi e del verde pubblico.

Parlano di riqualificazione, termine equivoco e pericoloso per giustificare le continue mattanze di alberi a livello nazionale. Serve una svolta! Per questo – prendendo spunto dall’iniziativa del Comune di Milano, dove il consiglio comunale ha istituto la figura del “garante del verde” –, stiamo lavorando per promuovere l’istituzione in ogni Comune/città del Garante del verde, del suolo e degli alberi.

garante del verde

Una figura di riferimento imparziale, competente e soprattutto indipendente dalle Amministrazioni, da istituire in ogni Comune da Nord a Sud, che suggerisca soluzioni tecniche alternative e garantisca la corretta manutenzione e gestione del suolo e del patrimonio arboreo. Perché la tutela e la cura del verde devono diventare un bene comune.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

L’idea sta attecchendo e in questa iniziativa non siamo soli: diversi comitati, esperti, associazioni, singoli cittadini si stanno attivando per invertire questa drammatica tendenza. Non esiste la formula giusta per delineare la figura del Garante e ogni Comune dovrà cucirla sul misura rispetto alla propria realtà.

Sappiamo però che dovrà

  • vigilare a livello cittadino sulla corretta applicazione delle normative di riferimento in materia di consumo del suolo e di tutela del verde
  • ricevere segnalazioni e reclami e promuovere azioni volte a consentire l’ascolto e la partecipazione della cittadinanza, comprese iniziative di sensibilizzazione pubblica
  • formulare proposte per il miglioramento del verde urbano
  • contribuire a garantire la salvaguardia del consumo di suolo e l’incremento del verde e degli alberi esistenti
  • attivare adeguate forme di pubblicità, diverse da quelle già stabilite dalle norme vigenti, per progetti di interventi, pubblici e privati, anche nel caso in cui sia prevista l’adozione di una variante allo strumento urbanistico vigente
  • proporre e discutere, con il supporto della Sezione Urbanistica, le eventuali modificazioni al PGT vigente
  • monitorare e verificare i dati forniti dagli uffici comunali relativi all’evoluzione del consumo di suolo e alla quantità e qualità del verde nel territorio comunale utilizzando gli strumenti di gestione degli uffici comunali e regionali di controllo
  • vigilare sull’evoluzione del consumo di suolo e sulla dotazione di superfici verdi, di alberi e sul loro incremento
  • interfacciarsi con altri Enti preposti alla tutela del verde pubblico
garante del verde 2

È arrivato il momento di essere protagonisti del nostro futuro! Per fare il punto, dare voce a chi, da tempo, a diversi livelli, si sta occupando del tema e condividere esperienze, ne parleremo in diretta Facebook sulla pagina del gruppo ambientalista Difensori della Natura in Italia il 4 marzo dalle 18:00.

Modera: Jék Castana, Giardiniere, Garden Designer e Video Maker, autore di “Botanica per tutti”, una ricerca etnobotanica che conta sulla voce di 260 esperti di tutti i rami della conoscenza, frutto di un viaggio che ha attraversato l’Italia). Considerato dall’inserto de “Il Sole 24 Ore” il più “anticonvenzionale tra i biofili” nella lista degli “Under 35” che stanno cambiando il volto all’ambientalismo italiano grazie al progetto Prospettive Vegetali.

Intervengono Rodolfo Luffarelli, avvocato, creatore ed amministratore del gruppo pubblico e della pagina Difensori della Natura in Italia; Daniele Zanzi, agronomo varesino di fama internazionale e Vicesindaco di Varese; Paolo Rava e Gabriele Mannino, Presidente e Segretario di ANAB Associazione Nazionale Architettura Bioecologica; Carlo Monguzzi, Consigliere comunale e Presidente Commissione Ambiente del Comune di Milano; Claudio Bondioli Bettinelli, Per Mantova; Maurizio Marrese di WWF di Foggia, laureato in Scienze agrarie.

Articoli simili
Madre Terra e l’impronta ecologica maldistribuita

Io faccio così #49 – Scirarindi: “Svegliati!”, la Sardegna in movimento

La natura vince sul cemento: assolta la sindaca che tutela il paesaggio

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa