3 Mag 2021

Federica Ooyen: “Superiamo le paure e i tabù legati alle malattie mentali”

Scritto da: Valentina D'Amora

Come viene percepita all'esterno la malattia mentale? Spesso con derisione, noncuranza oppure paura. Alimentano lo stigma sociale ancora tanti pregiudizi e ignoranza. Come fermarli? Parlandone. Noi lo abbiamo fatto con Federica Ooyen, giovane artista genovese – a cui è stata diagnosticata una patologia – molto attiva nel sostegno agli altri malati e nella diffusione di consapevolezza sul tema.

Genova - Federica Ooyen ha 29 anni ed è un’artista genovese che diversi mesi fa abbiamo intervistato per farci raccontare la sua storia. Le sue parole sono arrivate al cuore di tantissimi lettori che, nel frattempo, l’hanno contattata per condividere le proprie difficoltà e sentirsi meno soli. Sia chi soffre di disturbi simili ai suoi sia coloro che, invece, vivono accanto a persone con queste patologie, oltre al dolore affrontano anche solitudine, derisione e veleni. “Perché andare da uno psicologo quando posso stare col mio gatto che è gratis?” o “preferisco parlare con un amico dei miei problemi” sono solo alcune delle frasi che ruotano attorno alla poca consapevolezza in merito ai problemi psichiatrici.

Per approfondire l’argomento ho deciso di ricontattarla e affrontare con lei il tema della percezione delle malattie mentali.

federica ooyen
Federica Ooyen

Come viene percepita la malattia mentale nell’immaginario collettivo?

La malattia mentale viene avvertita come l’etichetta di una categoria, quella dei “folli”, oppure, al contrario, viene vista come una cosa che addirittura non esiste. Ciò che non si vede e non è tangibile non viene riconosciuto. Esistono tante sfumature. Anche il vento non si può vedere. Eppure c’è. E un malato psichiatrico non deve essere per forza “pazzo”. Esistono tante patologie diverse all’interno della psichiatria e anche nella stessa malattia vi sono spesso vari gradi di gravità. Io stessa sono stata diagnosticata come bipolare di tipo 2 e ho avuto una diagnosi borderline, eppure non ho mai sfiorato la psicosi. Sono solo una persona che ha subito e subisce delle depressioni fortissime e che è stata molto male.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Perché, secondo te, se ne parla poco? Pensi sia ancora un tabù?

Proprio per questa associazione di parole: “psichiatria/follia”. Anche un tumore al cervello può portare alla perdita di lucidità, eppure questo non viene stigmatizzato perché la parola “cancro” è accettata dalla società. Davanti a un malato oncologico si empatizza, con quello psichiatrico no. I pazienti psichiatrici hanno paura dei giudizi e della discriminazione. Di recente ho dato vita a un progetto con cui, attraverso le mie creazioni artistiche dedicate alla salute mentale, mi occupo anche di sensibilizzare e fare attivismo sui social. Spesso mi arrivano messaggi di persone, vittime di bullismo e mobbing, che purtroppo sono all’ordine del giorno. Io stessa ne sono stata vittima in passato.

Una ragazzina di 16 anni, per esempio, mi ha raccontato che per un periodo ha frequentato il liceo assumendo stabilizzatori dell’umore, con tutti i vari effetti collaterali che ne conseguono. La studentessa faticava a restare vigile, a ricordare ciò che studiava, aveva ripetuti attacchi di panico. Nonostante le difficoltà riportate e i certificati medici, alla madre è stato comunicato dal preside e dai docenti che non si potevano fare favoritismi. Quando un alunno si rompe una gamba e ha le stampelle, però, gli viene concesso di prendere l’ascensore, quando scopre di avere allergie alimentari gli viene prescritta una dieta diversa e un nuovo menù alla mensa scolastica. Perché in questo caso, invece, nonostante la patologia diagnosticata da medici specializzati, i comportamenti sono differenti?

Federica Divano rid

Un antidoto allo stigma sociale è la conoscenza, mentre la consapevolezza è il primissimo stadio della cura. Cosa si può fare, secondo te, per combattere l’ignoranza e soprattutto la paura delle malattie mentali?

L’unica cosa che si può fare è parlare. Ci sono molte più persone che stanno male in silenzio di quante non possiamo immaginare. Mi hanno contattata numerosi ragazzini che non hanno il coraggio di parlare coi genitori, ma anche giovani che non si sono mai confidati nemmeno con un amico, come se fossero colpevoli di qualcosa. Essere depressi, avere un disturbo di qualunque tipo come attacchi di panico o di ansia, prendere psicofarmaci non è una colpa. Chi vi risponde facendovi sentire sbagliati o dicendovi che le medicine fanno male, è ignorante. Ogni farmaco fa male, anche la chemio fa male, ma se una patologia richiede una pastiglia per vivere o per migliorare la qualità della vita, è giusto assumerla.

Colgo anche l’occasione per abbattere un altro tabù: gli antidepressivi e gli stabilizzatori dell’umore non creano dipendenza, quelle sono le benzodiazepine e non curano nessun disturbo, si usano solo ogni tanto all’occorrenza per calmare o dormire. Ascoltate i medici, non i “dottori senza laurea”. E se state male, non vergognatevi. Non siete soli.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Tutti Fuori, Fuori Tutti”: l’esperienza del Teatro Sociale in Casentino
“Tutti Fuori, Fuori Tutti”: l’esperienza del Teatro Sociale in Casentino

Calabria che cambia: il primo incontro per cambiare insieme l’immaginario di questa terra
Calabria che cambia: il primo incontro per cambiare insieme l’immaginario di questa terra

Croxetti liguri: la storia di Alessandra che ha preso in mano la tradizione di famiglia
Croxetti liguri: la storia di Alessandra che ha preso in mano la tradizione di famiglia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”