31 Mag 2021

Spalavera, la libreria ad alta quota che promuove la restanza

Scritto da: Simone Foscarini

Una transumanza che oggi rivive con il mercato dei libri: è questa l'idea di due ragazzi di Verbania che dopo aver lavorato come librai itineranti vogliono ora contribuire a far rivivere la montagna combattendo il progressivo abbandono. Così è nata la Libreria Spalavera, un mercato di libri ad alta quota che risponde allo spopolamento con la lettura, attraverso un atto di restanza che risveglia le località alpine grazie alla condivisione e le relazioni umane.

Un mercato di libri ad alta quota in un alpeggio a 1200 metri tra l’Ossola e il Lago Maggiore: questa è la pazza idea di due amici di Verbania, Marco Tosi e Filippo Terzi che, dopo l’attività di librai itineranti per i mercati e le piazze del Nord Italia, hanno deciso di creare un mercato del libro all’Alpe Colle sul Monte Spalavera, trasferendo parte dei volumi tra i faggi e i prati dell’alpeggio.

«Ci piace definirla una vera e propria transumanza di libri – racconta Marco –, una attività che in passato animava le montagne con la stagione delle greggi e oggi rivive con il mercato librario». Il progetto vede la luce per la prima volta nell’estate del 2014 e, da allora, ogni anno è stato riproposto tutti i weekend da maggio a settembre.

Libreria Spalavera4

L’Alpeggio si raggiunge facilmente in macchina, ma è anche uno snodo tra la Val Cannobina, Val Intransca e Val Grande, quindi un crocevia di itinerari per chi ama il trekking. Oltre alla fortunata posizione, il Mercato del Libro offre un inedito connubio tra montagna e carta stampata in una cornice paesaggistica stupenda, che diventa quindi un luogo di scambio in cui creare cultura, intessendo nuove relazioni.

A facilitare questo processo di incontro e scambio sono proprio i libri, il cui taglio è molto particolare. Si tratta di libri usati o antichi e rari, prime edizioni o fuori catalogo, spesso legati al tema della montagna e al contesto locale.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Libreria Spalavera3

«Il libro è uno strumento fondamentale per educare ed educarsi alla bellezza dei luoghi, tante persone che sono venute all’Alpe Colle per la prima volta grazie al Mercato sono poi tornate a camminare», ci racconta orgoglioso Marco. La speranza è infatti quella di riuscire ad avvicinare le persone alla montagna e far scoprire loro i luoghi dell’entroterra. In questo senso i temi del contrasto allo spopolamento e del recupero delle terre alte fanno da sfondo al progetto.

«Nei prossimi anni, con voglia ed energia, il territorio può riappropriarsi con intelligenza della cultura e del lavoro delle nostre Alpi. La nostra speranza è di essere un piccolo esempio», continua Marco. Proprio questo piccolo esempio in realtà si è già tramutato in un grande atto di “restanza” perché, al finire della prima stagione estiva, Marco e Filippo hanno deciso di aprire nel centro storico di Pallanza la Libreria Spalavera, chiamata con il nome del Monte che ha iniziato la fortuna del Mercato.

Libreria Spalavera2

Il Mercato in montagna è ripartito il 30 maggio dopo la pausa del 2020 per Covid con una serie di eventi, presentazione e spettacoli che, da qualche anno, accompagnano la vendita dei libri. Ecco il programma delle attività:

  • Domenica 30 maggio: inaugurazione della nuova stagione
  • Domenica 4 luglio presentazione “Una rabbia semplice” con l’autore Davide Longo, Einaudi Stile libero in collaborazione con l’associazione Gabarét
  • Domenica 25 luglio: presentazione “Maria: Nata per la libertà” con l’autrice Amalia Frontali. Evento in collaborazione con l’Anpi di Verbania sezione Augusta Pavesi e la Casa della Resistenza.
  • Sabato sera 31 luglio: Astronomia in Alpeggio, a guardar le stelle, una serata divulgativa aperta a curiosi e appassionati con osservazione del cielo e delle sue meraviglie grazie a due telescopi e al buio delle notti di montagna. (Evento su prenotazione al 0323557843)
  • Domenica 1 agosto: mercato del libro aperto
  • Domenica 8 agosto: presentazione “l’Elicottero nella clessidra” con gli autori Carlo Bava e Paolo Tosi in dialogo con il maestro di coro di montagna Bepi De Marzi evento in collaborazione con l’associazione Gabarét e con la rassegna “Allegro con Brio” del Comune di Verbania.
  • Domenica 22 agosto: presentazione “Mario Rigoni Stern. Un ritratto” con l’autore Giuseppe Mendicino, nuova pubblicazione edita da Laterza in occasione del centenario dalla nascita dello scrittore di Asiago.
  • Domenica 5 settembre: “Erminio Ferrari, narratore, editore, giornalista e traduttore” . Evento organizzato con LetterAltura in collaborazione con la rassegna “Allegro con Brio” del Comune di Verbania. Saranno presenti: Paolo Crosa Lenz – Teresio Valsesia  – Tararà editrice – Casagrande Editore – Casa della Resistenza –  laRegione il giornale del Ticino.

Articoli simili
Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine
Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani
L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”
La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani