30 Giu 2021

Marie Noelle Urech: “Vi racconto il metodo Connessioni Corpo Mente Spirito”

Scritto da: Lorena Di Maria

E se allenassimo corpo, mente e spirito a comunicare tra di loro per stare in salute e vivere un’esistenza più felice? Vi raccontiamo del Metodo CCMS che in questi anni ha aiutato tante persone a migliorare la propria vita e del corso, in partenza a settembre, per formare nuovi facilitatori che potranno portare le conoscenze acquisite al servizio degli altri. Abbiamo parlato con Marie Noelle Urech, la sua fondatrice, che ci ha raccontato tutti i dettagli di questo progetto.

Al giorno d’oggi i corsi di formazione personale sono sempre più numerosi, diversificati e vari. Questo è positivo: ci mostra un’esigenza sempre più crescente di conoscenza, miglioramento e di aggiornamento professionale volto alla cura e alla salute della persona. Allo stesso tempo, quali requisiti ci permettono di valutare quale corso sia più adatto di un altro? Oggi vi parliamo del Metodo CCMS, che sta per “Connessioni Corpo Mente Spirito”: un modello ma soprattutto un percorso di vita ideato dalla dottoressa, counselor e docente della formazione Marie Noelle Urech, che in questi anni ha accompagnato centinaia di persone in percorsi di crescita personale e professionale.

“Conosci te stesso per creare un mondo più bello” è il motto di questo metodo che mettendo in comunicazione il corpo, la mente e lo spirito vuole aiutare le persone a rompere gli schemi del passato per creare nuovi scenari di vita attraverso quello che Marie chiama «un lavoro profondo di destrutturazione delle credenze e dei condizionamenti» che in molti casi non ci fanno stare bene e non ci permettono di vivere la vita che vorremmo.

Marie Noelle Urech3

Alcuni esempi? Sono le storie di Fabio, ragazzo di 28 anni che è riuscito a risolvere il suo problema di sovrappeso; di Silvia, che per lungo tempo ha riversato sulle sue relazioni familiari tutto il nervosismo, lo  stress e le questioni irrisolte accumulate, peggiorando la qualità della sua vita; oppure di Paolo, uomo di 55 anni che accusava un forte dolore fisico e che, attraverso un lavoro su se stesso, in poco tempo è riuscito a stare bene. O ancora, la storia di Anna, che soffriva di una claustrofobia che la limitava in tantissime azioni della sua vita, come prendere un semplice ascensore. Come Fabio, Silvia, Paolo e Anna ci sono tantissime altre persone che in questi anni sono riuscite a riprendere in mano le redini della propria esistenza, a cambiare la prospettiva su loro stesse e a sperimentare scelte e soluzioni alternative per riconnettersi al loro potenziale.

Il metodo proposto da Marie, che si basa su una visione energetica della persona oltre che su quella emotiva e della coscienza, è mosso da una convinzione: «Il futuro che ci costruiamo dipenderà dalle scelte che faremo oggi». Come ci spiega, «tutti noi siamo frutto di condizionamenti che riceviamo dall’ambiente esterno: abitudini, modi di essere, comportamenti, codici. Li riceviamo dalla nostra famiglia, poi dalla scuola, dalla società e dalla religione. Questo, però, ci porta a nascondere la nostra vera anima». Attraverso varie tecniche il metodo CCMS, Marie Noelle Urech aiuta le persone a togliere quel “velo di illusione” provocato da questi condizionamenti e a trovare ciò che le fa stare bene in loro stesse e che le aiuta a costruire una vita creativa e fatta su misura.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Noelle Marie Urech2

Il metodo è organizzato dall’associazione Viriditas di Viterbo, di cui fanno parte medici, psicoterapeuti e studiosi che hanno allargato la propria conoscenza alla pratica della medicina olistica. L’Associazione Viriditas studia e divulga nuovi approcci della medicina naturale attraverso una visione unitaria che abbraccia tanto l’apporto della medicina orientale, quanto quello della psicologia umanistica e transpersonale.

«Molte volte con i nostri utenti abbiamo lavorato su fobie e traumi. Spesso le persone sono bloccate, non riescono ad avere successo nella vita o hanno difficoltà economiche. Questo perché, talvolta, dietro a comportamenti ripetitivi ci possono essere dei traumi e quindi mettiamo in pratica tecniche molto mirate per lavorare su questi e restituire alla persona maggior benessere».

Diventare facilitatori

A settembre partirà il corso per diventare facilitatori del Metodo CCSM: i partecipanti acquisiranno la competenza per agevolare processi di consapevolezza del proprio potenziale e troveranno le soluzioni per aiutare le persone a migliorare la qualità della loro vita aiutando mente, corpo e spirito a dialogare tra di loro. Le tecniche utilizzate durante il corso saranno la comunicazione empatica, l’ascolto, la meditazione, le pratiche di respirazione, l’immaginazione creativa e tanto altro ancora.

Marie Noelle Urech4

Il corso

Il corso per diventare facilitatori del metodo CCSM partirà nel mese di settembre a Roma e consisterà in 12 weekend distribuiti nell’arco di 12 mesi. Un weekend al mese in cui apprendere e fare pratica con se stessi e con gli altri partecipanti. In questi anni si sono formate persone come infermieri, insegnanti, imprenditori, medici, perfino un ufficiale dell’aeronautica: donne e uomini che Marie definisce “coraggiosi” e che sono intenzionati a intraprendere un percorso per aiutare se stessi e gli altri.

Il corso, che partirà il weekend del 18-19 settembre, sarà strutturato in tre tappe, della durata di quattro mesi ciascuna. Durante la prima fase i partecipanti acquisiranno gli strumenti per lavorare sulla propria persona, sulla propria realtà relazionale (famiglia d’origine, famiglia attuale) estendendola a tutta la sfera relazionale in generale. Sarà questo un lavoro per migliorare la consapevolezza di sé attraverso una supervisione costante degli esperti che li seguiranno. Nei quattro mesi successivi avranno l’occasione di lavorare con gli altri partecipanti del gruppo, utilizzando vicendevolmente gli strumenti appresi. Infine, durante l’ultimo quadrimestre, lavoreranno con persone esterne, proprio come in un tirocinio, attraverso esercitazioni per diversificare la propria esperienza.

Per maggiori informazioni è possibile consultare, sul sito di Viriditas, tutti i dettagli sul corso CCMS.

Articoli simili
Lunghissimi, ispiratissimi giorni pre-operatori. BB e l’ospedale
Lunghissimi, ispiratissimi giorni pre-operatori. BB e l’ospedale

"Da bambino mi hanno detto che la rabbia era cattiva"

Oltre la mente

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora