9 Giu 2021

Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free

Scritto da: Redazione

Un mondo migliore domani passa attraverso un'educazione consapevole dei bambini di oggi. È da questa idea che è nato il progetto proposto da Invento Lab per portare nelle scuole lombarde i principi dell'economia circolare, della lotta alla plastica usa-e-getta e della responsabilità ambientale, con un lavoro collettivo che ha coinvolto più di 1000 studenti, oltre al personale scolastico, ed è stato sostenuto dalle istituzioni locali.

InVento Lab ha ideato e creato B Free Plastic Challenge, il programma per convertire la modalità di consumo all’interno delle scuole e ridurre, in maniera drastica, il consumo di plastica monouso e la produzione di rifiuti. Il percorso coinvolge studenti, docenti, personale ATA e dirigenza della scuola nella progettazione e attuazione di strategie e best practice finalizzate a trasformare la scuola in un ambiente più sostenibile e un modello zero waste e plastic free per il territorio.

B Free Plastic Challenge è un progetto di InVento Lab ed è realizzato in partnership con Comune di Milano, Città di Melegnano, Istituto Don Milani di Tradate, Liceo Benini di Melegnano, l’associazione Shareradio e grazie al contributo di Fondazione Cariplo e la collaborazione di .zeroenvironment. Alessia Giorgi, di Fondazione Cariplo: «Tra i progetti finanziati del bando “Plastic Challenge: sfida alle plastiche monouso 2019”, B Free Plastic Challenge si è contraddistinto perché va a intervenire in un contesto molto importante, quello scolastico, dove si formano i cittadini del prossimo futuro».

scuole plastic free 1

B Free Plastic Challenge coinvolge dieci scuole del territorio lombardo: Liceo Scientifico Marie Curie di Tradate, Liceo Statale Musicale e Coreutico di Milano, IIS Volta di Lodi, ISISS Don Milani di Tradate, IIS Marisa Bellisario, IIS Benini di Melegnano, IC Renzo Pezzani di Milano, IC Sorelle Agazzi di Milano, Istituto Dezza di Melegnano, Istituto Frisi di Melegnano e l’ITIS S. Cannizzaro di Rho, per un totale di 1.000 studenti coinvolti di scuole elementari, medie e superiori, oltre 65 docenti e 10 dirigenze scolastiche. Nonostante la pandemia, l’alternarsi di lezioni in presenza e la DAD, i docenti e gli studenti hanno scelto di prendere parte al progetto B Free Plastic Challenge per partecipare in maniera attiva alla costruzione di società, non solo più sostenibili, ma anche rigenerative e resilienti.

Il progetto B Free Plastic Challenge si è svolto nei primi mesi del 2021, tra gennaio e maggio, ed è giunto agli eventi finali, in programma dal 21 al 29 di maggio. In linea con il Decreto Rifiuti (dlgs 116/2020), che introduce molte novità in tema di Economia Circolare, questo progetto è nato dalla consapevolezza che la plastica monouso crea gravi danni al nostro pianeta e a tutti gli esseri viventi. Così il percorso è stato studiato per coinvolgere scuole di tutti i gradi, facendo collaborare diversi attori, dagli studenti, ai docenti, fino alla dirigenza, in modo da poter intervenire a diversi livelli, da quello educativo, a quello organizzativo e strutturale delle scuole.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ogni scuola, a prescindere dal grado, ha istituito una vera e propria task force che a partire da una capillare analisi del problema, attraverso indagini, interviste e questionari, guidata dagli esperti di InVento Lab e da Carlo Ghiglietti di .zeroenvironment, ha progettato e messo in campo delle strategie di lungo termine per eliminare la plastica monouso dall’ambiente scolastico. Le scuole hanno dimostrato così di poter diventare dei veri e propri modelli e best practice di sostenibilità.

Nel corso del progetto gli studenti hanno lavorato anche sulla comunicazione e sulla sensibilizzazione: i team delle scuole superiori, supportati dal partner di progetto Shareradio, hanno fondato sei redazioni che hanno realizzato oltre dieci podcast sul tema della plastica monouso e delle abitudini di consumo. I Podcast, disponibili su piattaforma Mixcloud, sono stati ascoltati e commentati in diretta durante l’evento insieme a Sara Zambotti di Radio 2, curatrice e conduttrice del programma Caterpillar.

Il 21 e il 27 maggio i progetti delle scuole secondarie sono stati presentati al team di InVento Lab e a una giuria di esperti provenienti dal mondo della sostenibilità e dell’economia circolare che li hanno premiati. Giulia Detomati, CEO di InVento Lab, ha commentato: «A oggi la plastica monouso rappresenta un problema incredibile per il nostro pianeta e anche per il nostro futuro. È stato molto bello vedere come tutti i team hanno collaborato attivamente per riuscire a trovare delle soluzioni partendo dalle scuole e attivando dei veri e propri progetti sistemici. Ringrazio i ragazzi per l’impegno e la determinazione che hanno dimostrato nella realizzazione dei loro progetti per una scuola plastic free e i professori, i mentor, i partner e tutti i membri dell’ambiente scolastico, senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile».

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Chiara e il suo bistrot ecologico con prodotti locali e niente usa e getta
Chiara e il suo bistrot ecologico con prodotti locali e niente usa e getta

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali
Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri