30 Giu 2021

Teatro a Pedali, lo spettacolo a basso impatto alimentato dalle biciclette

Scritto da: Lorena Di Maria

Un palco alimentato e illuminato grazie all’energia prodotta dagli spettatori che pedalano: è questo il progetto della compagnia teatrale “Mulino ad Arte”, che per il secondo anno proporrà un festival a Piossasco sui temi della sostenibilità. Tra laboratori e spettacoli, è pensato per coinvolgere attivamente gli spettatori, all’insegna della partecipazione attiva.

Torino - Fino agli anni ‘30 il vecchio Mulino di Piossasco era utilizzato per macinare farina utilizzando energia idraulica. Con il passare del tempo la sua funzione è andata modificandosi, ma la sua essenza è sempre rimasta la stessa, ovvero quella di produrre energia. Sì, perché questo luogo, pur mantenendo la sua memoria storica, grazie a una compagnia teatrale è stato riconvertito da vecchio mulino a eco teatro, con il progetto Green Theater, che ha il sogno di trasformarlo nel primo teatro eco-sostenibile di Italia.

Ed è proprio la compagnia teatrale “Mulino ad Arte” che qui, dove ha sede, ha organizzato per l’estate la seconda edizione del Festival Teatro a Pedali, un progetto che nasce per essere a basso impatto ambientale. In che modo? Alimentando l’impianto audio-luci del palcoscenico di tutti gli spettacoli che organizzerà grazie alla pedalata del pubblico e ad un sistema di co-generazione elettrica collegato a 15 biciclette. Se prima in questo luogo, ricco di storia, si produceva energia idraulica per macinare farina, ora l’energia prodotta dagli spettatori aiuterà ad alimentare lo spettacolo stesso, divenendo parte integrante e fondamentale dell’esibizione.

Teatro a Pedali5

«Vogliamo rendere il tema della sostenibilità e del vivere in armonia con la Terra, la casa che ci ospita, un tema popolare nella sua accezione più nobile e sfatare il mito per cui il “green” non fa “show”. Vogliamo farlo attraverso la cultura e in particolare con il teatro; allo stesso tempo cerchiamo di sensibilizzare utilizzando un approccio di tipo esperienziale», ha raccontato Daniele Ronco, direttore artistico di Mulino ad Arte e ideatore di Teatro a pedali.

Il Festival Teatro a Pedali, la cui realizzazione è stata possibile grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo, avrà luogo da giovedì 1 luglio a domenica 4 luglio e sarà completamente dedicato ai temi della sostenibilità: si parlerà di mobilità, alimentazione, abitare e clima, in un’ottica inclusiva e partecipativa. «Il Mulino è la nostra “casa”, ma anche un bene comune della cittadinanza, la “casa della cultura”, dove prenderci cura insieme del territorio in cui viviamo», raccontano i fondatori del progetto, che intendono trasformare la struttura nel primo teatro eco-sostenibile d’Italia.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Teatro a Pedali

Tra i suoi protagonisti ci saranno i “Green guys” un gruppo di giovani attivisti che per i quattro giorni organizzeranno laboratori tematici: a fianco degli spettacoli, avranno luogo diversi momenti per coinvolgere grandi e piccoli sui temi legati alla sostenibilità, a cui seguiranno interventi di ospiti moderati da esperti. Ci saranno laboratori contro gli sprechi alimentari, sull’energia, sul riciclo, oltre che una mostra di “Vintage Bicycle”, al cui interno saranno esposte biciclette di diverse epoche per avvicinare le persone a modalità alternative di spostamento, ripercorrendone la storia. Tutti i laboratori organizzati saranno inoltre gratuiti su prenotazione mentre gli spettacoli a pagamento.

Così gli spettacoli a impatto zero sono pensati per sensibilizzare i partecipanti attraverso un approccio inclusivo e dinamico, per un nuovo modo di fare spettacolo, più partecipato e attento alle tematiche ambientali.

Teatro a Pedali2

Ecco il programma dei quattro giorni:

Giovedì 1/07 – Bicicletta

Ore 16 – Laboratorio di ciclo meccanica a cura dei green guys e inaugurazione della mostra; ore 17 – Laboratorio per bambini sul tema dell’energia a cura di Eicom; ore 18 – Aperi-Talk dialogo con Marco Cavorso, Paola Gianotti, Pierangelo Soldavini modera Elisa Gallo, giornalista; ore 21.30 – Giro della piazza, Associazione Madame Rebiné, di e con Andrea Brunetto, Max Pederzoli, Alessio Pollutri, regia e drammaturgia Mario Gumina.

Venerdì 2/07 – Alimentazione

Ore 16 – Laboratorio contro gli sprechi alimentari a cura dei green guys; ore 17 – Laboratorio per bambini sul tema dell’energia a cura di Eicom; ore 18 – Aperi-Talk dialogo con Sabina Bietolini, Luciano Proietti, Manuela Tilaro, Eduardo Ferrante modera Daria Capitani, giornalista Eco del Chisone; ore 21.30 – puntata speciale live della Green-chiesta – il primo set televisivo alimentato dalla pedalata del pubblico 

Sabato 3/07 – Casa

Ore 16 – Laboratorio di autoproduzione a cura dei green guys; ore 17 Laboratorio per bambini sul tema dell’energia a cura di Eicom; ore 18 – Aperi-Talk dialogo con Elisa Nicoli, Roberto Cavallo, La Burnia modera Elisa Gallo, giornalista; ore 21.30 – Blue revolution, con Alberto Pagliarino, prodotto da Pop Economix e Il Mutamento

Domenica 4/07 – Clima

Ore 16 – Laboratorio di riciclo a cura dei green guys; ore 17 – Laboratorio per bambini sul tema dell’energia a cura di Eicom; ore 18 – Aperi-Talk dialogo con dialogo Serena Giacomin, Maurizio Pallante; ore 21.30 – “Mi abbatto e sono felice”, spettacolo di e con Daniele Ronco, regia di Marco Cavicchioli.

Articoli simili
I protagonisti della IV edizione dell’OIFF TURIN CINEFEST

Voglio parlare del male che mi fa
Voglio parlare del male che mi fa

Milano che Cambia a 100 in 1 giorno! Ecco com’è andata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Bimbisvegli: la scuola pubblica non vuole il progetto di educazione consapevole in natura

|

Uno spazio dedicato ai bambini migranti in transito, per farli sentire sicuri e accolti

|

A vent’anni si può cambiare il mondo! Ecco la sfida di Gen C

|

Sicani Creative Festival: il futuro che nasce fra i borghi e le tradizioni della Sicilia

|

Consultorio Transgenere, al servizio di persone transgender e transessuali – Amore Che Cambia #24

|

Nessuno è Escluso: la rete di supporto alla disabilità nata dal coraggio di due genitori

|

Asili per cani: ecco come scegliere quello che piace a lui, non a noi