31 Ago 2021

Un inno alla creatività e alla nascita delle idee. Torna il Festival della Mente di Sarzana

Scritto da: Valentina D'Amora

Il Festival della Mente, il primo festival in Europa dedicato alla creatività e alla nascita delle idee, torna a Sarzana, finalmente dal vivo, ad animare le piazze e le vie del borgo. Quella di quest'anno sarà un'edizione speciale, pensata anche per i più piccoli, con undici eventi rivolti ai bambini. Perché l’arte in ogni sua forma ha un impatto positivo sullo sviluppo cognitivo ed emozionale e favorisce lo sviluppo delle capacità comunicative. E di cultura in questo momento ne abbiamo bisogno davvero tutti.

Salva nei preferiti

La Spezia - Principio, provenienza e inizio di ogni cosa. Cosa significa la parola “origine” e come la viviamo nel quotidiano? Il profondo bisogno di cultura e di riflessione sul futuro che tutti stiamo sperimentando prenderà forma a Sarzana durante il Festival della Mente, il cui file rouge sarà proprio il concetto di origine. 

Dal 3 al 5 settembre scrittori, linguisti, fotografi, storici, artisti, scienziati, filosofi e sportivi incontreranno, finalmente dal vivo, appassionati di cultura di tutte le età. Sì, perché l’evento prevede un “festival nel festival”, con undici appuntamenti pensati per i giovanissimi, divisi per fasce d’età. Per gli adulti il programma si articolerà in ventidue eventi che avranno come protagonisti relatori che propongono approfondimenti culturali e riflessioni su tematiche di attualità.

Gli incontri del festival saranno visibili anche in live-streaming, gratuitamente, per raggiungere un pubblico il più ampio possibile.

festival mente
Un momento del Festival della Mente, in una delle precedenti edizioni

«Il filo conduttore di quest’anno mi è stato suggerito dalla lettura del bel libro “L’origine della creatività” dello scienziato, premio Pulitzer, Edward O. Wilson» , sottolinea Benedetta Marietti, direttrice artistica. «Secondo Wilson, la creatività è il carattere distintivo della nostra specie e ha come fine ultimo la comprensione di noi stessi; e i due grandi rami della conoscenza, l’ambito scientifico e quello umanistico, sono complementari nel nostro esercizio della creatività. Quello dell’origine non è un concetto legato soltanto a fenomeni del passato, ma è anche sinonimo di nascita o di rinascita e può essere declinato al presente e al futuro».

L’EVENTO: INCONTRI PER ADULTI E BAMBINI

Il festival ha come obiettivo la condivisione della conoscenza: «Se attraverso le parole dei relatori riusciremo ad arrivare a una comprensione più approfondita del mondo in cui viviamo e della condizione umana, vorrà dire che anche quest’anno avremo dato il nostro contributo », prosegue Marietti.

E tra la ricerca delle origini del passato, le ragioni dell’attualità del presente e la nascita di nuove visioni per il futuro, gli appuntamenti alternano personalità di spicco: da Alessandro Barbero a Matteo Nucci, passando per Miguel Benasayag.

A incontrare scrittori, artisti, designer e scienziati quest’anno ci saranno anche i bambini, con laboratori, incontri e percorsi volti a coltivare il seme della curiosità, così radicato in loro. «I bambini e le bambine con il gioco e l’immaginazione creano e ricreano il mondo ogni giorno, fanno domande e cercano risposte perché in loro è vivo il seme della curiosità, dello stupore, della possibilità e se ogni germoglio verrà coltivato, se sarà amato, curato, ascoltato e accompagnato, darà origine a un adulto consapevole, sereno, capace di dare e ricevere», afferma Francesca Gianfranchi, la direttrice dell’evento dedicato ai più piccoli.

Volontari festival mente
Uno scatto ad alcuni volontari

I VOLONTARI

Dopo un anno di sospensione a causa dell’emergenza sanitaria, il festival ha riattivato la collaborazione con le scuole secondarie di secondo grado del territorio per coinvolgere gli studenti in percorsi dedicati alle competenze trasversali e all’orientamento.

Così tornano in piazza anche i volontari, cuore pulsante della manifestazione: una squadra di un centinaio di studenti che torneranno ad animare l’evento con entusiasmo ed energia, creando un clima di accoglienza e condivisione.

Cambiamenti, energie e speranze del mondo di oggi: tre giorni per approfondire, pensare e riflettere.

Il festival è promosso dalla Fondazione Carispezia e dal Comune di Sarzana. Con il patrocinio del Ministero della Cultura e della Regione Liguria.

Il programma è scaricabile qui.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica

Rinaldo Pinna e i suoi Sonheros: quando la musica di strada diventa collante sociale
Rinaldo Pinna e i suoi Sonheros: quando la musica di strada diventa collante sociale

SiciliAmbiente Film Festival, a San Vito Lo Capo il festival che coniuga ambiente e diritti umani
SiciliAmbiente Film Festival, a San Vito Lo Capo il festival che coniuga ambiente e diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(7) "liguria"