31 Ago 2021

Un inno alla creatività e alla nascita delle idee. Torna il Festival della Mente di Sarzana

Scritto da: Valentina D'Amora

Il Festival della Mente, il primo festival in Europa dedicato alla creatività e alla nascita delle idee, torna a Sarzana, finalmente dal vivo, ad animare le piazze e le vie del borgo. Quella di quest'anno sarà un'edizione speciale, pensata anche per i più piccoli, con undici eventi rivolti ai bambini. Perché l’arte in ogni sua forma ha un impatto positivo sullo sviluppo cognitivo ed emozionale e favorisce lo sviluppo delle capacità comunicative. E di cultura in questo momento ne abbiamo bisogno davvero tutti.

La Spezia - Principio, provenienza e inizio di ogni cosa. Cosa significa la parola “origine” e come la viviamo nel quotidiano? Il profondo bisogno di cultura e di riflessione sul futuro che tutti stiamo sperimentando prenderà forma a Sarzana durante il Festival della Mente, il cui file rouge sarà proprio il concetto di origine. 

Dal 3 al 5 settembre scrittori, linguisti, fotografi, storici, artisti, scienziati, filosofi e sportivi incontreranno, finalmente dal vivo, appassionati di cultura di tutte le età. Sì, perché l’evento prevede un “festival nel festival”, con undici appuntamenti pensati per i giovanissimi, divisi per fasce d’età. Per gli adulti il programma si articolerà in ventidue eventi che avranno come protagonisti relatori che propongono approfondimenti culturali e riflessioni su tematiche di attualità.

Gli incontri del festival saranno visibili anche in live-streaming, gratuitamente, per raggiungere un pubblico il più ampio possibile.

festival mente
Un momento del Festival della Mente, in una delle precedenti edizioni

«Il filo conduttore di quest’anno mi è stato suggerito dalla lettura del bel libro “L’origine della creatività” dello scienziato, premio Pulitzer, Edward O. Wilson» , sottolinea Benedetta Marietti, direttrice artistica. «Secondo Wilson, la creatività è il carattere distintivo della nostra specie e ha come fine ultimo la comprensione di noi stessi; e i due grandi rami della conoscenza, l’ambito scientifico e quello umanistico, sono complementari nel nostro esercizio della creatività. Quello dell’origine non è un concetto legato soltanto a fenomeni del passato, ma è anche sinonimo di nascita o di rinascita e può essere declinato al presente e al futuro».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

L’EVENTO: INCONTRI PER ADULTI E BAMBINI

Il festival ha come obiettivo la condivisione della conoscenza: «Se attraverso le parole dei relatori riusciremo ad arrivare a una comprensione più approfondita del mondo in cui viviamo e della condizione umana, vorrà dire che anche quest’anno avremo dato il nostro contributo », prosegue Marietti.

E tra la ricerca delle origini del passato, le ragioni dell’attualità del presente e la nascita di nuove visioni per il futuro, gli appuntamenti alternano personalità di spicco: da Alessandro Barbero a Matteo Nucci, passando per Miguel Benasayag.

A incontrare scrittori, artisti, designer e scienziati quest’anno ci saranno anche i bambini, con laboratori, incontri e percorsi volti a coltivare il seme della curiosità, così radicato in loro. «I bambini e le bambine con il gioco e l’immaginazione creano e ricreano il mondo ogni giorno, fanno domande e cercano risposte perché in loro è vivo il seme della curiosità, dello stupore, della possibilità e se ogni germoglio verrà coltivato, se sarà amato, curato, ascoltato e accompagnato, darà origine a un adulto consapevole, sereno, capace di dare e ricevere», afferma Francesca Gianfranchi, la direttrice dell’evento dedicato ai più piccoli.

Volontari festival mente
Uno scatto ad alcuni volontari

I VOLONTARI

Dopo un anno di sospensione a causa dell’emergenza sanitaria, il festival ha riattivato la collaborazione con le scuole secondarie di secondo grado del territorio per coinvolgere gli studenti in percorsi dedicati alle competenze trasversali e all’orientamento.

Così tornano in piazza anche i volontari, cuore pulsante della manifestazione: una squadra di un centinaio di studenti che torneranno ad animare l’evento con entusiasmo ed energia, creando un clima di accoglienza e condivisione.

Cambiamenti, energie e speranze del mondo di oggi: tre giorni per approfondire, pensare e riflettere.

Il festival è promosso dalla Fondazione Carispezia e dal Comune di Sarzana. Con il patrocinio del Ministero della Cultura e della Regione Liguria.

Il programma è scaricabile qui.

Articoli simili
DeltArte: l’antico mestiere del traghettatore rivive grazie alla streetart
DeltArte: l’antico mestiere del traghettatore rivive grazie alla streetart

Eugenio, l’artigiano cioccolatiere e la rivoluzione del bean to bar
Eugenio, l’artigiano cioccolatiere e la rivoluzione del bean to bar

Piccoli Sguardi a Teatro
Piccoli Sguardi a Teatro

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25

|

I detenuti scrivono una lettera aperta ai cittadini: “Investite su di noi”

|

Susflo: economia circolare per combattere la plastica e l’usa-e-getta

|

IT.A.CÀ fa tappa a Palermo, fra lotta alla mafia, inclusione sociale e mobilità dolce

|

Ulivi malati e biodiversità in pericolo: la Puglia non si avvelena!

|

Stagione di caccia: nessuno stop nonostante gli incendi abbiano decimato gli animali

|

La Foresta in Testa: musica e natura per far emergere i talenti