31 Ago 2021

La testimonianza di Rita Piripkura contro il genocidio della sua tribù incontattata

Scritto da: Redazione

Condividiamo il drammatico appello di Rita, appartenente alla tribù incontattata dei Piripkura, che vive in Brasile. La nativa teme che la fragile protezione offerta dalla legge brasiliana venga meno, condannando di fatto a morte lei e il suo popolo per mano dei trafficanti di legname.

I Piripkura sono un popolo incontattato dell’Amazzonia brasiliana. Rita Piripkura è l’unico membro della tribù a essere in contatto regolare con l’esterno e teme che i trafficanti di legname che operano illegalmente all’interno del territorio possano presto uccidere i suoi parenti.

In un’intervista esclusiva diffusa in questi giorni da Survival International, Rita denuncia che nove dei suoi parenti sono stati massacrati in un attacco dei trafficanti di legname e che suo fratello e suo nipote, Baita e Tamandua, vivono ancora all’interno del territorio. «Ci sono molti ladri di terra nei dintorni… Se dovessero ucciderli, non resterà più nessuno», ha detto Rita.

Nel 2020, la foresta dei Piripkura ha subito il tasso di deforestazione più alto di tutti i territori dei popoli incontattati del Brasile. Si pensa che altri membri della tribù vivano nella stessa area, ma più in profondità nella selva.

Al momento la zona è protetta da una ordinanza di protezione territoriale in scadenza il 18 settembre. Tali ordinanze vengono utilizzate per proteggere i territori dei popoli incontattati per i quali non è stato avviato un processo di demarcazione ufficiale.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Recentemente, un giudice ha ordinato alle autorità di sfrattare gli imprenditori agricoli e i trafficanti di legname all’interno del territorio ma, come per molti decreti che impongono al governo di agire, finora è stato fatto ben poco.

Ordinanze d’emergenza simili proteggono al momento altri sei territori indigeni, per un totale di circa 1 milione di ettari di foresta pluviale (un’area pari a tre volte la Valle d’Aosta). Ma, coerentemente con l’ampio attacco ai diritti indigeni da parte del governo brasiliano, il Presidente Bolsonaro e i suoi alleati vogliono aprire all’esterno questi territori, che resteranno comunque vulnerabili fino a quando non saranno stati demarcati ufficialmente come terre indigene.

«L’appello urgente di Rita Piripkura per la sopravvivenza dei suoi parenti dovrebbe essere ascoltato ovunque», ha dichiarato Sarah Shenker, responsabile della campagna di Survival per i popoli incontattati. «I Piripkura sono stati decimati nel corso di decenni di uccisioni per mano degli esterni. I pochi sopravvissuti rischiano di subire lo stesso destino perché imprenditori agricoli e politici, incoraggiati dalle azioni e dalle proposte genocide del Presidente Bolsonaro, stanno cercando di togliere qualsiasi forma di protezione alla foresta dei Piripkura».

«Le ordinanze di protezione territoriale, se rispettate efficacemente, sono l’unica barriera che si frappone tra popoli incontattati come i Piripkura e l’estinzione totale. Devono essere rinnovate, tutti gli invasori devono essere sfrattati e la loro terra deve essere protetta efficacemente».

Articoli simili
Fare comunità: torna l’Officina dei Beni Comuni di Labsus
Fare comunità: torna l’Officina dei Beni Comuni di Labsus

Il fenomeno delle Social Street: Luigi Nardacchione presenta l'esperienza di via Fondazza, prima "strada sociale" al mondo

La “ciclofficina relazionale” che ripara bici e cura le relazioni
La “ciclofficina relazionale” che ripara bici e cura le relazioni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita