6 Set 2021

Andrea di Vallesina Bio: “La mia agricoltura? Biologica, creativa e solidale”

Scritto da: Elena Rasia

Metodi colturali naturali, messa al bando della plastica, filiera locale, imprenditoria etica, percorsi per avvicinare categorie fragili al mondo rurale. Andrea Laudazi ci racconta la sua visione, la sua storia e quella del suo progetto agricolo, nato dalle ceneri dell'azienda di famiglia.

Ancona, Marche - “Fare agli altri ciò che si vuole per sé stessi”, scrive Andrea Laudazi, imprenditore poco più che trentenne che ha fondato la Vallesina Bio, un’azienda agricola di cui è titolare a Monsano, in provincia di Ancona.

Anni fa Andrea era a Montreal, in Canada, per inseguire il proprio sogno nel mondo della sceneggiatura. Un giorno ricevette la chiamata del padre che voleva offrirgli la possibilità di continuare la tradizione di famiglia. Guidato da solide ed etiche motivazioni rientrò in Italia e avviò un robusto processo di ristrutturazione dall’azienda agricola paterna, che da convenzionale si trasformò in una realtà integralmente votata al biologico.

Vallesina Bio 1

Ma questo è solo uno dei percorsi lungo i quali Andrea ha deciso di declinare il concetto di sostenibilità che aveva in mente. Il team, un gruppo giovane e poliedrico, con interessi che spaziano dall’arte all’edilizia, si è avvicinato anche al mondo del sociale attraverso l’apertura di diversi crowdfunding per la realizzazione di diversi progetti, tra cui “Linna Apis – La favola dell’ape intelligente” e “A rotelle in fattoria”.

Puoi parlarci di questo primo progetto, Linna Apis – La favola dell’ape intelligente?

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

La favola, scritta da me, intende offrire ai bambini un messaggio forte e chiaro, fornendo loro termini specifici.
Racconta di un’ape, Linna Apis, che si trova a dover scegliere l’aiuola perfetta per sé stessa, quella che combina i fiori e i colori più belli. Seguendola nella sua ricerca della perfezione incontriamo e scopriamo tante creature appartenenti al magico mondo della natura, dalle quali riceverà tanti consigli. Il miele di Linna Apis diverrà a breve anche un prodotto di Vallesina Bio.

“A rotelle in fattoria” invece in cosa consiste?

È un progetto volto a dare la possibilità anche a chi si muove con una carrozzina di vivere l’ambiente agricolo nel miglior modo possibile, trovando un momento di tranquillità nella natura, a contatto con gli animali e facendo attività tra orto e frutteto.

Vallesina Bio 3
Andrea Laudazi, fondatore di Vallesina Bio

La Vallesina Bio si fonda sul motto “fare agli altri ciò che si vuole per se stessi”: puoi raccontarmi meglio la storia della sua nascita?

Nasce nel 2017 dalle ceneri dell’azienda paterna, per un problema burocratico. Dovendo metterci la faccia, dovendo trasformare il lavoro capitato in passione, ho fatto quanto più vicino alla mia etica, ovvero passaggio netto al biologico e vendita diretta. Voglio mangiare sano e voglio esserne certo. Abbiamo anche il certificato Qualità Marche per il controllo del lotto. Vendiamo e trasformiamo solo quello che coltiviamo noi. Utilizziamo solo confezioni senza plastica, perché odio vedere quelle che buttano lungo la strada.

Il team dell’azienda è giovane, creativo e innovativo. In che modo la creatività si avvicina al mondo dell’agricoltura?

L’Europa ci impone di diventare imprenditori, quindi più precisi, organizzati e sì, anche creativi. È una questione di marketing. Essere creativi è importante anche per trovare nuove strategie e soluzioni, provare e osare in un ambiente molto tradizionale. Serve sapersi adattare ai mercati che cambiano, ma soprattutto alle avversità dei cambiamenti climatici sempre più evidenti.

Vallesina Bio 2

Quali sono i vostri prodotti più richiesti?

Abbiamo iniziato con poco: farine e legumi. Al momento stiamo potenziando il nostro pacchetto sia con gli ortaggi freschi che con l’olio, ma abbiamo progetti anche per pane, pizza, biscotti, miele e molto altro. Tutto è avviato, seppur in quantità minime, per testare il mercato. Sicuramente le farine sono il nostro prodotto principale, anche se ortaggi e olio arrivano facilmente a esaurimento scorte, quindi molto venduti.

Vallesina Bio ha una particolare attenzione per il sociale. Puoi raccontarmi i progetti che vi vedono protagonisti, oltre ai due di cui abbiamo già parlato?

Abbiamo iniziato con un percorso più adatto ai disabili motori, per agevolare il contatto con l’agricoltura, provando a bypassare le barriere naturali. Dobbiamo ancora perfezionarci. Ospitiamo anche attività per ragazzi autistici e recentemente abbiamo partecipato a un bando per l’inserimento lavorativo di soggetti affetti da spettro autistico, in attesa di graduatoria. Abbiamo fatto i formatori per rifugiati politici e alcuni hanno svolto un tirocinio da noi. Abbiamo molti interessi per la comunità, per questo vogliamo diventare Società Benefit. Locale e territorio sono alla base del concetto del chilometro zero che, se venisse applicato, salverebbe moltissime comunità.

Novità per il futuro?

Tante, almeno speriamo. Abbiamo un progetto su sette anni, lungo, molto articolato e speriamo di completarlo, con lungimiranza appunto. L’acronimo del progetto dovrebbe già dire molto: ACT, Agricoltura, Cultura e Turismo. In ogni caso entro primavera diventeremo una SRL Agricola, Innovativa e Benefit, la prima in Italia con questa triplice denominazione, a cui stiamo provando ad aggiungere anche la dicitura Culturale.

Articoli simili
Vigneto vicino all’asilo: se non è biologico va espiantato
Vigneto vicino all’asilo: se non è biologico va espiantato

L'agricoltura biointensiva e la formula della sostenibilità

Biodistretto Casentino: “Dalla cultura del biologico può nascere una nuova economia”
Biodistretto Casentino: “Dalla cultura del biologico può nascere una nuova economia”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita