21 Set 2021

Matteo Saudino: “Vi parlo della filosofia, bella proprio perché apparentemente inutile”

Scritto da: Davide Artusi

Dedicato a chi considera la filosofia una disciplina di scarsa utilità e, al tempo stesso, non riesce a trovare una luce che illumini le zone d'ombra della sua visione esistenziale. A queste persone – ma non solo – è rivolto il lavoro di Matteo Saudino, insegnante di filosofia che da vent'anni si occupa, fra le altre cose, di aspetti quali il dubbio come strumento di ricerca e di crescita interiore o la verità come fine ultimo di tale ricerca. Abbiamo affrontato con lui questi temi in una chiacchierata che vi proponiamo insieme all'invito a partecipare a un webinar gratuito organizzato dal Campus del Cambiamento.

«Per questo terzo corso, organizzato in collaborazione con il Campus del cambiamento, ho deciso di trattare il tema millenario della dicotomia e della contrapposizione tra realtà e illusione». Così Matteo Saudino, classe 1974, insegnante di filosofia e storia da vent’anni presso i licei torinesi, riassume brevissimamente la tematica del suo prossimo corso, il cui lancio si terrà questa settimana.

Per l’occasione noi di Italia che cambia gli abbiamo posto alcune domande più specifiche in merito alle tematiche trattate, così da stuzzicare l’attenzione dei più scettici nei confronti della filosofia e delle grandi domande esistenziali.

Matteo Saudino

Come si pone l’uomo di fronte al dubbio?

«Il dubbio è disorientante, spaventa, ma l’altro lato del dubbio è la fertilità. Senza dubbio non c’è crescita. È necessario confrontarsi con esso, guardarlo negli occhi, in quanto motore di ricerca, di vita, di orientamento. Io mi disoriento con il dubbio per orientarmi, altrimenti non ci sarebbe crescita, ma solo un’accettazione di verità date da altri. Dunque per poter fondare una ricerca, una verità, bisogna partire dal dubbio, che sia il dubbio socratico – so di non sapere – o cartesiano – metto in dubbio tutto per andare a comprendere ciò che mi circonda. Questo è l’approccio che si dovrebbe avere nei confronti del dubbio».

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Cos’è la verità?

«Se il dubbio è uno strumento di ricerca, la verità è il fine di questa ricerca, un obiettivo, un punto di arrivo. Noi viviamo in un mondo di tante verità e ci sono discipline che hanno come fine proprio quello di scovarle. Queste sono le discipline scientifiche, anch’esse consapevoli che ciò che ora è considerato verità, in futuro potrebbe essere messo in discussione. Noi dalla scienza cerchiamo delle risposte certe di natura religiosa, ma nemmeno questa ce le può dare».

Perché per l’uomo è così importante appartenere a una religione e credere in Dio?

«La risposta sulla necessità di Dio non è univoca. Dio è un a necessità che va a colmare le paure e il senso di finitudine, di limite che angoscia l’uomo. È quella proiezione – ci direbbe Feuerbach – delle nostre qualità, dei nostri desideri. Proiettiamo fuori di noi desideri e qualità, creando un Assoluto orientante, che ci guida. Nel corso ci occupiamo soprattutto di Dio dal punto di vista freudiano, psicoanalitico. Freud diceva una cosa interessante: Dio è il padre perfetto, mentre noi siamo dei bambini di fronte all’ignoto alla ricerca di risposte. Il padre o la madre terreni non hanno purtroppo tutte queste risposte e vi è quindi la necessità di credere in un padre perfetto, assoluto, che le abbia e questo è Dio».

La libertà esiste o è un’illusione?

«La libertà è probabilmente il fine dell’essere umano. L’uomo tende alla libertà, anche se questa lo spaventa, portando con sé responsabilità, necessità di crescita e di spirito critico. Tutto ciò incute naturalmente timore e questa paura può portare a barattare la libertà per andare alla ricerca di protezioni autoritarie e autorevoli. L’autorevolezza si fonda sul ragionamento, sulla condivisione aperta di una verità, di una discussione, mentre l’autoritarismo si fonda sull’accettazione di una affermazione e di una prospettiva. L’autoritarismo dunque non fa crescere, creando sudditi, mentre l’autorevolezza ha una valenza positiva perché porta le persone a essere più che mai dipendenti e autonome».

Perché oggi la filosofia è importante?

«La filosofia è fondamentale perché va a indagare ciò che ai più può apparire inutile. Non si occupa di nulla di strettamente pratico, ma risulta fertile e feconda per chi indaga il senso delle cose, per chi cerca un senso del vivere. Dunque la bellezza della filosofia sta nella sua apparente inutilità, in quanto non ha a che fare con nulla di specifico e con nulla di produttivo e pratico, ma aiuta a porsi delle domande e a cercare delle risposte. Trovare il tempo oggi per fare un po’ di filosofia, per ragionare e interrogarsi è il modo migliore per prendersi cura di sé stessi».

Matteo Saudino 2

La filosofia è la scienza della verità? Come distinguiamo un fatto da un’opinione? Come la filosofia ci può aiutare a decodificare e discernere il vero dal falso? Queste sono solo alcune delle domande che verranno poste. «Il tema sarà quello del mondo come realtà e illusione, un viaggio che parte dai greci, da Parmenide e Platone, passa da Cartesio, Schopenhauer, Nietzsche, e arriva sino al Novecento, affrontando Freud e Fromm».

Giovedì 23 Settembre alle 21.15 si terrà la festa di presentazione del per-corso,un evento a partecipazione libera e gratuita. Per seguire il webinar basta prenotarsi sul Campus del Cambiamento a questo link.

“Il mondo tra realtà e illusione” è il terzo corso realizzato da Matteo Saudino in collaborazione con Campus del cambiamento. Il primo “Filosofia del cambiamento” è stato presentato lo scorso anno in tardo autunno, incentrato sul tema del cambiamento e delle scelte, il secondo, “Indagine sull’esistenza umana“, in primavera, focalizzato sulla tematica dell’esistenzialismo; entrambi godibili adesso in modalità di fruizione autonoma sul campus.

Il corso“Il mondo tra realtà e illusione” è rivolto a chi vuole scoprire il mondo della filosofia e ai curiosi e agli appassionati di questa disciplina, a chi vuole utilizzare la filosofia per vivere meglio, a chi desidera esplorare l’ignoto. La finalità del percorso invece è quella di mettere sotto esame la realtà, utilizzando i concetti trattati per conoscere meglio sé stessi e il mondo, ponendosi delle domande e utilizzando il dubbio come strumento di ricerca.

Campus del cambiamento non è nuovo alla promozione di questi per-corsi online, ne ha più di trenta attivi e altri che, oltre a quello di Saudino, verranno lanciati a breve.

Articoli simili
Il dialogo filosofico con la terza età: anche da anziani è giusto continuare a porsi domande?
Il dialogo filosofico con la terza età: anche da anziani è giusto continuare a porsi domande?

Torna il Sarvego Festival per portare la letteratura per l’infanzia tra i boschi della val Borbera
Torna il Sarvego Festival per portare la letteratura per l’infanzia tra i boschi della val Borbera

Giovani e pandemia: quali effetti sociali e psicologici su ragazzi e ragazze?
Giovani e pandemia: quali effetti sociali e psicologici su ragazzi e ragazze?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra