9 Set 2021

A Vincomics i vendemmiatori diventano personaggi dei fumetti

Scritto da: Valentina D'Amora

2 vigne, 6 disegnatori e 24 vendemmiatori. A Vernazza l'11 settembre avrà luogo Vincomics, che sarà un momento d’incontro unico nel suo genere, capace di legare due mondi apparentemente distanti, quello del vino e del fumetto. Prosit!

La Spezia - La fine dell’estate è sinonimo di vendemmia. A settembre l’uva coltivata in vigna durante l’anno viene raccolta e trasferita nelle cantine per avviare il processo di vinificazione, passando da grappoli a bottiglia. La vendemmia è un rituale tipico delle tradizioni agricole di tutte le regioni d’Italia, che trattiene in sé moltissimi elementi culturali, antropologici e comunitari, oltre a essere il momento dell’anno in cui ci si ritrova per celebrare il raccolto con famiglia e amici.

Quest’anno a Vernazza il rito del taglio dell’uva si può vivere insieme a diversi artisti del fumetto. VINCOMICS è infatti un format esperienziale che ibrida il mondo del vino con quello del fumetto, valorizzando le eccellenze del territorio, promuovendo la sostenibilità ambientale ed educando alla coscienza del gusto e dell’estro.

Vincomics Noack 1

Quando e dove? L’11 settembre a Vernazza. La chicca è che, durante il lavoro in vigna, tutti i partecipanti saranno seguiti dai fumettisti, che realizzeranno illustrazioni personalizzate per ciascun “vendemmiatore”. Mentre la sera, nel chiostro del comune di Vernazza, si festeggerà la conclusione della giornata gustando piatti e vini del territorio insieme ai compagni di avventura, disegnatori e vignaioli. E poi, i vendemmiatori potranno ricevere bottiglie di vino realizzate con l’uva da loro raccolta e personalizzate con le illustrazioni realizzate dagli artisti del fumetto in occasione dell’edizione VINCOMICS 2022.

A chi si rivolge? A buongustai del vino, appassionati di fumetto e illustrazione e, in generale, persone curiose, attente alla cultura e all’alimentazione di qualità, che amano scoprire i nuovi linguaggi.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Ho voluto saperne di più su questo evento così particolare, che lega l’arte alla tradizione, e ne ho parlato con Simona Castelletti (forse vi ricordate di lei perché ha fondato l’azienda agricola Cà Balan, in Val di Vara, di cui abbiamo parlato qui), una degli organizzatori.

Com’è nata l’idea di dare vita VINCOMICS?

«I caposaldi di questa idea, che nasce nel 2018 dall’architetto e grande appassionato di fumetti Giacomo Delbene, si basano su un unico principale pensiero: sia il fumetto che il vino sono due elementi di aggregazione, ottimi medium per riscoprire il territorio e le sue eccellenze, promuovendone la sostenibilità, la coscienza del gusto, del bello e del “fatto bene”.

Vino e fumetto sono pertanto sì protagonisti, ma grazie al carattere di questo specifico progetto divengono anche e soprattutto un tramite sociale, culturale ed economico per indurre dinamiche di valorizzazione territoriale e sensibilizzazione culturale. Due mondi che hanno quindi come denominatore comune la qualità. Un’occasione per il pubblico di scoprire come queste realtà interagiscano fra loro, facendo nascere nuove visioni e inesplorati linguaggi narrativi in una dimensione multisensoriale».

vigna Vincomics 1

Come siete riusciti a coinvolgere tutti questi artisti e fumettisti?

«Per spiegarlo bastano solo tre parole: amicizia, disponibilità e amore. L’amicizia nasce grazie da anni di frequentazioni e dalla capacità di creare rete; la disponibilità è tutta degli artisti del fumetto che credono quanto sia importante valorizzare un territorio con le sue peculiarità e la comunità stessa che lo vive. L’amore è per lo stesso territorio, per il suo benessere e la tutela attiva del paesaggio, la cui cura e sviluppo, la cui comprensione e rapporto sono condizioni imprescindibili per il futuro delle genti».

Quali obiettivi vi siete dati? 

«Dare vita a un inedito modello di festival e consolidare la relazione con le comunità locali, creando una piattaforma dedicata al ritrovo e al confronto che sia anche un osservatorio, sia a livello nazionale che internazionale. VINCOMICS calendarizza la propria attività concentrandola in parte in una kermesse dal programma articolato, ospitata dai borghi delle Cinque Terre, e in parte distribuendola lungo il corso dell’anno solare presso il comprensorio stesso oppure in sinergia con altri soggetti anfitrioni con i quali si sono instaurate logiche di networking e partnership».

Una colorata festa di vino e fumetto: VINCOMICS ha tutte le carte in regola per essere un’insolita occasione di incontro tra cibo e arte, con alle spalle una fittissima rete di collaborazioni che coinvolgono diversi territori.

In alto i calici e le matite!

VENDEMMIE DISEGNATE VINCOMICS sono un evento ideato e realizzato da BALLOONWINE insieme a VISIT VERNAZZA. Per informazioni e prenotazioni: info@vincomics.com

Articoli simili
Pistoletto racconta la mostra “Comunicazione. Le porte di Cittadellarte”

Spettacolo teatrale di studenti e detenuti al Migranti Film Festival

Letture e nuovi progetti per piccoli spettatori con la compagnia NATA
Letture e nuovi progetti per piccoli spettatori con la compagnia NATA

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Amore, sesso, relazioni. Cosa sta succedendo in Italia? Ne parliamo il 25 settembre

|

Non Siamo Atlantide: il mito rivive in un evento dedicato alla sostenibilità

|

Matteo Saudino: “Vi parlo della filosofia, bella proprio perché apparentemente inutile”

|

Il Salto nelle Marche: un’agricoltura che rigenera il suolo e le relazioni è possibile! – Io Faccio Così #330

|

In Val Borbera una piccola frazione diventa il “paese degli spaventapasseri”

|

Crisi climatica: il WWF crea un fondo per combatterla in 4 mosse

|

FAWLTS: una rete di studenti e alumni per capire “cosa farò da grande”