26 Ott 2021

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

Scritto da: Sergio Leali

L'homeschooling ha radici profonde ed è una scelta educativa che va effettuata con consapevolezza, eppure sembra oggi poco più che una scappatoia per fuggire dalla scuola convenzionale, sempre più in crisi in questa epoca pandemica. Una soluzione sistemica tuttavia va ricercata altrove, probabilmente in un'alleanza fra tutti gli attori del mondo dell'educazione e in un superamento dei conflitti.

Da poche settimana è partito un nuovo anno scolastico: le difficoltà sono innegabili, le speranze sono tante, come le preoccupazioni. I problemi che la pandemia ha esaltato e ha reso drammatici in seno alla scuola italiana sono affrontati con impegno da parte delle istituzioni, delle famiglie e da tutta la cittadinanza. Sono state messe in campo ipotesi di soluzione che evidentemente non persuadono in misura sufficiente un numero non irrilevante di giovani e di genitori.

Nessuno in questo contesto è portatore di verità assolute. Indubbiamente imboccare una strada che vada bene per tutti è non cosa facile, se non impossibile, quando vi sono forti tensioni. Questo dovrebbe indurre ad atteggiamenti orientati alla comprensione reciproca. Purtroppo non sempre è così.

Nell’ambito dell’homeschooling si sta assistendo a una nuova fase legata al “fattore C”, vale a dire a un fenomeno che vede molte famiglie optare per questa modalità – pienamente legittima e costituzionalmente sostenuta – di adempiere al diritto/dovere di istruire ed educare i figli come risposta alla condizione emergenziale.

scuola e covid

Queste famiglie vengono mosse dalla speranza di offrire ai propri figli condizioni di vita e di studio meno impattanti e rischiose di quelle che vengono offerte dal sistema scolastico in questa difficile circostanza. Il “fattore C”, con tutte le estremizzazioni e infiammazioni che ne sono la manifestazione, porta però a una percezione diffusa che propone l’homeschooling come una “scappatoia”, “un’anomalia” del sistema.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Tuttavia, solo uno sguardo superficiale può assecondare questa idea. L’infelice contingenza presenta le condizioni per il proliferare di iniziative in cui spiccano soprattutto i caratteri legati al business indotto dai vari disagi vissuti dai giovani e dalle loro famiglie.

I termini homeschooling, istruzione parentale o famigliare, scuole parentali e altri, rischiano di essere degli “specchietti per le allodole”, nei quali la sostanza genuina di queste categorie è talmente annacquata da far emergere solo i loro aspetti più esteriori e “facili”.

Atteggiamenti di comprensione e di sussidiarietà più effettivi tra i principali attori del sistema dell’istruzione e delle educazioni – dirigenti, docenti, genitori, istituzioni civiche e religiose, ecc. –, relegando alla marginalità posture autoreferenziali, contribuirebbero alla soluzione dei problemi, generando al contempo innovazione e buoni risultati nei vari ambiti.

L’homeschooling non nasce nel periodo Covid ed è fondato su solide basi storiche, culturali e civiche. Un serio e disincantato approccio alla sua realtà può rivelare spunti di riflessione progettuale di grande interesse, anche per il sistema scolastico.

Le evidenze di questi mesi registrano uno stato di necessità ineludibile: ristabilire o stabilire un dialogo aperto e azioni concrete tra gli attori del sistema dell’istruzione – che non coincide con il sistema scolastico – nel senso di visioni aperte alle complessità della contemporaneità. In questo, le scuole e le famiglie sono chiamate a recuperare centralità reali nella progettazione e nella attuazione delle filosofie educative.

scuola mare bosco

Uno dei concetti di fondo e caratterizzanti dell’istruzione parentale è l’esercizio pieno e compiuto della responsabilità genitoriale, come la Costituzione Italiana chiaramente dispone all’art. 30: “È dovere e diritto dei genitori mantenere istruire ed educare i figli anche se nati fuori dal matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti […]”.

L’attuazione si dipana in varie declinazioni che si muovono nell’intervallo tra la delega totale di tali funzioni alle scuole (statali, paritarie, parentali) o a tutori/precettori di antica memoria e la presa diretta dei genitori nella progettazione, gestione e, in varia misura, dell’attuazione dei processi di apprendimento per i loro figli.

Questa lettura della Costituzione a tanti sembra ancora eretica, ma una attenta riflessione sui principi etici della stessa, contenuti in alcuni articoli in particolare (30, 31, 33, 34, 118, 2, 3, 4, 5), unitamente alle “Indicazioni nazionali per il curricolo” del MIUR (2012/2018) e alle Otto competenze chiave indicate dal Consiglio, possono essere d’aiuto per comprendere meglio l’istruzione parentale e magari individuare vie ulteriormente innovative nel segno di una effettiva sussidiarietà tra i soggetti.

Il “fattore C” nell’homeschooling è frutto della crisi complicata che il sistema dell’istruzione e delle educazioni sta vivendo. Ne deriva che tutti i soggetti partecipanti di tale sistema si rendano attivi e collaborativi in uno sforzo comune di innovazione. Scuole, gestori della comunicazione, istituzioni civiche, genitori e mondo adulto in senso lato hanno parecchio lavoro da fare.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Senza compiti né zaino: la “scuola possibile” di Torino

A Cittadellarte una residenza artistica come strumento educativo

Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa
Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini