19 Ott 2021

Porto di Genova: “Staremo qui finché non otterremo quello che ci spetta”

Scritto da: Valentina D'Amora

“Ora e sempre resistenza” e “La gente come noi non molla mai” sono i loro cori. Quello che chiedono è massimo rispetto della libertà altrui. Sono i portuali di Genova e stanno portando avanti la loro protesta da venerdì. Il porto è bloccato, decine di tir restano incolonnati. Cosa sta succedendo a Genova?

Genova - Al grido di “Giù le mani dal lavoro” tanti gruppi di uomini e donne di tutte le età sono seduti per terra davanti ai varchi del porto di Genova a protestare contro il green pass obbligatorio nei luoghi di lavoro. Non solo portuali, ma anche lavoratori di altre categorie e di altre regioni. Un presidio che da venerdì è continuato senza sosta, giorno e notte, tanto che domenica alcuni tir hanno scelto di riprendere l’autostrada e riportare indietro i carichi. Varchi chiusi quindi e camion incolonnati.

IL PORTO

Il porto è il luogo aperto e di passaggio, letteralmente ed etimologicamente. Un crocevia di comunicazioni e di merci, luogo essenziale negli scambi mercantili tra paesi e popolazioni. Il porto non è un semplice luogo di approdo di navi e di ormeggio di natanti o di carico e scarico di container. In porto brulicano persone di tutto il mondo, si parlano tante lingue diverse e capita di protestare con determinazione. Contro le navi cariche di armi nel 2019, che sarebbero state impiegate dalla Guardia civile nel conflitto in Yemen, e oggi contro il Green Pass obbligatorio.

Alba varco Etiopia
L’alba al varco Etiopia

Il porto, luogo aperto e all’aperto per antonomasia, diventa ancora più facilmente ambiente di contestazioni per la contraddizione stessa di ritrovarsi a dover esibire un certificato per lavorare all’aperto e a contatto con navi che battono le più svariate bandiere, guidate da equipaggi che invece non avrebbero gli stessi obblighi.

IL PRESIDIO

Ai varchi si condividono panini, bevande calde, focaccia, grissini e caldarroste; la sera ci si scalda davanti a un piccolo fuoco e arrivano minestroni e pasti caldi da diversi ristoranti e pizzerie genovesi. La questione è molto sentita e si percepisce la voglia di restare uniti e di esserci, “coesi e coerenti”.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Sabato pomeriggio, in piazza De Ferrari, la delegazione dei portuali ha parlato della fratellanza sincera che sta nascendo nei vari presidi, tra le persone che si stanno via via unendo, e della solidarietà che ci si sta dimostrando l’uno con l’altro.

I lavoratori hanno sottolineato: «Stiamo manifestando contro qualcosa di aberrante: per noi non è accettabile vedere un fratello costretto a possedere una tesserina per poter entrare nel luogo di lavoro». I portuali attualmente “scartati” dal ciclo produttivo sono considerati assenti ingiustificati e sono quindi senza stipendio. E ancora: «Più schiacciano, più noi ci moltiplichiamo».

Comitato Liberi Cittadini Genova Portuali
La delegazione dei portuali in centro – Foto del Comitato Liberi Cittadini Genova

I SINDACATI

L’Unione Sindacale di Base – USB Porto di Genova venerdì ha dichiarato: «In questo momento, alcune aziende all’interno del porto di Genova stanno costringendo i lavoratori stessi a svolgere un ruolo di controllori del green pass verso i colleghi, atto che mina la dignità del lavoratore e mira a spegnere sul nascere qualsiasi istinto di solidarietà all’interno della classe lavoratrice». Per questo, l’USB Porto denuncia questo strumento come «lesivo dei diritti dei lavoratori e condanna il tentativo di dividere ancora di più la classe lavoratrice all’interno del Porto di Genova».

Il problema che emerge è quindi la richiesta di sicurezza, non il vaccino: «Chiediamo che tutte le aziende si facciano carico immediatamente della sicurezza sui posti di lavoro, fornendo tamponi gratuiti a tutti i lavoratori del porto».

E così il camallo, “l’omone” che storicamente trasportava sulle spalle i carichi dalla nave alle banchine, oggi sta portando avanti una nuova battaglia, dove la forza sta “nella determinazione e nella coerenza”, come si sente dire ai presidi.

Articoli simili
Il Comune di Pianezza dice no al TTIP

Il Ceta entra in vigore: a rischio di gli standard europei di sicurezza

Make in Nuoro: il Fab Lab che innova le imprese locali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini