11 Ott 2021

A Zuccarello due mamme si battono per il doposcuola outdoor e lo autofinanziano

Scritto da: Valentina D'Amora

Due mamme, un piccolo borgo della provincia di Savona – Zuccarello – e l'esigenza di tante famiglie di avere un maggiore supporto da parte della scuola. Da qui nasce un progetto di doposcuola diverso, con gruppi di lavoro trasversali e con un pomeriggio outdoor. Ecco la loro storia.

Savona - Questa è la storia di Valentina, che con il suo progetto educativo è riuscita a intrecciare il suo passato di educatrice, il suo presente di mamma e la sua viscerale passione per il territorio.

Lei vive a Castelvecchio di Rocca Barbena insieme alla famiglia e le sue figlie vanno a scuola a Zuccarello, un piccolo borgo dell’entroterra di Albenga che conta circa 300 abitanti. Nell’unica scuola primaria del paese, orientata ai principi della Scuola del Bosco, si coltiva un orto-giardino in cui i bambini sperimentano la semina di erbe aromatiche e la raccolta di prodotti tipici del territorio. Una bella realtà educativa con una piccola “lacuna”: «Alla fine dello scorso anno scolastico – racconta Valentina – è emersa l’esigenza di molte famiglie di avere un sostegno in più. La scuola infatti prevede solo due rientri pomeridiani, lasciando scoperti tre pomeriggi».

Da qui il progetto di outdoor education di Valentina: «Ho subito incontrato le insegnanti per proporre la mia idea, che inizialmente riguardava solo le attività educative nel bosco, e il Comune di Zuccarello, che mi ha aiutato con i questionari da sottoporre alle famiglie». È subita emersa la forte risposta dalle famiglie e l’approvazione e il sostegno da parte sia della scuola che del Comune.

Nei mesi estivi il progetto si amplia, aggiungendo una parte dedicata al doposcuola e una nuova “testa”. Strada facendo Valentina conosce Mabel, una mamma appena arrivata nella scuola di Zuccarello, che non solo ha sposato il progetto, ma l’ha arricchito. «Lei abita ad Alto, poco distante da qui, e fa parte di Altopia, l’associazione che ora ci fa da cornice».

Mabel Valentina Zuccarello
Mabel e Valentina a Zuccarello

LA STORIA

Al lancio del progetto mancava però ancora una parte di finanziamento, che il Comune di Zuccarello si era impegnato a reperire. Dopo qualche tempo arriva finalmente il “sì” da parte di un’azienda locale, ma Valentina e Mabel decidono di rifiutare. «La proposta proveniva da una azienda sul territorio che non riteniamo coerente con i principi di tutela e salvaguardia dell’ambiente che vogliamo divulgare».

Decidono di percorrere quindi la via dell’autofinanziamento. «Dal momento del rifiuto abbiamo trovato tutte le porte aperte e ci sono arrivate proposte da tante realtà locali che condividono la nostra scelta e il nostro progetto». Un gruppo di cittadini di un paese limitrofo che da anni si batte contro l’inquinamento, per esempio, sta per stanziare 900 euro, così come negozi e piccole aziende. E alcune realtà hanno deciso di offrire un supporto “materiale”, non solo economico. Tante modalità di sostegno di un progetto educativo che guarda al futuro.

IL PROGETTO CHE INSEGNA AI BAMBINI AD “APPRENDERE DALLA NATURA”

Sta per nascere quindi uno spazio dove per due pomeriggi a settimana gli alunni della scuola primaria potranno potenziare l’attività didattica del mattino, fianco a fianco con i loro compagni e con il supporto degli educatori, creando dei gruppi di lavoro trasversali, dove i più grandi aiutano i piccoli. Ma potranno anche affacciarsi fuori, non per “sbirciare” dalla finestra le nuvole che scorrono, ma per abbracciare la natura e imparare dal bosco. «Con un pugno di more si imparano le divisioni e con un giro nel bosco si possono affrontare davvero tutte le materie scolastiche».

Quello di Zuccarello è un doposcuola con una marcia in più: il venerdì sarà il “green day”, in cui verranno proposte diverse attività legate alla conoscenza della flora e della fauna locale. «Coinvolgeremo i ragazzi in un percorso di osservazione, classificazione e utilizzo delle erbe spontanee, sia in cucina che in cosmesi, per far sì che possano prendere contatto e coscienza con gli elementi naturali che ci circondano», spiega Valentina.

Soppalco lettura zuccarello
Il soppalco per l’area lettura nel teatro di Zuccarello

L’idea è inoltre quella di creare una rete con le realtà associative e non del territorio di Zuccarello, facendo tesoro del tempo, delle competenze e delle tradizioni che verranno trasmesse da ogni collaborazione che nascerà. «Il Comune ci ha anche messo a disposizione un’area del teatro comunale: su un soppalco stiamo allestendo uno spazio dedicato alla lettura, grazie alla libreria Albero Azzurro di Albenga, che ci ha regalato una borsata piena di libri meravigliosi, tutti inerenti alla natura».

COSA MANCA?

«Abbiamo voluto dividere in due tranche i 10.000 euro del servizio annuale. Per il via ufficiale del progetto, però, dobbiamo raccogliere ancora 2.000 euro, dei primi 5.000 del primo quadrimestre».

Chiunque volesse diventare “mecenate” di questo progetto educativo, può inviare un contributo al conto corrente dell’associazione Altopia: IBAN IT 71 E 05018 0100 0000016840647 – Banca Etica.

Articoli simili
Un parco giochi diffuso può valorizzare i centri storici? In val Borbera sì, è GioCabella!
Un parco giochi diffuso può valorizzare i centri storici? In val Borbera sì, è GioCabella!

Tre donne prendono in gestione il parco Barontini e lo trasformano in uno spazio di socialità
Tre donne prendono in gestione il parco Barontini e lo trasformano in uno spazio di socialità

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli
Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento