22 Nov 2021

Il Mosaichaos e i suoi tasselli, simboli di rinascita di centinaia di persone

Scritto da: Redazione

Un'opera collettiva che racconta storie individuali di rinascita e speranza che, insieme, formano una narrazione che parla di rinnovamento collettivo. Non a caso per rappresentarla è stato scelto un mosaico, le cui centinaia di tasselli sono non un mero insieme di pietre, ma un disegno nuovo, organico, vivo.

Foggia, Puglia - Il Mosaichaos delle Meraviglie promosso dalla Fondazione Nuova Specie è un’opera unica e originale, frutto di un vero e proprio laboratorio antropologico, dove centinaia di persone hanno rappresentato le loro storie di dolore e di rinascita, arricchendolo delle proprie specificità. La superficie pavimentale del Mosaichaos infatti è ricca di oggetti appartenenti alla storia delle persone che si sono avvicendate nella realizzazione dell’opera; oggetti che hanno sancito dei passaggi importanti nelle vite di ognuno e che sono carichi di un senso rituale.

mosaichaos

Un percorso interessante, ad esempio, è quello relativo ai passaggi fatti da Giuseppina, una donna ammalata di cancro che nel Mosaichaos ha segnato le tappe della sua guarigione. La prima traccia di questo suo percorso è rappresentata dall’insieme di dieci piccoli rettangoli colorati, provenienti da materiale utilizzato per l’arredamento della sua casa, inseriti nelle radici, che simboleggiano le lettere del suo nome, e da un tassello più grande quadrato inserito da suo padre, che accompagnava sua figlia di ritorno dal primo ricovero in ospedale.

Il secondo ex-voto è stato inserito da Giuseppina di ritorno dal suo ultimo ricovero ed è quello di due sassi da lei decorati con due raffigurazioni di un albero ingabbiato e di un albero liberato in forma umana con un camice medico. Entrambi sono inseriti nella chioma del baobab.

La terza e ultima fase del suo passaggio al Mosaichaos è stata la creazione e l’inserimento di fiori, foglie e frutti del baobab, da lei realizzati nella fase conclusiva della sua malattia, che le ha fatto riscoprire la sua parte creativa e la sua passione per la ceramica a lungo messa a tacere.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

La sua testimonianza – insieme a quella di molte altre persone che hanno vissuto attraverso la realizzazione di parti del Mosaichoas delle vere e proprie “rinascite” – è possibile leggerla nel Catalogo pubblicato e finanziato dalla Fondazione Monti Uniti di Foggia.

fo02

Riportiamo, a questo proposito, la parte finale del suo intervento: «Penso che le nostre storie intrecciate, la mia e quella del Mosaichaos, insieme a quelle della moltitudine di persone che lo hanno composto tessera per tessera, siano delle storie importanti per il tempo “pieno di vuoti” che viviamo oggi. Storie di attraversamenti e cambiamenti, di chaos e di ciò che da esso può nascere, storie ordinarie ma coraggiose, storie che contemplano le cadute, storie di grandezze costruite a poco a poco ma senza sosta».

Per questo motivo il Mosaichaos rappresenta un ambiente sacro, in cui si entra a piedi scalzi per rispettare la sacralità del luogo e per sentire in maniera viva tutti gli elementi e passaggi del pavimento musivo. Inoltre, prima di varcare la soglia del Mosaichaos, ognuno è invitato a pronunciare la formula “Io sono ciò che solo io già sono”, per ricordarci la nostra origine ontologica e per desiderare di ritrovarsi, all’uscita dal mosaico delle meraviglie, più cresciuti in Profondità, in ciò che solo noi già siamo.

Articoli simili
Ecco come cambiare noi stessi e la società attraverso l’aria, l’elemento della mente
Ecco come cambiare noi stessi e la società attraverso l’aria, l’elemento della mente

Eirene: danzare per riconnetterci al nostro lato più “selvatico”
Eirene: danzare per riconnetterci al nostro lato più “selvatico”

Da casalinga a consulente del benessere e sexual coach: quando il cambiamento interiore trasforma la vita
Da casalinga a consulente del benessere e sexual coach: quando il cambiamento interiore trasforma la vita

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gli Usa cancellano il diritto all’aborto: conseguenze e reazioni – #549

|

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

|

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

|

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

|

Ucciso un altro ciclista, ma chi sceglie di spostarsi in maniera sostenibile va protetto

|

La finanza, il Covid e il controllo sociale: a I(n)spira-Azioni arriva Fabio Vighi – #12

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali