16 Dic 2021

OLIVing: chi vuole vivere e progettare insieme in permacultura?

Un'esperienza di vita, apprendimento attivo e servizio in una comunità che sperimenta e propone un nuovo rapporto con sé stessi, con la vita, con la natura e con la Terra. Entro il 30 dicembre è possibile candidarsi per partecipare al progetto residenziale OLIVing-II, rivolto a giovani tra i 22 e 32 anni.

Perugia, Umbria - In Umbria, vicino Città della Pieve, nel 1981 Sergio Bartoli fondò la Comunità di Etica Vivente con l’intento di considerare tutti i temi della vita umana – valore, visione, rinnovamento, libertà, auto-responsabilità e tanti altri – sviluppandoli secondo l’etica e andando oltre l’astratto per rendere esperienziale e applicativo, cioè “vivente”, tutto quello che si comprende. Un fine che si è mantenuto nel tempo e che è ancora molto vivo. Sono tante infatti le azioni e i progetti portati avanti dalla comunità, volta a creare modelli accessibili e replicabili di rigenerazione della terra e della coscienza.

Tra questi si inserisce il progetto residenziale per giovani dai 22 ai 32 anni OLIVing – II della durata di sei mesi che offre la possibilità di vivere momenti di pratica e teoria, oltre a occasioni di vita di gruppo e condivisione con le varie realtà dei villaggi e della comunità residenziale.

Secondo le pratiche dell’agricoltura tradizionale, la Terra viene sfruttata per produrre cibo in quantità, causando così raccolti sempre meno nutrienti per una progressiva perdita della fertilità e per una aridità dovuta a mancanza di acqua. L’obiettivo del progetto OLIVing è anche quello di sensibilizzare e formare, soprattutto i giovani, a pratiche di agricoltura rispettosa e rigenerante, basate su tecniche innovative e sostenibili che rispettano la Terra, le persone e le risorse.

OLIVing 2

Sono aperte le candidature, che potranno essere inviate fino al prossimo 30 dicembre e sono rivolte a quattro giovani interessati a partecipare al progetto che durerà sei mesi. Un programma intenso che richiede voglia, passione e impegno e che verterà su una formazione in Permacultura e Agricoltura Rigenerativa condotta da Fabio Pinzi, Eva Eisenreich e Beppe Pandolfi; esercitazioni applicate ai vari campi del progetto; possibilità di aderire ai seminari di psicosintesi e al PdC 72 ore in Permacultura. Lezioni di esperti, che da più di vent’anni si dedicano a questi temi, e lavoro sul campo.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il tutto vivendo insieme ad altri giovani in uno splendido casale immerso nel verde delle colline umbre, sperimentando nella vita quotidiana i principi e i metodi della psicosintesi di Roberto Assagioli, una disciplina umanistica per l’autoformazione profondamente affine alla Permacultura.

Il progetto OLIVing rientra nell’impegno più in grande della Comunità che è mitigare il cambiamento climatico. Sono tanti i progetti pilota in tal senso:

  • MaestroOrto, l’orto comunitario, un luogo produttivo e didattico aperto al territorio, spazio di meditazione e di bellezza.
  • La progettazione di un sistema agroforestale con l’utilizzo di una linea chiave di lavorazione, la cosiddetta ”keyline”, per gestire al meglio l’acqua e aumentare così la fertilità del suolo.
  • Adotta un Ulivo-Rigenera la Terra per la rigenerazione partecipata di 80 ulivi e lo stoccaggio di carbonio nel terreno, progetto finanziato da un meccanismo di economia del dono (gift economy), che si allargherà presto ad altre ulivete.
OLIVing 1

Gli obiettivi da qui ai prossimi sette anni prevedono non solo un intensificarsi dei progetti appena citati, ma anche un programma che alterna formazione ed esperienza in campo di giovani europei e italiani orientati verso una agricoltura di comunità. Un’agricoltura rispettosa e rigenerante fondata su tecniche che permette di autodeterminare la produzione del proprio cibo.

Attraverso forme di economia del “dono” e partecipata si sosterranno progetti basati sui principi etici, come la rigenerazione dei suoli e degli olivi insieme alla produzione a chilometro zero di cibo di qualità in quantità e sperimentando un modello replicabile, soprattutto nella fascia di medio appennino.

Giovani: fatevi avanti, il mondo è nelle vostre mani! Opportunità di crescita e formazione che hanno come obiettivo l’inclusione e la comunità sono distanti dai valori mercificati che vengono sbandierati ogni giorno sui nostri media. Per un sistema in grande difficoltà occorrono nuove forme di economie, di lavoro e di condivisione. Ma soprattutto giovani che hanno voglia di costruire un nuovo futuro.

Per saperne di più leggi la storia della Comunità di Etica Vivente.

Articoli simili
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione

Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato
Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato

Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”
Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi