11 Gen 2022

Women’s Fund: fondi e sostegno per le donne che vogliono fare impresa

Si chiama Women's Fund ed è un'azione concreta che vuole però essere anche un segnale culturale per combattere il divario di genere che esiste nel mondo del lavoro. È un'iniziativa di Alessia D'Epiro, coach professionista e fondatrice di Womanboss, finalizzata a sostenere le idee imprenditoriali al femminile.

Il gender gap è il classico elefante nella stanza del mondo economico – ma non solo –, un problema enorme che causa gravi ineguaglianze, ma che viene ancora considerato secondario rispetto ad altre emergenze o addirittura completamente ignorato.

Qualche dato

A proposito di emergenze, come rileva l’Ufficio Studi Confesercenti, proprio il Covid ha impresso una battuta d’arresto allo sviluppo positivo che l’imprenditoria femminile stava vivendo dal 2014, determinando nel 2020 un calo dello 0,29% delle aziende guidate da donne e una schiacciante predominanza femminile fra le fila delle persone rimaste senza occupazione a causa della pandemia – 99000 su 101000 sono donne.

Questa situazione emergenziale non è altro che l’esacerbazione di un divario di genere inaccettabile nel mondo del lavoro, che si esprime per esempio nella retribuzione: come evidenzia uno studio dell’Osservatorio Job Pricing, la differenza salariale fra uomini e donne arriva al 12,8% a favore dei primi, eppure secondo Almalaurea le laureate sono più dei laureati e con risultati migliori.

Il forte impatto della pandemia sul lavoro femminile è legato a due aspetti principali. Il primo è che i settori più colpiti dall’emergenza sono quelli dove le donne sono più occupate. Il secondo è l’incremento del lavoro domestico e di cura dei bambini a causa del distanziamento sociale e della chiusura delle scuole. Incombenze che abitualmente ricadono in misura maggiore sulle donne e che sono davvero difficili da conciliare con il lavoro.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

donne lavoro 1
Cosa può essere fatto?

Un contributo interessante per correggere queste gravi storture arriva da Alessia D’Epiro, coach professionista, certificata dall’Associazione Italiana Coach Professionisti (AICP Italia) e dall’International Coach Federation (ICF) e Founder di Womanboss.

«Un primo passo importante da compiere è sostenere l’imprenditorialità al femminile attraverso azioni di formazione e informazione sulle opportunità di finanziamento derivanti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)», spiega Alessia, che sta lanciando proprio in questi giorni Women’s Fund, uno strumento concreto e operativo per sostenere le donne ingiustamente penalizzate dal mondo dell’impresa.

Il PNRR, nello specifico, prevede diverse opportunità di finanziamento dedicate alle donne, quali quelle del “Fondo Impresa Donna”, che mette a disposizione finanziamenti sia per la creazione di nuove imprese che per sviluppare quelle esistenti, purché siano costituite per almeno due terzi da donne e con particolare attenzione a coloro che sono nello stato di disoccupazione.

Women’s Fund

Ma cosa potrebbero fare le donne per reimpiegarsi e magari sviluppare un progetto in proprio che consenta loro flessibilità e indipendenza? «Attraverso Women’s fund – spiega Alessia D’Epiro – voglio supportare concretamente le donne nello sviluppo della propria imprenditorialità: intendo aiutare le imprese al femminile e le professioniste ad accedere alle risorse di cui hanno bisogno per far crescere la propria attività».

Il Women’s Fund si configura dunque come un progetto volto a favorire l’emancipazione economica femminile e rendere più facile l’accesso al credito per le donne. L’invito a partecipare all’iniziativa è rivolto a coloro che desiderano capire quali finanziamenti sono l’opzione migliore per far crescere la loro attività, conoscere le sfide attuali che le donne imprenditrici devono affrontare quando cercano di finanziare/sostenere un’impresa e, in generale, dare il proprio contributo per ridurre il divario di genere nei finanziamenti.

CLUB WOMANBOSS.2JPG 1
Il programma

Il programma è strutturato nella realizzazione di dieci webinar settimanali che si terranno dal 25 gennaio al 30 marzo e che mirano a far crescere la consapevolezza imprenditoriale. Nel corso degli incontri virtuali verranno affrontati e approfonditi tutti gli aspetti più importanti che riguardano la creazione di un’idea imprenditoriale e il reperimento dei fondi per realizzarla.

Si partirà da come definire un piano di prefattibilità per poi passare alla ricerca dei bandi e dei finanziamenti utili per i differenti progetti. Si parlerà inoltre di quali siano i suggerimenti più importanti per presentare la propria attività alle persone giuste nel modo giusto e quali le alternative utili a incrementare i fondi a disposizione attraverso il crowdfunding e il crowdequity.

Il lato charity di Women’s Fund

«Ho deciso che questo progetto sarebbe stato un duplice dono», afferma Alessia D’Epiro introducendo due iniziative benefiche legate a Women’s Fund. «Da un lato devolveremo metà del ticket di partecipazione all’Associazione La Casa di Sabbia, che si occupa di fornire gratuitamente alle famiglie l’assistenza legale per quanto riguarda l’accesso alle cure domiciliari e l’assistenza infermieristica a scuola dei bambini disabili gravi».

«Dall’altro – continua Alessia – donerò cinque consulenze di prefattibilità alle prime cinque donne che invieranno l’abstract di un progetto di business da sviluppare in armonia con almeno due degli obiettivi dell’agenda 2030. Questo al fine di aiutarle nel percorso di sviluppo della propria attività e accompagnarle nell’individuazione dei bandi che, attraverso le misure del PNRR e della politica attiva, si stanno attuando».

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Nella casa circondariale di Siracusa l’Arcolaio sperimenta modelli innovativi di economia sociale
Nella casa circondariale di Siracusa l’Arcolaio sperimenta modelli innovativi di economia sociale

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia
In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

Carato, la moneta virtuosa per il bene pubblico, diventa una rete per diffondere la cultura della sostenibilità
Carato, la moneta virtuosa per il bene pubblico, diventa una rete per diffondere la cultura della sostenibilità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi