2 Feb 2022

Le bollette salgono per i prezzi del gas e il Governo penalizza chi ha investito sulle rinnovabili

Scritto da: è nostra

Circola in questi giorni la bozza del cosiddetto “Decreto Sostegni” che tra i vari provvedimenti prevede alcune misure contro il caro energia. In questa analisi, ènostra spiega perché la politica energetica italiana è miope, inefficace dal punto di vista economico e dannosa ai fini della transizione.

Le azioni che il Governo sembra voglia intraprendere, preannunciate dal ministro Cingolani durante la sua audizione in Senato, si riassumono in due provvedimenti: penalizzare le rinnovabili, fotovoltaico primo tra tutti, tagliando gli incentivi previsti da contratti in essere, come il Conto Energia e aumentare la produzione nazionale di gas.

Il provvedimento che attualmente spaventa di più il mondo delle rinnovabili, ma anche degli ambientalisti e dei consumatori, è quello di voler tagliare i cosiddetti extra profitti ai produttori rinnovabili, modificando i contratti in essere che prevedono l’incentivazione dell’energia prodotta.

«Il modo in cui è affrontato il tema degli extra profitti – sostengono GreenpeaceKyoto ClubLegambiente e WWF – evidenzia uno strabismo contro le rinnovabili. Chi estrae gas e petrolio in Italia sta già intascando enormi extra-profitti, visto che le royalties sono irrisorie. Gli stessi produttori che continuano anche a fare extra-profitti sul gas che estraggono in molte parti del mondo e per i quali non si sono nemmeno considerate misure compensative».

È arrivato il momento di intaccare gli oltre 12 miliardi di euro di sussidi ai combustibili fossili che è il settore che ci ha portato al disastro in cui ci troviamo, invece di voler ancora una volta operare una riduzione sugli incentivi alle rinnovabili.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Inquinamento3

Le rinnovabili dovrebbero essere sviluppate massicciamente non solo per attuare la decarbonizzazione, ma anche perché sono la soluzione migliore proprio per contrastare il caro-bolletta. Invece sono ancora ferme al palo: i 400 MW sbloccati dal ministro Cingolani rappresentano appena un 5% di quanto occorrerebbe fare annualmente per conseguire gli obiettivi comunitari al 2030.

L’esecutivo paventa inoltre di voler aumentare la produzione di gas a livello nazionale, senza sapere – come osserva Italia Solare – che il prezzo del gas in Europa si forma all’hub olandese ed è ormai condizionato dal prezzo asiatico. Il gas estratto in Italia sarebbe solo una goccia nel mare che automaticamente entrerebbe nel mercato e assumerebbe un valore uguale al resto del gas movimentato (centinaia di miliardi di mc/anno).

Difficile che la vendita del gas nazionale si svincoli completamente dalle logiche dei prezzi di mercato internazionali a cui siamo indissolubilmente legati. Un atteggiamento miope che va contro a ogni logica di indipendenza dalle fonti fossili e di decarbonizzazione. Al contrario si dovrebbe puntare subito a realizzare nuovi impianti a fonti rinnovabili. Come diceva il saggio Albert Einstein, “non possiamo risolvere i problemi con lo stesso tipo di pensiero che abbiamo usato quando li abbiamo creati”.

Anche secondo il Think Tank ECCO, «espandere la produzione di gas fossile italiano non avrebbe alcun impatto rilevante nel prezzo di mercato del gas e quindi per le bollette di imprese e consumatori. Al contrario, minerebbe la credibilità internazionale dell’Italia sul clima».

Infine, il grande assente in tutti i discorsi del Governo è il risparmio e l’efficienza. A fronte di una crisi energetica, come ricordano gli ambientalisti, si deve rispondere con azioni collettive di risparmio. Manca invece completamente una azione pubblica di richiamo al risparmio che sarebbe componente essenziale per fronteggiare una crisi energetica, come attuato nella crisi petrolifera degli anni ‘70.  

Qui l’articolo originale.

Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
I cinque progetti più innovativi contro la povertà energetica

“L'Italia non si trivella”: Greenpeace in azione a Roma

Trivelle: se anche i Rockefeller dicono basta alle fonti fossili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni