29 Mar 2022

Beyond Life Film Festival: che cosa c’è al di là della vita?

Scritto da: Lorena Di Maria

Saranno 5 lungometraggi, 6 documentari, 13 cortometraggi e 10 doc shorts provenienti da tutto il mondo a concorrere per la seconda edizione del Life Beyond Life Film Festival, la rassegna cinematografica che a Torino il 10 e l'11 aprile racconterà da diverse prospettive i temi legati all'"Oltre", tra fisica quantistica, transizione e i concetti di eternità e di morte.

Torino - Vita, morte, fine, inizio. Per molte culture la morte rappresenta un grande tabù dietro al quale si nascondono profonde emozioni come ansia, paura e rifiuto. Ma quali sono, per la nostra società, i limiti nell’affrontare questa esperienza? Comunemente finiamo per contrapporre il concetto di morte a quello di vita, dimenticandoci che la vita è invece quel “contenitore” che le comprende entrambe: il grande limite infatti non è mai la morte o la vita in sé, ma la separazione tra le due dimensioni.

Affrontare vita e morte con un approccio consapevole è possibile ed è la missione di The Life Beyond Life Film Festival, una rassegna cinematografica che, attraverso uno sguardo antropologico ed esoterico, accoglie cortometraggi, lungometraggi e documentari incentrati sui cosiddetti temi escatologici, ovvero quei temi che si occupano dello studio dell’essere umano e dell’universo per lo più legati a quella che possiamo definire la “vita oltre la vita”. Sono tutti film caratterizzati da una forte intensità spirituale, capaci di indurre significative riflessioni.

Life Beyond Film Festival1
IL POTERE DEL CINEMA NELL’AFFRONTARE I TEMI LEGATI ALL’OLTRE

Ad accompagnarci in questa consapevolezza sarà il lavoro di nove amici: Annunziato Gentiluomo, Andrea Morghen, Matteo Valier, Lucio Toma, Evelyn Meuren, Roberto Valente, Fabrizio Salvati, Samuele Maritan e Stefano Semeria. Amici accomunati dalla convinzione che il cinema sia il canale perfetto per parlare dei temi legati all’Oltre grazie alla sua capacità immersiva e al potere delle immagini in movimento.

Per farlo hanno accolto prodotti cinematografici provenienti da tutto il mondo e che trattano da diverse prospettive l’evento della morte: il dolore, la transizione, il concetto di destino, di eternità, di immortalità, la fisica quantistica. Ci sarà spazio anche per testimonianze e narrazioni di studiosi ed esperti che sono in continua connessione con l’Aldilà e che ci mostreranno il valore sociale e spirituale della morte cambiando prospettiva, parlandoci di speranza, solidarietà e leggerezza.

Life Beyond Film Festival2
I FILM IN CONCORSO

Da tutto il mondo, attraverso la piattaforma Filmfreeway, sono giunti duecentocinquanta film. Come ci racconta Annunziato Gentiluomo, cofondatore e direttore artistico del Life Beyond Life Film Festival, «i film sono stati analizzati da una commissione giudicatrice formata da sei membri e da questa opera minuziosa sono emersi i titoli che andranno a far parte della rassegna». Parliamo di 5 lungometraggi, 6 documentari, 13 cortometraggi e 10 doc shorts che concorreranno alla seconda edizione della rassegna.

Durante il Festival saranno numerosi i prodotti di qualità che vogliono indurre riflessioni e rispondere agli interrogativi esistenziali che accompagnano da sempre l’essere umano

«La qualità rispetto allo scorso anno è realmente cresciuta. Alla fine sono 34 i film in concorso per questa seconda edizione. Sono tutti film caratterizzati da una forte intensità spirituale, capaci realmente di fare riflettere chi li guarda», ha raccontato Lucio Toma, membro del comitato di selezione, coordinatore della programmazione e della giuria cortometraggi.

Il festival, sin dalla sua prima edizione, è collegato ai convegni internazionali organizzati nel torinese come “Andare Oltre. Uniti nella Luce” e “Oltre l’Oltre”, che trattano temi legati all’esistenza, nei suoi aspetti fondamenti di vita e morte, per discutere di spiritualità e di sopravvivenza alla morte fisica. A promuovere il Festival è l’Università Popolare ArtInMovimento e l’Associazione Culturale SystemOut, in sinergia con l’A.R.E.I – AfterlifeResearch and EducationInstitute e con il ReligionToday Film Festival.

Life Beyond Film Festival

«Crediamo nella rilevanza sociale di questo festival e nel suo essere capace di fare divulgazione sulle tematiche inerenti al paranormale e affini. Inoltre, c’è un’importante tradizione che lega la settima arte al mondo della vita oltre la vita». La proposta di visione sarà mista: una selezione occuperà per due giorni, il 10 e l’11 aprile, l’Ambrosio Cinecafè e sarà a ingresso libero e tutta la line up sarà fruibile, per oltre due settimane, on demand su un canale Vimeo, dedicato a chi è lontano e impossibilitato a raggiungere la sala.

Durante il Festival saranno numerosi i prodotti di qualità che vogliono indurre riflessioni e rispondere agli interrogativi esistenziali che accompagnano da sempre l’essere umano. «Ne stiamo raccogliendo tanti altri inediti che difficilmente si potranno vedere se non attraverso eventi festivalieri come il nostro. A voi non rimane altro che venire a conoscerci e a gustarvi la nostra proposta».

Articoli simili
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale