19 Apr 2022

Manifesto del Cammino per un Nuovo Umanesimo: in viaggio alla ricerca di un’utopia concreta

Scritto da: Paolo Piacentini

Un viaggio fisico ma soprattutto spirituale è quello che impegnerà dal 9 al 21 maggio Paolo Piacentini e Pino Soden Palumbo. La strada sarà quella tracciata da pensatori come Ernesto Balducci e Davide Lazzaretti. La meta? La costruzione di un Nuovo Umanesimo, attraverso il cammino stesso.

Una delle riflessioni più profonde dell’ultimo Balducci fu quella sulla necessità di una transizione culturale verso un’umanità inedita, ancora da venire. L’uomo del futuro, secondo Balducci, non può nascere dalla semplice proiezione del presente bensì dall’avvento dell’uomo ontologicamente possibile ma inedito.

Un avvento inteso come irruzione di novità e di sovvertimento dell’esistente. In questa sintesi perfetta della visione profetica di Balducci, ripresa dalla post-fazione alla biografia su Francesco, sta gran parte della spinta verso la costruzione di un nuovo umanesimo che vorremmo avviare attraverso il Cammino da Arcidosso a Montorio Romano.

Crediamo che, oggi più che mai, bisogna iniziare un nuovo cammino coltivando con cura anche il più piccolo seme che prova a far nascere nuovi fiori e alberi. I semi sono tutte quelle esperienze che con coraggio irrompono nel fiume della storia per costruire nel quotidiano un modo “inedito” di abitare il mondo. Sono le realtà che promuovono percorsi di rinnovata spiritualità partendo da riferimenti religiosi o laici o che praticano nuovi percorsi educativi in cui si rimette al centro la vita ed esperienze di chi coltiva con cura la terra per produrre cibo necessario a nutrire corpo e spirito.

nuovo umanesimo

I semi di chi smussa i conflitti ideologici per cercare nuovi dialoghi nel rispetto della diversità, dando centralità alla dimensione dell’ascolto profondo dei linguaggi umani e della natura. Una centralità umana che fa i conti con l’appartenenza al mondo naturale, a quella Madre Terra di cui siamo parte e che dobbiamo imparare a rispettare e curare senza nessuna pretesa di possesso, un passaggio fondamentale per superare la deriva dell’antropocentrismo che ci ha illuso di poter fare a meno del rapporto armonico con la natura.

Un’armonia che si riscopre attraverso la pratica del silenzio contemplativo capace di riconnetterci con la parte più profonda di noi e predisporci, come ci ricorda Balducci, all’ascolto del linguaggio ricco di richiami che provengono da un mondo che abbiamo stordito con il nostro rumore di fondo. Abbiamo bisogno di uscire dal disincanto, dobbiamo cercare nuove strade che ci possano condurre a riconoscerci in significati nuovi che ridanno vita al rito e al mistero magico della ciclicità della vita.

Camminare è accarezzare la terra e sentirsi addosso la vita, è la riscoperta ancestrale di un rapporto con il mondo caduto nell’oblio per eccessiva mediazione della tecnica. Se non partiamo dalla consapevolezza che la rinascita avviene solo dalle ceneri di una dimensione storica che ci ha allontanati e anestetizzati da una vita vera, quella fatta di gioie e amori, ma anche di sofferenze e fragilità, non potremo mai iniziare davvero il lungo cammino verso un nuovo umanesimo.

ernesto balducci
Ernesto Balducci

La novità della ricerca è nella nostalgia di futuro, come ci ricorda l’antropologo Vito Teti, nell’immaginare e provare a realizzare quella dimensione umana tanto desiderata ma mai realizzata. Dalla clava alla bomba atomica, ci ricorda sempre Balducci, l’umanità non ha fatto nessun passo avanti verso la piena emancipazione dalla violenza che è all’origine dell’estrema degenerazione umana rappresentata dalla guerra.

Da Davide Lazzaretti a Ernesto Balducci, dal barrocciaio visionario al grande intellettuale e uomo di fede che ha lasciato un messaggio profetico per la costruzione dell’Uomo Planetario, c’è il filo conduttore della fondamentale irruzione dell’inedito e del sovvertimento dell’esistente. Un nuovo umanesimo da costruire nella comprensione profonda dell’Altro che è dentro e fuori di noi. L’alterità, scrive Balducci, “è il veicolo della nostra dilatazione, perché comprendendo l’Altro che è in me ed è fuori di me io dilato me stesso, rimanendo altro dall’Altro che ho compreso”.

Camminare è accarezzare la terra e sentirsi addosso la vita

Il Cammino per un Nuovo Umanesimo che collega i luoghi della storia di Lazzaretti, di Balducci e dei semi spirituali della contemporaneità sparsi nel territorio che andremo ad attraversare, ha la pretesa di mettere in campo la ricerca di un’utopia concreta che farà del dialogo la pietra miliare per lanciare lo sguardo verso la sempre più necessaria “ nostalgia di futuro”, in onore del maestro Vito Teti.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Giulio Xhaët: “Non esiste l’età giusta per scegliere la propria strada, l’importante è essere consapevoli”
Giulio Xhaët: “Non esiste l’età giusta per scegliere la propria strada, l’importante è essere consapevoli”

Francesca Mussoi: “La mia vecchia vita è stata sconvolta dalla malattia, ma vivo al meglio quella nuova”
Francesca Mussoi: “La mia vecchia vita è stata sconvolta dalla malattia, ma vivo al meglio quella nuova”

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale
Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa-Cina, che succede? – #664

|

La storia di Reza, rifugiato iraniano: “Sono sopravvissuto al carcere e racconto cos’è l’Iran di oggi”

|

A Mascalucia, gli Amici del Bosco Ceraulo insieme per proteggere e restituire l’area verde alla città

|

R.A.M. Radici a Moncalieri: “Ritornare alla terra oggi vuol dire imparare a goderti ciò che questa ti dà”

|

Teatro Integrato dell’Emozione, il primo corso universitario realizzato per studenti con disabilità

|

Terremoto in Turchia e Siria stamattina, più di 3000 morti

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova