31 Mag 2022

Eirenefest: tre giorni per progettare un mondo di pace e nonviolenza

Decine di eventi e centinaia di ospiti nazionali e internazionali – da Vandana Shiva a Jacopo Fo, da Alex Zanotelli a Pat Patfoort – per porre le basi per un mondo fondato sulla pace e la nonviolenza. Tutto ciò succederà a Roma dal 2 al 5 giugno in occasione di Eirenefest, di cui anche Italia Che Cambia è media partner.

Roma, Lazio - “In un’epoca di conflitti abbiamo bisogno dei libri per la pace e la nonviolenza: libri che ci consigliano, che ci guidano, che ci ispirano verso un mondo con al centro l’essere umano, le sue idee, i suoi sentimenti, le sue azioni verso un mondo migliore”.

Con queste parole gli organizzatori di Eirenefest presentano questo evento – che in un’epoca storica come quella che stiamo vivendo è più che mai necessario – che prenderà il via giovedì 2 giugno, per terminare domenica 5. Eirenefest sarà la prima edizione del Festival del libro per la pace e la nonviolenza e si svolgerà in maniera diffusa nel quartiere di San Lorenzo, a Roma. Anche Italia che Cambia sarà fra i media partner.

IL NOME

Nella mitologia greca Eἰρήνη era la dea della pace. La sua persona viene tradizionalmente raffigurata con in braccio tre elementi: il ramoscello d’alloro a simboleggiare la pace e un bambino con in mano una cornucopia. Il fanciullo è Pluto, dio della ricchezza. L’accostamento di questi simboli testimonia come il benessere – sia fisico che spirituale – non possa realizzarsi che attraverso la pace.

Quale immagine migliore dunque per rappresentare Eirenefest, che vuole essere un momento di approfondimento e condivisione proprio sulle tematiche della pace e della nonviolenza. Coinvolgendo le case editrici e i loro autori, l’obiettivo del Festival è sensibilizzare in maniera attiva il pubblico, le scuole di ogni grado, assieme all’associazionismo che si impegna per la pace e la nonviolenza, per generare una occasione di interscambio e nuovo “attivismo”.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

eirenefest

Eirenefest infatti ha anche l’obiettivo di dare alimento alle reti esistenti e crearne di nuove fra gli attori che lavorano per la pace e il pubblico, con lo sguardo rivolto non solo al futuro ma anche alla drammatica attualità – a proposito: per rimanere aggiornati vi invitiamo a seguire costantemente gli aggiornamenti della nostra sezione spotlight su ciò che sta accadendo in Ucraina e non solo. 

Ognuno di noi infatti è un motore di Pace e ha l’occasione di dimostrarlo per esempio sottoscrivendo l’appello lanciato dall’organizzazione di Eirenefest per chiedere congiuntamente uno stop immediato agli scontri armati in Ucraina e condannare l’aggressione militare. Il primo obiettivo deve essere la protezione umanitaria di bambine, bambini, ragazze e ragazzi, di tutti i civili.

IL PROGRAMMA E I RELATORI

Quattro giorni – dal 2 al 5 giugno – con 130 eventi in programma, tra presentazioni di libri, conferenze, workshop, musica, performance teatrali e mostre fotografiche, a cura delle 70 associazioni e realtà editoriali coinvolte. Gli eventi si svolgeranno al Giardino del Verano e all’interno delle sedi delle istituzioni e delle associazioni del quartiere San Lorenzo.

Eirenefest – patrocinata dal Municipio II e con la media partnership, fra gli altri, anche di Italia Che Cambia – vuol essere una “cittadella della pace”, uno spazio con dialoghi e confronti sulle grandi tematiche dell’attualità: dal disarmo nucleare alla salvaguardia del Pianeta, dall’educazione alla nonviolenza alla cultura di pace, fino a Mediterraneo e migranti.

Eirenefest vuole essere un momento di approfondimento e condivisione proprio sulle tematiche della pace e della nonviolenza

Il Festival si aprirà il 2 giugno alle 17:30 con la Festa della Repubblica Multietnica, organizzata da Energia per i diritti umani. Nel giorno della sua Festa, si vuole infatti ribadire la necessità di una Repubblica inclusiva, non discriminatoria e aperta alla diversità.

Fra i 200 ospiti nazionali e internazionali che interverranno nei quattro giorni del Festival: il portavoce di Amnesty International, Riccardo Noury; l’attivista per il cambiamento ecologico nonviolento Vandava Shiva; l’ex deputata e Segretaria Generale della Fondazione RUT, Giovanna Martelli; lo scrittore ed ex segretario della FIGC, Pietro Folena, il missionario, Alex Zanotelli; la fondatrice della prima Università al mondo per la nonviolenza in Libano – AUNOHR, Ogarit Younan;  l’antropologa e formatrice sulla nonviolenza belga, Pat Patfoort; il fondatore dell’associazione Mondo Senza Guerre e Senza Violenza, Rafael de la Rubia.

Grande attesa per lo spettacolo di Jacopo Fo, che sabato 4 giugno alle 21:00 metterà in scena “Sesso Zen Remix”, dedicato all’Associazione Nazionale Vittime dell’Uranio Impoverito – Giardino del Verano Spazio Berha Kinnsky Von Sutter. Tutti gli eventi del festival, interamente autofinanziato, sono gratuiti, programma consultabile sul sito.

Articoli simili
Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?
Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

Cersosimo: “Il Pnrr può essere l’ennesima occasione mancata per la Calabria”
Cersosimo: “Il Pnrr può essere l’ennesima occasione mancata per la Calabria”

Emergency: “Ecco come aiutiamo la Moldavia ad accogliere i profughi ucraini”
Emergency: “Ecco come aiutiamo la Moldavia ad accogliere i profughi ucraini”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne