26 Mag 2022

Moscerine Film Festival, il primo festival di cinema per bambini realizzato dai bambini

La creatività è una componente fondamentale per la crescita e lo sviluppo dei piccoli. È partendo da questo presupposto che l’associazione Le Moscerine ha organizzato il primo festival di cinema dedicato ai bambini, che si terrà al Nuovo Cinema Aquila di Roma dal 27 al 29 maggio. Un’occasione unica e rara per perdersi e guardare il mondo con gli occhi dei bambini che saranno i protagonisti assoluti dell’evento.

Roma, Lazio - Se volete perdervi nel meraviglioso e fantastico mondo dei bambini e guardare la realtà attraverso i loro occhi, non potete mancare al Moscerine Film Festival, il primo festival di cinema dedicato ai bambini che si svolgerà a Roma dal 27 al 29 maggio. Promotrice dell’iniziativa è l’associazione culturale Le Moscerine, che da anni si occupa di sviluppare il potenziale creativo di bambine e bambini dai zero ai 12 anni, aiutandoli a esprimersi e a crescere con attività ludico educative che sviluppano le funzioni motorie, cognitive e affettive.

Un lavoro incentrato sulla creatività affinché il proprio potenziale possa preservarsi, evolversi ed essere coscientemente utilizzato.  «L’associazione  – spiega il direttore artistico del Moscerine Film Festival Steve Della casa – ha negli anni focalizzato il suo interesse sul mondo delle immagini con corsi e laboratori di fotografia, filmmaking, scenografia, costume cinematografico. D’altra parte l’alfabetizzazione dei bambini si baserà sempre di più su un corretto e consapevole utilizzo dell’immagine». 

Conferenza Stamapa MFF22 240522 4

Motivati dalla partecipazione riscontrata nei bambini e nelle famiglie per il mondo delle immagini – e in particolare per il cinema – l’associazione ha deciso di dar vita alla prima edizione del festival dei bambini e con i bambini. Gli incontri si svolgeranno al Nuovo Cinema Aquila di Roma, un cinema di quartiere che da sempre ha dimostrato un interesse per il cinema d’autore e una apertura al quartiere e alle famiglie del Municipio V.

Il festival sarà non solo dedicato ai più piccoli, ma anche condotto in prima persona da loro: i giovanissimi autori si “sfideranno” nella sezione Competitività, a cui potranno partecipare tutti i bambini fino ai 12 anni. Non è previsto un tema da sviluppare così da permettere ai piccoli registi di spaziare e di sorprendere. La lunghezza dei corti non dovrà essere superiore ai 15 minuti e sono previsti un primo e un secondo premio in strumenti tecnici per fare riprese e tre menzioni speciali: idea originale, miglior attore e miglior attrice, miglior sviluppo dei personaggi.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Conferenza Stamapa MFF22 240522 18

Seguirà una rassegna di film brevi, prodotti per un pubblico dai 3 ai 12 anni, di cortometraggi italiani e internazionali tra i più premiati degli ultimi anni. Questa selezione di piccoli film senza alcun limite di linguaggio, dall’animazione, al documentario, passando per la fiction, sarà una rassegna che vuole essere d’ispirazione per i più piccoli, un’occasione per riflettere e sognare attraverso brevi storie. Ci sarà anche uno spazio dedicato ai lavori svolti dalle scuole in cui saranno proiettati i film realizzati in classe.

Il 28 invece si partirà con il Matinee, dedicato ai bambini tra i 0 e i 3 anni. Verranno proiettate pellicole adatte a un pubblico “giovane”, con un audio basso per non infastidire i neonati, un fasciatoio in sala e tutto ciò che permetta una facile fruizione a genitori con figli molto piccoli. La sala avrà una temperatura adeguata a bambini molto piccoli, le luci rimarranno accese durante le proiezioni, i bambini potranno esprimere il loro dissenso con vocalizzi e pianti senza dover uscire dalla sala.

L’ultima parte del festival sarà dedicata alla formazione con due laboratori per i piccoli tra gli 8 e i 12 anni. Nel primo incontro verranno elencate le regole base su come scattare una fotografia corretta, verranno consegnate macchine fotografiche polaroid e digitali per fare prove di backstage. Nel secondo invece verranno scelte le foto migliori da proiettare in sala durante la premiazione. I bambini saranno i fotografi ufficiali del Festival e scandiranno i tempi della due giorni, conducendo in prima persona lunghi momenti della manifestazione, moderando i dibattiti e premiando i partecipanti. 

Il festival sarà non solo dedicato ai più piccoli, ma anche condotto in prima persona da loro

Tra gli ospiti dell’evento Margot Sikabonyi, attrice della serie tv Un medico in famiglia e protagonista, tra gli altri, del documentario Tutte a casa. La giuria sarà composta dal regista Gabriele Mainetti, fresco vincitore di sei David di Donatello per Freaks out, la vicedirettrice di Rai Ragazzi Maria Mussi Bollini, la regista Nina Baratta, la produttrice Maria Fares, la regista e sceneggiatrice Wilma Labate, l’attore Simone Liberati, il montatore Gianluca Scarpa e l’autore e presentatore Armando Traverso.

La manifestazione si concluderà domenica 29 maggio con una festa a cura di Radio Sonica. Tutto il festival, per i bambini e le famiglie partecipanti, sarà gratuito.

Articoli simili
Il dialogo filosofico con la terza età: anche da anziani è giusto continuare a porsi domande?
Il dialogo filosofico con la terza età: anche da anziani è giusto continuare a porsi domande?

Torna il Sarvego Festival per portare la letteratura per l’infanzia tra i boschi della val Borbera
Torna il Sarvego Festival per portare la letteratura per l’infanzia tra i boschi della val Borbera

Giovani e pandemia: quali effetti sociali e psicologici su ragazzi e ragazze?
Giovani e pandemia: quali effetti sociali e psicologici su ragazzi e ragazze?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne