29 Lug 2022

Mam yoga, il percorso formativo di yoga ispirato al metodo Awareness Through the Body

Scritto da: Brunella Bonetti

Awareness Through the Body, ovvero consapevolezza attraverso il corpo. Anche solo dal nome si può desumere facilmente l'approccio di questo yoga, adatto a bambini, adulti e anziani. Ce ne parla meglio Francesco Colturi Sghilli, per cui l'incontro con l'ATB ha rappresentato una rivoluzione e un cambio radicale nella propria vita.

«Poco prima di incontrare Awareness Through the Body ero un ragazzo di Bormio, un paesino di montagna dell’alta Valtellina. In giovane età ero diventato un pluri-sportivo e snowboarder professionista, abituato a viaggiare il mondo sin dai 16 anni, partecipare a gare ed eventi, apparire in filmati, interviste e magazine del settore». Inizia così il racconto di Francesco Colturi Sghilli, insegnante del circuito Mam Yoga e praticante ispirato ad Awerness Trough The Body.

Ma andiamo con ordine. Mam Yoga è un insieme di professionisti multi-disciplinari che desiderano dar voce a uno Yoga che tocca le varie tappe della vita, dalla gravidanza al post parto, dai bambini all’adolescenza, fino all’età adulta. Il team di MamYoga ha l’obiettivo di portare avanti una visione dello Yoga come strumento di conoscenza di sé stessi, che percorre le diverse tappe della vita.

Torniamo alla tua “vita precedente” di sportivo: quando è stata la svolta?

L’incontro con ATB per me era coinciso con un intenso risveglio interiore, una crisi personale e il mio “trasloco” ad Auroville, nell’India del Sud. Per me è stato un amore a prima vista, il riconoscimento interno di un qualcosa di molto familiare e intimo, ma quello che ha veramente creato un segno indelebile e dato inizio a un processo irreversibile è stata la partecipazione al mio primo seminario intensivo di ATB.

Francesco Colturi Sghilli
Francesco Colturi Sghilli

Durante quei giorni ho potuto sperimentare sulla mia pelle e vivere nel mio corpo delle esperienze di indicibile bellezza, intensità, gioia e profondità. Ho avuto l’”esperienza delle vette”, come la chiama Abraham Maslow, dell’estatico, del sublime, dello stupendo. Ma non fluttuando tra le nuvole, bensì nel corpo, anzi attraverso il corpo: quelle sensazioni così intense, quei barlumi di realizzazione, quell’estasi muscolare e sanguigna e l’esaltazione frizzante piena di pace mi hanno toccato in maniera così vivida, che da allora non mi sono dato tregua dal perseguire questo cammino.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Cos’è l’Awareness Through the Body?

Tradotto in italiano significa “Risvegliare la Coscienza Attraverso il Corpo”. È un approccio nato ad Auroville, una comunità internazionale dedicata alla realizzazione dell’unità umana, ideata e fondata dai maestri spirituali Mere e Sri Aurobindo. Tale luogo è stato, fin dalle sue origini, un sito di ricerca e sperimentazione in molteplici campi, incluso quello spirituale ed educativo. All’interno di questo contesto di apertura, possibilità e nuovi orizzonti ATB ha trovato il terreno ideale per poter nascere, crescere e svilupparsi negli anni.

Ora l’ATB è un curriculm comprensivo che aiuta le persone di tutte le età a conoscere e meglio gestire sé stesse in maniera integrale e completa. È uno strumento estremamente adattabile e duttile per cominciare a fare i primi passi, fin dalla più tenera età, sull’immenso sentiero delineato dallo Yoga Integrale di Sri Aurobindo. Al momento ATB è parte integrante dell’intero sistema scolastico di Auroville e sta cominciando a essere sempre più conosciuto e implementato anche in svariati altri Paesi del mondo, Italia inclusa.

6
In cosa si differenzia dagli altri metodi di yoga?

Sicuramente si discosta dall’immagine comune e piuttosto stereotipata che spesso viene proiettata in occidente, quando si parla di Yoga. Spesso questa parola viene associata all’aspetto più fisico e ginnico delle posizioni dell’Hatha Yoga. Sebbene il lavoro sulla componente fisica sia molto presente – Attraverso il Corpo –, in ATB questo non è confinato all’esclusivo utilizzo delle classiche asana o della tipica posizione meditativa a gambe incrociate, con dito indice e pollice che si toccano. Questo approccio allo Yoga è estremamente multiforme, flessibile e variegato nelle sue manifestazioni, ovvero nella quantità e tipologia dei suoi esercizi.

La pratica di ATB è un’espressione dello Yoga Integrale di Sri Aurobindo, il quale ha delineato una chiara possibile progressione dell’essere umano in tutte le parti del proprio essere, in maniera globale e unitaria. ATB si differenzia dagli altri Yoga proprio per questa capacità di integrare non solo tutti gli aspetti della persona, dai più fisici ai più sottili, ma anche i vari aspetti della vita, anche quella quotidiana e moderna. È un modo per condurre le persone agli ideali e alle pratiche degli Yoga classici, in un maniera così semplice e diretta da permettere anche al bambino di 3 anni di poterli afferrare a livello corporeo senza perderne tuttavia il senso più profondo.

Dopo l’inizio del tuo percorso con ATB, quali scelte hai compiuto e quale impatto o conseguenze hanno avuto su di te?

Ho deciso di dedicare anima e corpo a questo percorso, così da poterne letteralmente incorporare gli insegnamenti. Al contempo, ho preso la risoluzione di offrire l’opportunità a quante più persone possibile di trarre i meravigliosi benefici che si possono trarre da tale pratica. Queste due scelte mi hanno trasformato la vita: da un lato hanno cambiato la mia struttura interna come persona e al contempo, le loro ripercussioni hanno poi toccato e cambiato in varie misure, la vita di innumerevoli altre persone.

7
Quali effetti ha su chi lo pratica, lo insegna e su chi lo riceve?

Chi lo pratica per la prima volta, spesso ne viene stupito; chi lo approfondisce, ci si comincia ad appassionare; chi ci cresce ne riceve un’impressione che rimane anche dopo diversi anni; chi lo pratica regolarmente trova in esso una fonte costante di ispirazione e un ancora che lo mantiene saldo e bilanciato tra le onde della vita; chi lo offre agli altri ne continua a scoprire le innumerevoli sfaccettature e la sua inesauribile profondità. Infine, per chi ha potuto crescere con ATB fin da bambino, come alcuni ragazzi qui ad Auroville, diventa la maniera spontanea e naturale con ci si fa esperienza di sé stessi e del mondo.

Come e dove si può imparare questo metodo?

Il luogo ideale per farlo è Auroville, tuttavia è ora possibile poter avere accesso a una prima fase triennale di formazione qui in Italia, così come ad alcuni seminari tematici. Al momento abbiamo portato avanti le nostre formazioni nella zona di Padova, con persone che ci hanno raggiunto da diverse zone d’Italia e hanno iniziato a portare ATB nei loro territori. Nei prossimi mesi c’è l’intenzione di estendere la formazione creando altri poli formativi in giro per l’Italia, in particolare siamo in valutazione di partire da Roma.

Così tanto è cambiato al mio interno e così tanto si sono ampliati gli orizzonti che posso dire di essere quasi un’altra persona

Quel “momento” della tua vita in cui hai cominciato il tuo percorso di yoga può essere inteso come una svolta?

Quando si intraprende, per davvero, il percorso sul sentiero dello Yoga è decisamente una svolta nella propria vita. È il passaggio dalla vita ordinaria all’inizio di un processo che porta al raggiungimento di una vita più alta, più ampia e più vera. Questa svolta può avvenire sia nel punto più basso che in quello più alto della propria vita, a volte in un periodo di crisi personale o familiare, dopo uno shock, un lutto o a volte invece dopo un’esperienza rivelatrice, l’epifania durante una lettura, un incontro inatteso.

C’è una specie di silenziosa decisione interna che, quando è presa, è irreversibile. Ciò che avviene dopo tale punto di svolta è unico per ogni persona. Per quanto mi riguarda posso dire con assoluta certezza che una parte di me non ha più avuto alcuna titubanza né dubbio sul fatto che lo Yoga fosse il mio cammino.

Cosa è cambiato dopo aver attraversato questo processo e quali sono le caratteristiche del tuo percorso con ATB?

Questo processo mi ha trasformato completamente. Così tanto è cambiato al mio interno e così tanto si sono ampliati gli orizzonti che posso dire di essere quasi un’altra persona. È un processo di continua trasformazione di prospettive, credenze e ruoli. Con ATB ritrovo un’affinità con le varie tendenze ed interessi che avevo già fin da bambino, un combaciare del mio percorso personale con la filosofia e la pratica di ATB. Un amore e dedizione verso l’insegnamento, l’educazione, l’Umano e la sua espressione. Uno spirito di intraprendenza e di avventura nel portare nel mondo un qualcosa che al momento non è ancora molto conosciuto, ma che sono certo nel tempo lo diverrà.

Articoli simili
Giada Marabotto: “Ecco come la forza d’animo che abbiamo dentro mi ha aiutato in un momento di crisi”
Giada Marabotto: “Ecco come la forza d’animo che abbiamo dentro mi ha aiutato in un momento di crisi”

Daniela Muggia: “Di morte non si muore, quando moriamo non si spegne un interruttore”
Daniela Muggia: “Di morte non si muore, quando moriamo non si spegne un interruttore”

Walking Liminality: vivere per camminare e camminare per ritrovare sé stessi
Walking Liminality: vivere per camminare e camminare per ritrovare sé stessi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi