8 Set 2022

Tra borghi, castelli e fortezze: un concorso fotografico per documentare le bellezze del Piemonte

Scritto da: Lorena Di Maria

Wiki Loves Monuments è il più grande concorso fotografico del mondo, organizzato da Wikimedia Italia: coinvolge fotografi professionisti e amatoriali per documentare i monumenti italiani e renderli accessibili a chiunque. Per tutto il mese di settembre il progetto raccoglierà foto per raccontare il patrimonio storico e culturale in Piemonte, tra castelli, fortificazioni, borghi e paesaggi.

“Immagina un mondo in cui ciascuno possa avere libero accesso a tutto il patrimonio della conoscenza umana”. Con queste parole si descrive Wikimedia Italia, associazione di promozione sociale che da anni lavora con un obiettivo: promuovere il sapere e la cultura non senza la diffusione di contenuti liberi e accessibili a tutti.

Vi dice qualcosa Wikipedia, l’enciclopedia online a contenuto libero che è la più consultata al mondo, con 20 miliardi di pagine visualizzate al mese e 55 milioni di voci scritte dagli utenti? Oppure OpenStreetMap, il progetto collaborativo che punta a una raccolta mondiale di dati geografici e finalizzato a creare mappe e cartografie del mondo? Ebbene, proprio come testimoniato da Wikipedia e OpenStreetMap, ad oggi l’associazione è impegnata a diffondere la conoscenza e aumentare la consapevolezza in merito alle questioni sociali e filosofiche correlate ai temi della cultura libera e del pubblico dominio.

Wikimedia1
Castello di Barolo. Foto di Andrea Marchisio tratta da Wikimedia Commons
WIKI LOVE MONUMENTS, UN CONCORSO FOTOGRAFICO PER TUTTI E TUTTE

Dal 1° al 30 settembre Wikimedia Italia ha lanciato il contest fotografico “Wiki Loves Monuments” che vedrà protagonista il Piemonte con le sue bellezze storiche e architettoniche. Grazie alla collaborazione con Istituto Italiano dei Castelli, i protagonisti della storia e del panorama italiano saranno fotografabili per la prima volta e andranno ad arricchire l’enciclopedia online più grande al mondo favorendo la diffusione della cultura italiana all’estero dell’immenso patrimonio nostrano.

COME PARTECIPARE

Il concorso si svolgerà online dal 1° al 30 settembre e sarà in contemporanea in tutto il mondo. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti: per il mese di settembre sarà possibile caricare su Wikimedia Commons una foto dei monumenti appartenenti al concorso, seguendo la procedura: non solo castelli e fortificazioni che aderiscono al concorso, ma anche monumenti di altro genere o vedute di città, borghi e paesaggi. Alla fine la giuria decreterà dieci foto vincitrici, selezionate da una commissione preliminare di volontari e successivamente sottoposte all’esame della giuria finale nominata da Wikimedia Italia.

È la più grande iniziativa internazionale che chiama partecipanti, volontari, comunità online e istituzioni a documentare il patrimonio culturale

Oltre al premio nazionale e regionale, i fotografi piemontesi potranno gareggiare per due premi speciali: il “Premio Mario Gabinio”, dedicato alle foto dei monumenti autorizzati che furono ritratti dal fotografo torinese, e il “Premio Fotografa la tua biblioteca”, che si propone di valorizzare e documentare le biblioteche del capoluogo piemontese.

UN PO’ DI NUMERI

L’iniziativa rappresenta oggi un’opportunità per la diffusione, promozione e tutela del patrimonio culturale di ben 93 Paesi. Come riportano i dati di Wikimedia Italia, dalla sua prima edizione il concorso ha contribuito a documentare milioni di monumenti, con oltre 2,7 milioni di immagini caricate da più di 100.000 partecipanti.  

L’edizione italiana si conferma poi un prezioso strumento collaborativo di documentazione digitale dei monumenti: dal 2012, circa 8.750 partecipanti hanno caricato su Wikimedia Commons più di 165.000 fotografie, scegliendo tra oltre 17.300 monumenti e beni culturali fotografabili, ancora più numerosi nel 2022.

Wikimedia2
San Marzano Oliveto, foto di Piedmont Properties tratta da Wikimedia Commons

Del contest, amministrazioni pubbliche, enti culturali e religiosi, proprietari privati, oltre che un gran numero di volontari sono i veri pilastri dell’iniziativa. «Wiki Loves Monuments è un concorso fotografico ma è anche qualcosa di più: è la più grande iniziativa internazionale che chiama partecipanti, volontari, comunità online e istituzioni a documentare il patrimonio culturale del proprio paese e a renderlo pienamente accessibile a tutti», ha dichiarato Iolanda Pensa, Presidente di Wikimedia Italia.

«Wikipedia e i progetti Wikimedia danno grandissima visibilità alla ricchezza culturale e, grazie al contributo collaborativo, stanno diventando le più grandi banche dati esistenti sul patrimonio culturale mondiale: gratuite, facilmente aggiornabili e a disposizione per ogni uso. Vorrei invitare tutti a partecipare al concorso, per condividere le proprie fotografie con il mondo, per contribuire alla conoscenza libera e per valorizzare la bellezza dell’Italia».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Industrie Culturali, l’associazione che ha piantato un seme di rinascita ad Aci Catena
Industrie Culturali, l’associazione che ha piantato un seme di rinascita ad Aci Catena

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita
Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi
Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Vittoria manifestanti: l’Iran abolisce la polizia morale e (forse) il velo! – #631

|

Tutti i numeri del consumo di suolo, fra danni economici, assenza di norme e tragedie annunciate

|

La storia di Vincenzo Deluci, la passione per la musica e la battaglia per una disabilità inclusiva

|

Progetto Tucum: tecnologia ed economia sospesa insieme per combattere la povertà

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione