26 Set 2022

Ricoeso e la seconda vita dei materiali inerti riciclati: da rifiuti ad arredi urbani

Scritto da: Benedetta Torsello

Nasce a Roma Ricoeso, la prima startup che realizza arredi urbani di eco design a partire da materiali ottenuti dal recupero e il riciclo dei rifiuti inerti. Questi scarti delle attività di costruzione e demolizione ritornano a nuova vita grazie a un processo circolare che valorizza il potenziale dei rifiuti e riduce l’impatto ambientale dovuto all’estrazione delle materie prime.

Roma, Lazio - Forse non tutti sapranno che in Italia il 30% dei rifiuti prodotti è costituito da scarti dell’edilizia, principalmente attività di costruzione e demolizione. Questi rifiuti, detti inerti, sono una categoria che comprende molti materiali minerali, che possono essere naturali o derivati dal riciclo di materie prime già usate in precedenza. Si parla di quasi 40 milioni di tonnellate ogni anno: un numero da record per dei rifiuti la cui definizione – al contrario di quanto si potrebbe pensare – non disinnesca affatto la minaccia ambientale che rappresentano se non sottoposti a un adeguato processo di riciclo.

«Si dice che i rifiuti siano delle risorse collocate nel posto sbagliato – esordisce Paolo Barberi, presidente di ANPAR (Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati), vice presidente di Asso Ambiente e tra i fondatori della startup Ricoeso – e la nostra scommessa è dare loro un nuovo significato, funzionale ed estetico».

Ricoeso nasce a Roma dall’esperienza di quattro aziende che operano da anni nel settore dell’edilizia, della pianificazione urbanistica e del recupero e riciclo dei rifiuti e che hanno deciso di mettere a fattor comune la propria esperienza e un’idea condivisa di futuro sostenibile. Come? Arredando le città con elementi prefabbricati realizzati da materie prime riciclate. 

ricoeso

Per i quattro partner si è trattato di fatto di mettere insieme i tasselli di un’unica filiera: dal recupero dei rifiuti, alla trasformazione in nuove materie prime fino, alla progettazione e realizzazione di elementi di arredo urbano. In particolare Eco Logica 2000, nata alla fine degli anni ottanta, è uno dei principali operatori del riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione del centro Italia. A questa si aggiungono Sol.Pre.A., azienda leader nel settore dell’edilizia civile e industriale; Interprogetti, società di ingegneria marittima, civile e ambientale e l’architetto Francesco Andreani, esperto di urbanistica ed edilizia privata e precedentemente docente di architettura al Politecnico di Bari.

L’IMPORTANZA DI UTILIZZARE MATERIE PRIME SECONDE

«Per ogni 10 chili di manufatto aggregato, pensiamo ad esempio a un dissuasore stradale, il 90 per cento è rappresentato da materiale inerte, cioè breccia o sabbia. Se utilizzassimo materie prime riciclate, risparmieremmo il 90% di materia prima naturale», spiega Barberi. L’idea di base è che in un sistema non lineare, rifiuti e materie prime si trasformino l’uno nell’altro in un ciclo infinito che tende quanto più è possibile di ridurre la percentuale di scarto, grazie a riciclo, riparazione e riuso.

Si dice che i rifiuti siano delle risorse collocate nel posto sbagliato

I materiali inerti, estratti da cave e alvei dei fiumi, sono materie prime non rinnovabili o comunque con tempi di rigenerazione spalmati su intere ere geologiche. Ricorrere a materie prime seconde consente di ridurre l’erosione del territorio dovuta a scavi e cave, e notevoli danni paesaggistici, tenuto conto che ad oggi l’estrazione degli inerti naturali non è soggetta ad alcuna regolamentazione stringente.

E poi gli aggregati derivati dal riciclo di rifiuti inerti sono eterogenei, variegati, oltre a essere una valida alternativa agli inerti naturali per elementi non portanti e prefabbricati. «Dietro alla nascita di Ricoeso – prosegue Barberi – vi è stato un attento studio delle miscele che tuttora portiamo avanti con l’obiettivo un giorno di rendere queste materie prime seconde un’alternativa valida in tutte le prestazioni strutturali».

Ricoeso cover
RICICLATO È MEGLIO

Ricoeso è oggi in grado di produrre diverse tipologie di arredo: panchine, lampioni, fontanelle, portabici, staccionate, cestini, bollard (apparecchi di illuminazione per percorsi pedonali e giardini), pavimentazioni e marciapiedi, blocchi per la realizzazione di pareti armate. «I nostri manufatti per l’arredo della città e degli spazi aperti pubblici e privati, realizzati con materiali riciclati, presentano caratteristiche pari, se non superiori per qualità e prestazioni, agli stessi arredi prodotti con materie prime vergini frutto delle attività estrattive.

«Ricoeso nasce dalla volontà di contribuire in modo tangibile alla costruzione di città realmente sostenibili – conclude Barbieri –, dando l’opportunità ad amministrazioni pubbliche e a soggetti privati di poter di essere protagonisti dei processi di economia circolare, in grado di coniugare sostenibilità, estetica e una bassa impronta ambientale».

In passato forse è stato commesso l’errore di non valorizzare l’impiego di materiale riciclato, in parte per l’elevata diffidenza nei confronti delle materie prime seconde, specialmente nell’ambito delle costruzioni e delle infrastrutture. La sfida di Ricoeso è oggi quella di superare questa barriera culturale e valorizzare l’uso di una materia prima rinnovata e soprattutto sostenibile.  

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”

Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica
Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica

Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido
Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Black o green friday? Decidiamo noi – #625

|

Sopravvivere alla crisi della democrazia (e creare alternative) – A tu per tu + #1

|

Ricominciare con i piedi per terra: la storia di due amiche e della loro Zollamania

|

I molti volti del concetto di “guerra” sui corpi delle donne

|

Guatemala: l’emancipazione femminile per vincere il neo-colonialismo

|

Gli studenti portano in scena la “loro” Roma per imparare a diventarne cittadini consapevoli

|

La scelta di Guglielmino: bioedilizia ed economia circolare per un abitare a misura di persone e ambiente – Io Faccio Così #347

|

Family Support: la comunità si attiva per sostenere e prendersi cura dei neo-genitori