4 Nov 2022

Mattia Villardita: un supereroe normale savonese che allevia le sofferenze dei piccoli pazienti

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Da pochi giorni nelle librerie italiane è arrivato un libro scritto da un trentenne savonese, in cui l'autore racconta la sua trasformazione da bambino chiuso in un ospedale a uomo che, in tuta da Spiderman, dopo il lavoro, oltrepassa le porte delle camere di bambini e bambine gravemente malati e dona loro un momento di leggerezza, spensieratezza, felicità. Facendoli sognare e sognando con loro

Salva nei preferiti

Savona - Li chiamano supereroi: sono personaggi dotati di poteri eccezionali, che vengono utilizzati per fare del bene a sé stessi e ad altri esseri umani, fino a quel momento anche non conosciuti. Siamo abituati a vederli nei grandi schermi del cinema o all’interno dei fumetti a colori tanto amati. Fa strano quindi quando li incontriamo nei luoghi più comuni, soprattutto se si tratta di un ospedale.

Sta facendo infatti molto parlare di sé un supereroe dei giorni nostri, che vestito da Spiderman attraversa ogni giorno le porte dell’ospedale per far visita al reparto pediatrico e incontrare e conoscere bambini e bambine che purtroppo si trovano ad affrontare dolori e destini tanto spietati quanto incomprensibili per tutti noi.

277747919 10228564569485586 5528426130298725898 n

Si chiama Mattia Villardita ed è nato nei primi anni ’90 a Savona. Il suo lavoro lo vede ogni giorno al porto di Vado Ligure come impiegato terminalista, ma non appena gli è possibile all’uscita si cambia d’abito per trasformarsi in un “supereroe normale”. Ha da poco pubblicato un libro per Salani Edizioni, dal titolo Io e Spider-man, che sta svettando in cima alle classifiche dei libri più venduti di questi mesi.

LA SUA STORIA, LE TANTE STORIE

La storia raccontata da Mattia nelle pagine del libro è la sua e ha inizio quando a sette anni si trova in ospedale e “punta lo sguardo fuori dalla finestra”, sperando che il suo supereroe preferito “compaia da un momento all’altro, saltando tra i palazzi e penzolando da una delle sue leggendarie ragnatele”.

Ed è così che l’empatia di chi ci è passato prima, di chi sa cosa si prova a stare a letto all’interno delle mura bianche sterili e non potervi uscire, cresce negli anni, fino a trovare uno scopo di realizzazione personale: riuscire a sottrarre un po’ di dolore e sofferenza, ingannando il tempo, cosa è reale e cosa no, per donare quel calore e quelle emozioni di stupore e meraviglia che sembrano essersi perse una volta entrati in ospedale.

Le prime pagine del libro iniziano con un racconto dell’attimo (o di uno dei tanti) in cui Mattia ha deciso di liberarsi di questa sua seconda vita, stanco di portare sulle spalle il dolore, le ingiustizie quotidiane. Stanco di essere testimone a ciò che nessun essere umano è pronto a fare: assistere ogni giorno alla sofferenza di chi è più indifeso e vulnerabile. E così decide di chiudere nel suo zaino il costume che sino a quel momento gli ha tenuto compagnia, sviluppando grandi poteri verso i più fragili e verso sé stesso.

258850547 10227797736555242 4484518908681136342 n

Trovandosi davanti alla discarica però, le emozioni di questi anni riaffiorano senza chiedere il permesso e così dalla sua infanzia la mente inizia a vagare afferrandosi alle ancore dei ricordi di ciò che ha vissuto sino ad ora e che l’ha portato oggi a trovarsi lì, a pochi metri dal gettare via con lo zaino anche tutto il dolore che non riesce più a accumulare dentro di sé.

DA BAMBINO A TANTI BAMBINI

«Gli adulti pensano che i bambini siano creature indifese e delicate da proteggere e tutelare sempre. Non che sia un pensiero sbagliato, ma dietro c’è una visione che sottovaluta i bambini stessi, da cui invece c’è moltissimo da imparare: capacità di adattamento, purezza di sguardo e soprattutto l’abilità innata di trovare un sorriso anche nelle situazioni peggiori», scrive Mattia raccontando i suoi ricordi da bambino all’interno di una stanza di ospedale, in cui non temeva la morte e la malattia, bensì la sua più grande paura: la “Puntura”. E così ad occhi aperti immaginava l’Uomo Ragno che, saltando da un tetto a un altro, correva in suo soccorso per portarlo fuori da lì.

Stanco di essere testimone a ciò che nessun essere umano è pronto a fare: assistere ogni giorno alla sofferenza di chi è più indifeso e vulnerabile

Ciò non è avvenuto, ma il desiderio è stato così forte che una volta grande e in salute ha deciso di trasformare il suo sogno nel sogno di tanti altri bambini. Appassionato di personaggi della fantascienza e non solo, un bel giorno di circa quattro anni fa Mattia rimane sorpreso davanti a un costume di Spiderman di una particolare manifattura. Lo acquista e indossatolo per la prima volta sente il suo corpo appartenere a quel costume: «Avverto qualcosa di diverso, fibre e muscoli si gonfiano, guizzano come pesci sotto il tessuto. Rimango lì a lungo, non so nemmeno quanto, perché perdo la concezione del tempo».

Da quel giorno, visita dopo visita, Mattia si è trasformato da dentro. La maschera è stato un pretesto, ma l’empatia che lo ha guidato e lo guida, supportandolo in ogni suo incontro con l’innocenza e la sofferenza, è cresciuta sempre più, entrando visceralmente in ciò che è e ciò che fa. I riconoscimenti sono molti, da Cavaliere della Repubblica a inviti di incontri personali con il Papa, passando per omaggi di grandi artisti musicali e non solo. Avrà deciso dopo tutto ciò di dire addio al costume? Non vi resta che leggere il libro per scoprirlo!

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione
Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

Festival delle Cose Belle 2024: “asimmetrie” per ridefinire i paradigmi di perfezione
Festival delle Cose Belle 2024: “asimmetrie” per ridefinire i paradigmi di perfezione

Terranostra: l’esperienza di autogestione che ha portato alla rinascita di uno spazio verde abbandonato
Terranostra: l’esperienza di autogestione che ha portato alla rinascita di uno spazio verde abbandonato

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Biden si è ritirato dalle presidenziali Usa! Che succede adesso? Chi è Kamala Harris? – #968

|

Un coliving rurale come risposta al turismo di massa e allo spopolamento

|

Transizione energetica, speculazione o tutela dell’ambiente?

|

Teatri Riflessi, tra arte e comunità uno sguardo contemporaneo

|

Con Four Seasons Natura e Cultura è sempre il momento giusto per viaggiare e scoprire il fascino dell’esotico

|

Crollo alle Vele di Scampia: un drammatico richiamo alla ristrutturazione urbana e alla sicurezza

|

Hanno arrestato Paul Watson. E noi siamo le vittime o i carcerieri?

|

Casa Primera, per una fuga sostenibile e off grid

string(7) "liguria"