Banner Etica Sgr
29 Giu 2023

Parkinsonauti in bicicletta: parte il viaggio verso il 6° World Parkinson Congress

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Bike WPC Ventimiglia Barcellona 2023: tredici atleti con Parkinson percorreranno in bicicletta la strada da Ventimiglia a Barcellona, 750 chilometri attraversando Italia, Francia e Spagna. Il gruppo è partito il 24 giugno e arriverà a destinazione il 2 luglio. Alcuni parkinsoniani dell’associazione Ingauna si uniranno a loro per una pedalata di alcuni chilometri.

Imperia - Il 24 giugno è partita da Albenga la Bike WPC Ventimiglia Barcellona 2023, organizzata dall’associazione Parkinson&Sport e sostenuta da Prendiamoci per mano. Questo viaggio in bicicletta avrà luogo in occasione del 6° World Parkinson Congress, il congresso mondiale del Parkinson, che quest’anno si terrà a Barcellona dal 4 al 7 luglio.

Saranno tredici i Parkinsonauti – così si fanno chiamare gli atleti con il Parkinson – che percorreranno in bicicletta le nove tappe che li condurranno da Ventimiglia a Barcellona, con l’arrivo previsto per domenica 2 luglio. I partecipanti – dieci italiani, due olandesi e una croata, accompagnati da due caregivers – sono tutti membri dell’associazione Parkinson&Sport e fanno parte del Team Parkinsonauti. I tredici atleti hanno deciso di unirsi per praticare sport in maniera terapeutica, come strumento per non farsi fermare dal Parkinson. A questi si uniranno per alcuni chilometri anche tre parkinsoniani di Prendiamoci per mano.

Immagine1

«Come associazione di zona supportiamo questo importante evento sportivo a cui prenderanno parte anche alcuni dei nostri parkinsoniani, che percorreranno insieme agli altri atleti alcuni chilometri della pedalata collettiva», affermano la presidente di Prendiamoci per mano Aps Caterina Damonte e la responsabile scientifica Ilaria Moren. «Condividiamo appieno lo spirito di iniziativa che promuove una filosofia attiva e propositiva nei confronti della malattia».

L’attività sportiva infatti facilita l’esecuzione dei movimenti e promuove il benessere psicofisico, rivelandosi benefica per i malati di Parkinson, che sono soggetti spesso a difficoltà motorie e all’isolamento sociale, con il rischio costante di cadere in depressione. Per questo motivo, l’associazione Parkinson&Sport, supportata da Prendiamoci per mano, vuole dimostrare insieme ai valorosi Parkinsonuti che è possibile affrontare il Parkinson condividendo esperienze di gruppo invece che chiudersi in sé stessi, rimanendo così partecipi e protagonisti della propria vita.

Che dire a questi temerari Parkinsonauti che rappresenteranno l’Italia a questa missione Internazionale se non un grande augurio di vivere un esperienza meravigliosa ricca di grandi emozioni

Lo svolgimento del progetto sarà raccontato sul sito WPC – World Parkinson Coalition e su tutti i canali social dell’Associazione Parkinson&Sport. Attraverso collegamenti quotidiani sarà possibile creare momenti di condivisione con i Parkinsonauti, seguendoli da casa. Già da ora è possibile seguire online la fase di allenamento e organizzazione dei complessi preparativi logistici, necessari per rendere possibile questa esperienza unica, attraverso i territori di Italia, Francia e Spagna. Lo scopo è inoltre quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’incremento dei casi di Parkinson giovanile e di raccogliere fondi per promuovere le attività dell’associazione.

Il cine-operatore Jay Ferreira di Ability Channel sarà presente per catturare i momenti più significativi e intensi di ogni giornata. Sarà così possibile realizzare un nuovo docufilm, il cui titolo verrà deciso attraverso un sondaggio fra coloro che seguono l’evento. Il viaggio dei Parkinsonauti in partenza dall’Italia è parte dell’iniziativa Bike to Barcelona, promossa dall’Associazione americana World Parkinson Coalition (WPC), coordinata dalla Executive Director Eli Pollard.

Il gruppo giungerà a Barcellona domenica 2 luglio per unirsi alle altre squadre in arrivo da tutto il mondo, per celebrare insieme la festa di apertura di questa edizione europea del World Parkinson Congress. L’associazione Prendiamoci per mano Aps ha sede ad Albenga e opera attivamente nelle Province di Savona e Imperia. Nata dalla volontà di un gruppo di parkinsoniani e dei loro famigliari, è guidata dalla presidente Caterina Damonte e dalla responsabile scientifica Ilaria Moreno, dottoressa in scienze motorie.

348448583 6128528450564652 7028612640345972434 n
Team dell’associazione Parkinson&Sport

Dai diari di bordo quotidiani dei partecipanti salta all’occhio una delle ultime condivisioni. «In questi giorni mi sono chiesto: questi Parkinsonauti che si sono offerti volontari per questa missione galattica di sensibilizzazione sociale, si sono preparati veramente? Sapevano a che cosa sarebbero andati incontro? Stanchezza, dolore, stress emotivo e fisico. Chi di loro ha sperimentato se stesso per resistere all’iper spazio e alla sua pressione mediatica? Penso che abbia prevalso un po’ di incoscienza, ma soprattutto un grande cuore».

«Si sono messi a nudo davanti al mondo per aiutare chi ha paura dell’ombra scura che si porta sempre addosso. Cercando di infondere forza e coraggio a chi chiuso in casa non sa cosa fare. Il loro urlo di guerra è: si può fare, si può fare tutto. In questo viaggio astrale sto scoprendo nuovi volti, nuovi occhi in corpi resi vecchi e curvi dalle dure battaglie. Ho un nuovo amico, lui non lo sa ancora perché è un burberaccio dalla pelle dura, il suo essere così duro fa trasparire una grande voglia di vivere che si scontra con un corpo che a volte non risponde. La sua presenza mi sta insegnando molto».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
OutOnomia, prove pratiche di vita indipendente per superare l’approccio assistenzialista alla disabilità
OutOnomia, prove pratiche di vita indipendente per superare l’approccio assistenzialista alla disabilità

Gli anni passano, le barriere restano: Calabria maglia nera di spiagge inclusive
Gli anni passano, le barriere restano: Calabria maglia nera di spiagge inclusive

Art4sport: sport e giovani con amputazione, un binomio bello e possibile
Art4sport: sport e giovani con amputazione, un binomio bello e possibile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Di santuari animali violati e granchi blu – #797

|

Il “caso” Beatrice Pepe e i media italiani: quando il sessismo vince sull’informazione ambientale

|

Carla La Placa, la seed saver che coltiva grani antichi e legumi

|

Ciroma, la radio libera antidoto contro l’omologazione di musica e pensiero

|

Report di Impatto 2023: ecco come la finanza può essere uno strumento per il bene comune

|

Un rigassificatore spaventa la Liguria (e non solo). Ma cos’è e a cosa serve?

|

Agricoltura naturale o “del non fare”: Kutluhan Özdemir e il metodo Fukuoka – Meme! #46

|

Kaki Tree, alberi della pace per unire i progetti virtuosi e creare rete