16 Giu 2023

Zona NTL: riscoprire Napoli con un’app in un percorso tra turismo e legalità

A Napoli è possibile trovare una Zona "Non a Traffico Limitato" in cui perdersi abbandonandosi alla ricchezza di un patrimonio culturale fatto di monumenti, opere d'arte e luoghi-icone della legalità e della carità. Si tratta della Zona NTL identificata dall'associazione Annalisa Durante: a farci da guida in questo itinerario, un'applicazione disponibile gratuitamente su Android.

Salva nei preferiti

Campania - “Zona NTL” è un termine che è stato coniato dall’associazione Annalisa Durante, nata nel 2005 per onorare la memoria della giovane quattordicenne che il 27 marzo 2004 perse la vita a Forcella in uno scontro armato tra esponenti di clan rivali. Dalla sua costituzione, l’associazione ha radunato le forze di una larga parte della società partenopea che non vuole arrendersi alla violenza e alla sopraffazione, impegnandosi nella promozione di iniziative sociali e culturali, con l’obiettivo di narrare un riscatto morale che, partendo da Forcella, possa estendersi all’intera città di Napoli e non solo.

I principali ambiti di intervento su cui opera l’associazione Annalisa Durante sono ben integrati nell’idea che sta alla base del progetto Zona NTL, che mira ad attivare a Forcella un circuito di crescita culturale ed economica, donando nuove pagine a una storia non da riscrivere ma da risignificare.

NTL sta infatti per Napoli, Turismo e Legalità, e la zona racchiude in sé i luoghi principali in cui questi temi sono fortemente rappresentati nell’offerta del territorio, che possono e devono, anzi, costituire nuovi motivi di visita e di conoscenza profonda della città. L’invito è quello di immergersi liberamente, come in una “Zona non a traffico limitato”, nel tessuto urbano a partire dagli antichi Sedili di Forcella e Capuana, che possono essere considerati il fulcro vivente di questo movimento.

Zona NTL
I LUOGHI DA RISCOPRIRE

Dove potrebbe mai iniziare un tour della città se non da qui? Provenendo dalla Stazione Centrale di Napoli, le strade e i vicoletti caratteristici di questi rioni richiamano su di sé l’attenzione, celando un preziosissimo pezzo di storia della città, spesso sottovalutato. Lasciandosi guidare lungo questo itinerario non ci si imbatte unicamente nei resti delle mura greche di Neapolis, ma in un patrimonio monumentale e artistico tutto da scoprire e riscoprire, nello spirito della vitalità partenopea e in numerosissime testimonianze culturali e sociali.

Ed è proprio per consentire ai visitatori di conoscere e percorrere i luoghi fondamentali della carità e della giustizia che costellano la città di Napoli che l’associazione Annalisa Durante ha sviluppato l’app Zona NTL – Napoli, Turismo e Legalità. A partire dalla Biblioteca Annalisa Durante, passando per il Teatro Trianon Viviani, la Ruota degli Esposti, Castel Capuano, Pio Monte della Misericordia e tanti altri luoghi di interesse, l’applicazione delinea un percorso variegato, fatto di contrasti, luci ed ombre, storie di legalità e di illegalità che si congiungono in un unico appello alla solidarietà.

Ad aprire il percorso completo proposto in app c’è la Biblioteca a porte aperte Annalisa Durante, che ospita la mostra permanente “Neapolis Time – Zona NTL” sul dialogo tra il passato e il presente di una comunità che non smette mai di dimostrare il suo impegno per la legalità. Scaricabile gratuitamente da PlayStore (per sistemi Android), l’app Zona NTL rende il tour interattivo, proponendo monumenti da visitare e percorsi da seguire e consentendo di programmare una visita personalizzata, di realizzare nuovi itinerari sul momento; dà inoltre la possibilità di condividere le foto scattate a ogni tappa con la community che ha preso parte all’iniziativa.

L’invito è quello di immergersi liberamente, come in una “Zona non a traffico limitato”, nel tessuto urbano

Intraprendere questo percorso significa entrare in una zona di forte impegno sociale e culturale a cui contribuire, lasciandosi trascinare dall’entusiasmo e dalla voglia di riscatto di una comunità che pratica l’accoglienza, che investe nella valorizzazione dei suoi luoghi di interesse, per donar loro nuova vita. Ma vediamo, nel dettaglio, cosa ci propone quest’iniziativa.

APP-UNTAMENTO A FORCELLA

Non solo itinerari turistici, ma una vera e propria guida alla scoperta di questi luoghi-simbolo della legalità a Napoli. A completamento della proposta dell’applicazione Zona NTL, che vanta anche numerose convenzioni con botteghe e ristoranti della zona, c’è stata la pubblicazione del libro pop-up APPuntamento a Forcella, scritto da Valeria Alinovi e pubblicato da Napoli Pop-Up di Peppe Cerillo.

Il volume, realizzato a colori e scritto in italiano e in inglese, rappresenta la guida di riferimento su cui si basano le tappe delineate nell’app, in esso illustrate e animate attraverso degli originali kirigami. Può essere acquistato esclusivamente presso l’editore oppure prenotandolo con una mail a info@annalisadurante.it, sostenendo con l’acquisto le attività dell’associazione.

Zona NTL

L’itinerario completo della Zona NTL di Forcella è costituito da monumenti liberamente accessibili, luoghi visitabili in orari specifici o su prenotazione, ma anche da siti attualmente chiusi al pubblico, e richiede un impegno di circa cinque ore calcolando una breve sosta per i cenni storici di ogni tappa. Per questo motivo, per l’intero tour sarebbe consigliabile una prenotazione anticipata della visita, così da non avere problemi d’accesso alle tappe previste e non ostacolare lo svolgimento delle funzioni religiose nei luoghi di culto proposti.

PERCORSI E FOCUS PARTICOLARI

Il percorso “Carità e Giustizia” parte da Castel Capuano per una visita ai luoghi di Napoli che parlano di beneficenza e legalità, raccontando passato, presente e futuro di una città solidale, ospitale e generosa. Tra le tappe proposte, troviamo infatti la Ruota degli Esposti per l’accoglienza dei bambini abbandonati, la Sala del Lazzaretto del complesso monumentale di Santa Maria della Pace conosciuto per le cure donate agli indigenti e infine il complesso di Pio Monte della Misericordia dedicato all’assistenza dei più bisognosi.

Un focus speciale è stato realizzato sulla figura di San Gennaro, anima pulsante della Zona NTL, in cui è possibile ritracciare un itinerario specifico, che partendo dal murale realizzato dall’artista Jorit Agoch all’ingresso di via Vicaria Vecchia, ci accompagni nei luoghi dedicati al Santo Patrono di Napoli. Necessaria, quindi, una visita alla Cappella del Tesoro di San Gennaro e al reliquario custodito nel Duomo di Napoli, all’Obelisco di San Gennaro in via dei Tribunali e, per concludere, all’Edicola edificata sul Sagrato della Chiesa di Santa Caterina a Formiello.

Progetto senza titolo 22

L’offerta tradizionale di visite guidate viene inoltre arricchita da forme di turismo esperienziale come quelle proposte dal percorso Zona NTL 2.0. Dal progetto Fa.Re. Comunità, iniziativa sostenuta dalla Fondazione Banco di Napoli che vede coinvolti diversi partner, nascono percorsi che vedono coinvolti non solo i visitatori, ma anche gli abitanti, mobilitando cittadini e commercianti.

Alle soste presso i monumenti si alternano visite agli artigiani del posto e assaggi presso i ristoratori, i quali mostrano il piacere di condividere storie ed esperienze di vita vissuta. Tra questi, troviamo gli esercenti appartenenti alla Comunità Slow Food Forcella, che nasce proprio con l’obiettivo di preservare il gusto della tradizione che fa parte della cultura partenopea, promuovendo principi di genuinità che si intrecciano con i nuovi percorsi di turismo e legalità.

PRENOTAZIONI

ZonaNTL ha una sezione dedicata alla pianificazione degli itinerari di visita, in cui poter effettuare la richiesta di prenotazione per una visita guidata, tramite app o contattando il numero 3391533960. I percorsi proposti sono quattro, di cui due specifici incentrati rispettivamente sui temi della carità e della giustizia e sui luoghi di San Gennaro.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Salvatore Borsellino: “Non serve ricordare la strage di via D’Amelio solo una volta all’anno”
Salvatore Borsellino: “Non serve ricordare la strage di via D’Amelio solo una volta all’anno”

Vent’anni senza Annalisa Durante, ma la “sua” associazione continua la lotta alla camorra
Vent’anni senza Annalisa Durante, ma la “sua” associazione continua la lotta alla camorra

La Masseria Ferraioli: lottare contro le mafie generando verde e bellezza
La Masseria Ferraioli: lottare contro le mafie generando verde e bellezza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Biden si è ritirato dalle presidenziali Usa! Che succede adesso? Chi è Kamala Harris? – #968

|

In viaggio con Cosy for you: esplorare Napoli non è mai stato così semplice

|

Ramona Bavassano: “Le soluzioni per affrontare la siccità stanno in una gestione comunitaria dell’acqua”

|

Ultima Generazione e la crisi ambientale: ecco perché è giusto sostenere chi fa attivismo per il clima

|

Anche Parma ha la sua Comunità Energetica: è un nuovo passo verso la vera transizione

|

Alla ricerca del libero arbitrio tra microbioma, epigenetica e spiritualità – A tu per tu + #18

|

Forest School Pianfei: un “asilo nel bosco” aperto al mondo

|

Caccia alle foche: l’UE pensa di riaprirla per le pressioni delle lobby

string(6) "napoli"