13 Lug 2023

Orti del Mediterraneo, la fattoria sociale dove l’inclusione si fa nei campi e in cucina

Scritto da: Salvina Elisa Cutuli

Vicino Catania, all’interno di un bene confiscato alla mafia, è nato Orti del Mediterraneo, una fattoria sociale che permette l’inserimento di soggetti deboli nel mondo lavorativo. Grazie anche al sostegno della Rete Fattorie Sociali Sicilia l’area è stata trasformata in un parco museale in cui si svolgono visite didattiche e in un laboratorio per la trasformazione della canapa.

Salva nei preferiti

Catania - A Misterbianco, non lontano dal centro abitato, nel 2016 è nata la fattoria sociale Orti del Mediterraneo grazie alla cooperativa Energ-Etica Catania, all’interno di un bene confiscato alla criminalità organizzata. Un luogo privilegiato per l’inserimento di soggetti deboli, un parco tematico inclusivo aperto ai cittadini, alle scuole e ai ricercatori dove l’attività agricola di produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti con marchio etico e biologico si intreccia con una socialità possibile per tutti.

Grazie al sostegno di Fondazione con il Sud e Fondazione Vismara, tre lotti di terreno agricolo, abbandonati da oltre trent’anni sono stati trasformati in un parco museale con la riproduzione degli orti tipici del Mediterraneo, agrumi, frutti antichi, succulente, anche con l’aiuto del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania e del CNR di Catania. Inoltre all’interno di un piccolo casolare presente nel terreno è stato allestito un laboratorio utile per la trasformazione dei prodotti agricoli. Gli Orti del Mediterraneo fanno parte della Rete Fattorie Sociali Sicilia, dell’Associazione Nazionale BioAgricoltura Sociale e collabora con l’Associazione Italiana Educazione Sanitaria sezione Sicilia (A.I.E.S.).

orto mediterraneo 4

«Far parte delle Rete Fattorie Sociali Sicilia è stato per noi fondamentale, abbiamo realizzato in pochissimo tempo un progetto che avrebbe necessitato di almeno dieci anni. A fianco a noi ci sono state persone che ci hanno supportato in tutto e per tutto. Gianni Sampieri per le api, Salvo Scuderi della Cooperativa Colli Erei per la canapa, Antonio Grimaldi ci ha ospitato gratuitamente nel suo terreno prima ancora che ottenessimo l’affidamento dal terreno di Misterbianco da parte dell’amministrazione. Uno scambio umano profondo e sincero», racconta Claudia Cardillo, Presidente della Cooperativa Sociale Energ-etica Catania.

Olio e farina di canapa, miele millefiori e all’eucalipto, pappa reale in primavera e autunno, mandarini tardivi – i marzaroli come si chiamano da queste parti – trasformati in marmellata entro due ore dalla raccolta e poi aromatizzati al miele millefiori. Sono questi i prodotti a marchio Orto del Mediterraneo che si producono all’interno della fattoria grazie alle collaborazioni attivate dalla Rete Fattorie Sociali Sicilia. 

Noi qui facciamo in modo che questi ragazzi possano svolgere una vita normale garantendo loro tutti quei diritti che spesso vengono negati

E sono i ragazzi autistici, seguiti dai vari tutor, a svolgere tutte le attività necessarie per il mantenimento della fattoria sociale: laboratorio per la trasformazione e visite didattiche del parco. Orazio lavora la farina e si prende cura tutto l’anno delle piante di fragole, Gesualdo prepara la merenda sana e genuina a base di pane, marmellata e miele prodotti da loro stessi, per i bambini durante le visite. Andrea si è specializzato nel gioco dell’oca per  spiegare ai visitatori la stagionalità degli alimenti. 

La Cooperativa Sociale Energ-Etica Catania nasce dall’Osservatorio Mediterraneo Onlus, che da oltre trent’anni si occupa di minori e disagio, e tra le finalità principali ha l’inserimento socio-lavorativo di ragazzi con disabilità, soprattutto dello spettro dell’autismo. Agli Orti del Mediterraneo un ragazzo autistico ha un regolare contratto di lavoro in agricoltura e due ragazzi godono di borse lavoro. L’obiettivo ultimo della fattoria è avere la possibilità economica di inserire al livello lavorativo tutti i ragazzi che vi lavorano.

orto mediterraneo 1

Le attività si svolgono tutte le mattine: tre giorni alla settimana sono dedicati alla cura degli orti, gli altri due ai lavori di trasformazione in laboratorio. Qui ogni macchina porta il nome del ragazzo che segue le lavorazioni: il mulino è di Orazio, lo stesso che cura le fragole; le presse invece sono di Gesualdo e Andrea. Durante i pomeriggi si svolgono laboratori in orticoltura, guidati sempre da tutor aziendali ed educativi, per piccoli gruppi di ragazzi che seguono in maniera graduale un percorso di inserimento nelle attività della fattoria. 

«Ognuno di noi è diverso e ha le proprie abilità. Noi qui facciamo in modo che questi ragazzi possano svolgere una vita normale garantendo loro tutti quei diritti che spesso vengono negati. Il diritto di stare in un luogo in cui hanno benessere, un lavoro e sono amati. Questo è impagabile per loro e per noi operatori che siamo chiamati a migliorare come persone pensando ai bisogni dei cosiddetti “ultimi”. Io non guardo più all’altro per le diversità manifeste o meno, ma per le abilità che può esprimere. Tutti hanno un posto nella società e tutti hanno diritto a trovare una collocazione e dare il proprio contributo», continua Claudia.

Grazie a un fondo europeo di sviluppo regionale all’orizzonte ci sono grandi novità per la fattoria sociale. In uno dei lotti del terreno originario è stata costruita una nuova struttura polifunzionale, forse la prima in Sicilia nell’ambito dell’agricoltura sociale, di 600 metri quadri suddivisa in tre parti. Ci sono poi un laboratorio di almeno 200 metri quadri, un’aula didattica per eventi, convegni e incontri con le scuole e un miniappartamento per continuare un lavoro di autonomia in vista del “dopo di noi”.

orto mediterraneo 2

I ragazzi impegnati nei percorsi mattutini svilupperanno le proprie abilità anche nella gestione della quotidianità all’interno di una casa. Per i ragazzi che stanno seguendo il percorso di inserimento durante le attività pomeridiane si spera di offrire loro un servizio mattutino nella nuova struttura

«Noi svolgiamo attività di agricoltura sociale e in questi anni il sociale ha portato molte risorse all’agricoltura. La nostra fattoria è un luogo tranquillo, vicino al centro abitato ma con pochi rumori se non quelli della natura. Ogni mattina siamo contenti di venire a lavorare qui, c’è un clima di benessere per tutti noi e questa è la più grande vittoria. È una scelta di vita la nostra, che cerca di costruire un mondo migliore per tutti», conclude Claudia Cardillo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Professione Chief Happiness Officer: “Il mio lavoro? La manager della felicità”
Professione Chief Happiness Officer: “Il mio lavoro? La manager della felicità”

Il lavoro è una realtà spirituale: trasformiamolo, non aboliamolo
Il lavoro è una realtà spirituale: trasformiamolo, non aboliamolo

Il gioco d’azzardo in Italia è una piaga sociale. Cosa possiamo fare? – Io non mi rassegno + #17
Il gioco d’azzardo in Italia è una piaga sociale. Cosa possiamo fare? – Io non mi rassegno + #17

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(7) "sicilia"