13 Lug 2023

Percorsi Spericolati, i giovani scendono in campo per rivitalizzare le aree interne

Scritto da: Simone Foscarini

Fra le Alpi Giulie e le Alpi Carniche si sono ritrovati tanti giovani e tantissime idee. Il contenitore che le ha accolte è Percorsi Spericolati, un progetto lanciato da tre realtà territoriali con l'obiettivo di far incontrare la creatività, la freschezza e la lungimiranza di giovani menti con le potenzialità – purtroppo spesso inespresse – delle aree interne italiane. Anche noi di Italia che Cambia abbiamo partecipato attivamente alle prime fasi di questo cammino.

Salva nei preferiti

Udine, Friuli Venezia Giulia - Si è da poco conclusa la seconda edizione di Percorsi Spericolati, un’iniziativa promossa dalla Fondazione Pietro Pittini per promuovere le realtà delle aree interne e montane del Friuli Venezia Giulia attraverso il coinvolgimento di ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia. Anche noi di Italia che Cambia abbiamo partecipato a questo stimolante percorso di attivazione e di creazione di connessioni fra giovani forze e territori dalle grandi potenzialità.

Con una call uscita a gennaio sono stati selezionati, a fronte di più di trecento candidature, 28 aspiranti agenti di sviluppo territoriale provenienti da dodici regioni italiane. Un successo già nei numeri, a testimonianza della validità della proposta di Fondazione Pietro Pittini e dalle associazioni Meraki Desideri Culturali e Rob de Matt APS, in grado di comprendere da un lato i bisogni delle realtà produttive del territorio e dall’altro di intercettare l’intraprendenza dei moltissimi giovani che hanno cuore le aree interne e montane. 

IL FORMAT

Il format di Percorsi Spericolati è molto semplice e si articoli in tre momenti

  • una settimana di training residenziale in Friuli Venezia Giulia per un percorso di formazione con esperti di comunicazione/progettazione delle aree interne e un camp immersivo con le aziende locali per studiare le specificità delle imprese e le esigenze dei territori in cui operano
  • un mese di lavoro da remoto per sviluppare con e per le aziende del Friuli Venezia Giulia un elaborato di comunicazione e promozione
  • un spring camp con presentazione finale dei lavori degli Spericolati in un evento conclusivo alla presenza di tutti gli attori e partner del progetto

L’edizione di quest’anno si è concentrata sui temi legati alla comunicazione, con l’obiettivo di esplorare linguaggi e potenzialità dei social media, modalità di storytelling, service design e community engagement. Come Italia che Cambia abbiamo avuto l’onore e il piacere di portare la nostra esperienza durante il training residenziale. Vi raccontiamo quindi Percorsi Spericolati avendo respirato direttamente l’entusiasmo e l’energia di quelle giornate.

IL TRAINING RESIDENZIALE DI PERCORSI SPERICOLATI 

Siamo a Valbruna, una piccola località abbracciata dalle Alpi Giulie e Carniche che dista 90 chilometri da Udine. È uno dei tanti paesi di confine, a pochi passi da Austria e Slovenia, che conservano una memoria di guerre, scontri ma che «insegnano anche molto sulla cultura della pace e l’integrazione tra popoli». Così racconta Antonio Andrich, direttore del Parco delle Alpi Giulie, che partecipa alla tavola rotonda, che accoglie il nostro arrivo a Percorsi Spericolati. 

ICC percorsi

In questo panel serale ascoltiamo gli interventi del professor Giovanni Carrosio, di Alessia Zabatino di Fondazione San Paolo, Vanni Treu di Cooperativa Cramars e di altri attori del territorio attivi nelle aree interne del paese. Si intrecciano molti discorsi che faranno da sfondo a tutta la settimana residenziale: politiche delle aree montane, strategia nazionale per le aree interne, protagonismo giovanile e spazio per l’innovazione sociale.  

La mattina seguente incontriamo gli Spericolati per la formazione. Come Italia che Cambia siamo stati invitati a parlare di comunicazione legata allo sviluppo territoriale, portando esempi di cambiamento e analizzando anche strumenti e potenzialità di un buon comunicare. Lavoriamo soprattutto in gruppi, simulando con gli Spericolati, dei casi studio come quelli che dovranno affrontare con il territorio.  

È un contesto molto stimolante sia per il confronto con gli Spericolati sia per lo scambio con gli altri esperti che con noi conducono la formazione: Claudio Calvaresi e Giovanni Pizzocchero di Avanzi e Lucia Borso, Naima Comotti e Teresa De Martin di Rob De Matt e Meraki Desideri Culturali, le progettiste che hanno, insieme alla Fondazione Pietro Pittini, organizzato Percorsi Spericolati. 

Una cosa ci è parsa chiara fin da subito: tutti gli Spericolati e le Spericolate che vogliono investire nelle aree interne, siano esse di pianura o di montagna, delle Alpi degli Appennini o delle isole, condividono qualcosa di molto profondo, capace di andare al di là delle evidenti differenze geografiche e territoriali. Condividono la determinazione di voler cambiare le cose e di lanciarsi in prima linea nel provarci

percorsi spericolati
GLI ELABORATI FINALI 

Quando noi di Italia che Cambia lasciamo Valbruna, iniziano le esperienze immersive con le aziende: gli Spericolati, divisi in gruppi, incontrano le imprese locali sviluppando, in linea con le esigenze della rispettiva realtà territoriale, il prodotto di comunicazione più appropriato.

È questa una delle fasi più entusiasmanti di Percorsi Spericolati – ci raccontano i partecipanti – perché lo stretto lavoro con le aziende in presenza prima e da remoto poi, entra nel vivo dei territori e nella quotidianità delle imprese. Dopo un mese di lavoro gli Spericolati tornano in Friuli per l’evento conclusivo di presentazione degli elaborati. Tutti i progetti sono cuciti sui bisogni delle diverse aziende del territorio e variano da: 

  • strategie di valorizzazione social e marketing realizzati per Tessitura Sauris Rete Imprese e la Coop. Soc. Valcanale /Cave Predil
  • Strategia di rebranding e storytelling per il GAL Montagna Leader e Il borgo delle mele
  • Recupero e valorizzazione del territorio per l’Azienda Agricola Zalpa
  • Community engagement per l’Azienda Agricola Gambon
  • Strategia per l’attrazione dei giovani professionisti per l’Azienda agricola Mieli dei Roncs

Tutti gli Spericolati e le Spericolate che vogliono investire nelle aree interne condividono qualcosa di molto profondo, capace di andare al di là delle evidenti differenze geografiche e territoriali

Ciascun progetto e ciascun team di lavoro è stato premiato dalla giuria, con il plauso delle aziende partner, che sono rimaste molto colpite dagli elaborati. L’intuizione alla base di Percorsi Spericolati è stata quella di creare un ponte e mettere in connessione i territori vulnerabili del Friuli Venezia Giulia con giovani di tutta Italia che vogliono spendersi per invertire questa tendenza, mettendo a disposizione del territorio le proprie competenze e le proprie capacità comunicative. 

Il merito più grande è stato quello degli Spericolati stessi, che con il loro ricco bagaglio di esperienze hanno contribuito a creare un ambiente di apprendimento e condivisione unico. Salutiamo Percorsi Spericolati uscendone anche noi arricchiti e augurando a tutti gli Spericolati e a tutte le Spericolate di essere protagonisti di nuove storie di cambiamento.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Coordinamento Donne di Montagna, la forza delle donne per un nuovo volto delle montagne 
Coordinamento Donne di Montagna, la forza delle donne per un nuovo volto delle montagne 

Percorsi Spericolati, il progetto che aiuta i giovani a fare impresa nelle aree interne
Percorsi Spericolati, il progetto che aiuta i giovani a fare impresa nelle aree interne

Nuovi modelli di turismo sostenibile: la Val Pennavaire si mette in rete
Nuovi modelli di turismo sostenibile: la Val Pennavaire si mette in rete

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Diritti animali, spiagge depredate e accessibilità – INMR Sardegna #38

|

Nasce un nuovo impianto fotovoltaico collettivo: servirà 75 famiglie

|

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

|

Discarica di Lentini, tra chiusure e riaperture emerge la gestione dei rifiuti fallimentare in Sicilia

|

Consumi idrici: Italia ai primi posti in Europa per usi agricoli, industriali e domestici

|

Fotovoltaico in casa: è più ecologico vendere o accumulare l’energia in eccesso?

|

In Sardegna la rivolta degli ulivi contro il Tyrrhenian Link ma Todde rimarca: “L’opera è necessaria”

|

Empatia, vita itinerante, mal di denti e revisioni di camper

string(9) "nazionale"